Archivio Articoli

  • Le lotte degli afro americani nella letteratura
    Scritto da
    Le lotte degli afro americani nella letteratura

    Ok, vediamo un po’ di ricordare… Sapete come è? Dopo un po’ la memoria comincia a far brutti scherzi e sommi fatti, anni, eventi in anni sbagliati o del tutto inventati. Facciamo così, avevo dodici anni, sto parlando del 1988. Dodici anni, sissignore. Già allora mi annoiavo, prestavo poca attenzione, ero un mix micidiale di goffaggine e deconcentrazione. Guardavo spesso fuori dalla finestra della mia classe. Non che ci fosse qualcosa di bello o giusto da vedere nella strada sottostante. Non c’è nulla di bello e giusto in certe zone dabbene e laboriose. Tanta noia, un dio brontolone, la paura del diverso e del vicino. Non dico siano cose terribili da sostenere, ci puoi vivere benissimo. Una vita dignitosa, produttiva, ordinaria. Una vita di conti e conti in banca. Questo è quanto, uomo.

    Scritto Venerdì, 14 Dicembre 2018 00:00
  • Marx oltre i luoghi comuni (di Paolo Ferrero)
    Scritto da
    Marx oltre i luoghi comuni (di Paolo Ferrero)

    A duecento anni dalla nascita di Marx, così come per il centenario della rivoluzione russa e per il cinquantesimo del 1968, l’editoria propone negli scaffali numerosi testi.

    Scritto Giovedì, 13 Dicembre 2018 00:00
  • Mount Eerie, tre pezzi difficili
    Scritto da
    Mount Eerie, tre pezzi difficili

    Quello di Phil Elverum è un nome noto agli amanti della bella musica, così come quello del suo progetto più recente, Mount Eerie. Delle sonorità lo-fi tra il sognante e l'evocativo che lo avevano reso un nome imprescindibile, però, ultimamente resta poco. In mezzo la tragedia di Geneviève Castrée, fumettista canadese francofona, musicista ed eccezionale esempio di artista a tutto tondo, moglie, collaboratrice e madre della figlia di Elverum, uccisa da un cancro a 35 anni. A lei, ed alla sua scomparsa, sono dedicati gli ultimi tre album di Mount Eerie: A Crow Looked At Me, Now Only ed il live album (after).

    Scritto Mercoledì, 12 Dicembre 2018 00:00
  • Politica tra Cina e Usa alla luce del caso Huawei
    Scritto da
    Politica tra Cina e Usa alla luce del caso Huawei

    Aumenta la tensione nella cosiddetta “guerra commerciale” tra Stati Uniti e Cina, dopo l'arresto in Canada di una delle dirigenti più importanti del gigante della telefonia mobile Huawei. Di questo e delle ramificazioni geopolitiche del conflitto economico tra USA e nuovi giganti manifatturieri parliamo questa settimana, a più mani.

    Scritto Martedì, 11 Dicembre 2018 00:00
  • Il divano di Stalin, con il volto di Gérard Depardieu
    Scritto da
    Il divano di Stalin, con il volto di Gérard Depardieu

    Un film di Fanny Ardant, trasposizione dell'omonimo romanzo di Jean-Daniel Baltassat. Gérard Depardieu a vestire i panni del baffone .

    Scritto Lunedì, 10 Dicembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #267 – Approvata la riforma dell'immigrazione
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #267 – Approvata la riforma dell'immigrazione

    Pillole dal Giappone #267 – Approvata la riforma dell'immigrazione

    Scritto Domenica, 09 Dicembre 2018 00:00
  • L'atteso ritorno dell'imparziale Nanni Moretti
    Scritto da
    L'atteso ritorno dell'imparziale Nanni Moretti

    Cosa hanno in comune il Cile del 1973 e l'Italia di oggi?

    Tutti Voi lettori avrete sentito parlare dell'11 settembre 2001. Torri Gemelle, terrorismo, Bin Laden, Bush, Al Qaeda. Pochi però hanno sentito parlare di un 11 settembre precedente: quello del 1973.

    Scritto Sabato, 08 Dicembre 2018 00:00
  • Le due lezioni alle sinistre dopo le elezioni in Andalusia
    Scritto da
    Le due lezioni alle sinistre dopo le elezioni in Andalusia

    Il risultato delle recenti elezioni regionali in Andalusia ha destato scalpore per due preoccupanti novità manifestatesi per la prima volta dai tempi del franchismo: l’interruzione del dominio politico delle sinistre nella regione, l’ingresso dell’estrema destra in un Consiglio regionale spagnolo.

    Il partito fascista Vox, che starebbe per “vox populi” (giusto per chiarire ancora una volta la reale natura nero-bruna dei “populisti”), ottiene l’11% a scapito dei principali partiti e della lista a trazione podemista, mentre anche Ciudadanos raddoppia i propri consensi.

    Scritto Mercoledì, 05 Dicembre 2018 23:52
  • Legislazione in materia di immigrazione in Italia: un breve excursus storico – II
    Scritto da
    Legislazione in materia di immigrazione in Italia: un breve excursus storico – II

    [Continua da qui]

    Con i decreti legge Minniti-Orlando del 2017 tutto questo trova piena realizzazione: “Daspo urbano” e militarizzazione delle città, “grazie” agli accordi con la Libia (e qui non stiamo a sottolineare la situazione di caos presente in questo paese, in cui intere zone sono sotto il controllo di milizie armate), “i respingimenti in mare diretti e «per procura» alle autorità libiche diventano uno strumento ordinario di controllo degli ingressi”1, così come i trattenimenti nelle carceri libiche (in cui i diritti umani non vengono minimamente rispettati).

    Scritto Mercoledì, 05 Dicembre 2018 00:00
  • Decreto sicurezza: un provvedimento che spaventa e che dice molto sul governo
    Scritto da
    Decreto sicurezza: un provvedimento che spaventa e che dice molto sul governo

    Mercoledì 28 Novembre è stato approvato in via definitiva dalla Camera il “decreto sicurezza”. Fortemente voluto da Salvini, il provvedimento introduce alcune nuove norme in materia di immigrazione e di ordine pubblico che riflettono l’impostazione securitaria della Lega. L’abolizione della protezione umanitaria, il depotenziamento dello Sprar, l’estensione della sperimentazione del taser, la stretta sull’abusivismo abitativo e l’aumento dei fondi destinati ai rimpatri sono solo alcune delle misure di un decreto fortemente criticato dalle opposizioni ma diventato legge nonostante le polemiche anche all’interno della maggioranza. Sul “decreto Salvini” il Dieci mani della settimana.

    Scritto Martedì, 04 Dicembre 2018 00:00
  • I crimini di Grindelwald, un commento a freddo
    Scritto da
    I crimini di Grindelwald, un commento a freddo

    di Dmitrij Palagi e Silvia D'Amato Avanzi

    In un effetto speciale forse naïf ma suggestivo nella semplicità della metafora, veli neri ricoprono la città ad indicare che il mago oscuro Grindelwald chiama a raccolta i suoi sostenitori. La lettura politica più evidente rappresenta forse un limite di questo secondo capitolo di Animali fantastici – I crimini di Grindelwald. Sicuramente il film si sviluppa in una maniera maggiormente convincente rispetto al precedente episodio, lasciando spazio a una sceneggiatura sviluppata a prescindere dalle narrazioni già note al pubblico (e anche dall’elenco degli animali offerti dalle nuove tecnologie).

    Scritto Lunedì, 03 Dicembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #266 – Prima approvazione della legge che riforma l'immigrazione
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #266 – Prima approvazione della legge che riforma l'immigrazione

    Pillole dal Giappone #266 – Prima approvazione della legge che riforma l'immigrazione

    Scritto Domenica, 02 Dicembre 2018 00:00
  • Il primo western dei fratelli Coen targato Netflix
    Scritto da
    Il primo western dei fratelli Coen targato Netflix

    Dopo il remake de "Il Grinta", i fratelli Coen tornano ai saloon e alla polvere del selvaggio west. Per la prima volta Netflix produce un film dei geniali Ethan e Joel, premiati nuovamente per la miglior sceneggiatura all'ultimo Festival di Venezia, presieduto da Guillermo Del Toro.

    Scritto Sabato, 01 Dicembre 2018 00:00
  • Il pensiero di Alice Miller per spezzare le catene della pedagogia nera
    Scritto da
    Il pensiero di Alice Miller per spezzare le catene della pedagogia nera

    “Come un bambino sotto l’educazione”
    Nomadi, Fiore nero.

    Sempre più spesso mi capita di leggere in giro, da parte di persone adulte e vaccinate, nostalgia per l’educazione che si impartiva una volta ai bambini e adolescenti. Fa parte della Sindrome del S.S.M.Q.P. – per i profani: «si stava meglio quando si stava peggio». Il che oggettivamente è una sciocchezza. Se stavi peggio non potevi assolutamente stare meglio. Un dato di fatto. Semplice. Però questi tempi di transizione (una transizione fin troppo lunga) ci fanno vivere in condizioni di assoluta incapacità di analisi e riflessione su cosa stia avvenendo e come reagire.

    Scritto Venerdì, 30 Novembre 2018 00:00
  • Legislazione in materia di immigrazione in Italia: un breve excursus storico
    Scritto da
    Legislazione in materia di immigrazione in Italia: un breve excursus storico

    In un libro di venti anni fa, intitolato L’injustifiable (“L’ingiustificabile”), l’autrice Monique Chemillier-Gendreau1 notava un paradosso in seno alle politiche europee: l’estendersi dei diritti dei cittadini europei andava di pari passo a un restringimento dei diritti e delle possibilità offerte ai non europei, al punto che si può parlare di “un declino dei diritti fondamentali degli stranieri in Europa”2.

    Scritto Giovedì, 29 Novembre 2018 00:00
  • Lo stato di salute della ricerca scientifica
    Scritto da
    Lo stato di salute della ricerca scientifica

    Come sta la ricerca scientifica in Italia e nel mondo? Cosa aspettarsi per i prossimi anni e decenni dal mondo scientifico e tecnologico? La questione sullo stato di salute della ricerca, scientifica e non, in Italia e nel mondo è un qualcosa che può essere affrontato a partire da molteplici aspetti poiché, in fondo, è un flusso di conoscenze, persone, capitali e investimenti senza discontinuità. Questa natura “circolare” rende questo mondo qualcosa che può essere vizioso o virtuoso a seconda dell’importanza che gli viene attribuita.

    Scritto Mercoledì, 28 Novembre 2018 00:00
  • La protesta dei Gilets jaunes contro la Francia di Macron
    Scritto da
    La protesta dei Gilets jaunes contro la Francia di Macron

    Lo scorso 17 novembre la Francia è stata travolta da una protesta totalmente inaspettata. Il giorno dei “giubbotti gialli” è stato un enorme successo con oltre 2.000 posti di blocco contro i 1.500 che erano stati annunciati, purtroppo ci è scappato pure il morto nel tentativo di forzarne uno. Una nuova manifestazione con approdo nella capitale parigina si è svolta sabato 24 novembre, e ha replicato il successo del 17 cercando di intavolare un dialogo con le istituzioni che finora sembra essere mancato secondo i manifestanti.
    Nel Dieci Mani di questa settimana approfondiamo le rivendicazioni di questo nuovo movimento spontaneo dei "gilets jaunes" per capirne di più.

    Scritto Martedì, 27 Novembre 2018 00:00
  • Riforma del credito cooperativo e “scudo antispread”
    Scritto da
    Riforma del credito cooperativo e “scudo antispread”

    "Governo del popolo". Affondato il tentativo leghista sul credito cooperativo, solo le BCC bolzanine potranno adottare il modello tedesco che evita i controlli della BCE. Nel dl fiscale anche lo "sterilizzazione" dei titoli di Stato in pancia alle banche non quotate e soprattutto alle assicurazioni, care a Salvini.

    Scritto Lunedì, 26 Novembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #265 – Sciolta la fondazione nippo-coreana sulle comfort women
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #265 – Sciolta la fondazione nippo-coreana sulle comfort women

    Pillole dal Giappone #265 – Sciolta la fondazione nippo-coreana sulle comfort women

    Scritto Domenica, 25 Novembre 2018 00:00
  • Il ritorno di Steve Mc Queen
    Scritto da
    Il ritorno di Steve Mc Queen

    Dopo l'Oscar di "12 anni schiavo", Steve McQueen è tornato. Per chi non conoscesse il regista inglese di origini africane, omonimo del più noto attore, consiglio la visione di pellicole indimenticabili come "Hunger" e "Shame". Film che lanciarono l'attore Michael Fassbender, protagonista di entrambi. Nella sua opera prima raccontava la vera storia di Bobby Sands, attivista dell' IRA che morì in seguito a uno sciopero della fame che protestava contro le condizioni del regime carcerario dei detenuti repubblicani.

    Scritto Sabato, 24 Novembre 2018 00:00
  • Robin Hood: molotov e distintivo
    Scritto da
    Robin Hood: molotov e distintivo

    Robin Hood. L’origine della leggenda è un film da compagni, quindi chiudiamo gli occhi sull’improbabile malriuscita dell’operazione cinematografica. Il rischio di cadere in questa tentazione esiste, ma la realtà la rende inequivocabilmente sbagliata.

    Scritto Venerdì, 23 Novembre 2018 00:00
  • Verso il 25 Novembre. Breve riflessione sulla violenza contro le donne
    Scritto da
    Verso il 25 Novembre. Breve riflessione sulla violenza contro le donne

    Il 25 novembre è la giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Questa data fu scelta dalle Nazioni Unite nel 1999 per ricordare il brutale assassinio di tre donne - le sorelle Mercedes, Antonia e Maria Mirabal - che il 25 novembre 1960 furono trucidate a causa della loro resistenza contro il feroce regime di Trujillo, dittatore della Repubblica Dominicana dal 1930 al 1961.

    Scritto Giovedì, 22 Novembre 2018 00:00
  • New York, anni '70 e pornografia: conclusa la seconda stagione di The Deuce
    Scritto da
    New York, anni '70 e pornografia: conclusa la seconda stagione di The Deuce

    Si è da poco conclusa la seconda stagione di The Deuce - La via del porno. A crearla David Simon e Geroge Pelecanos, nomi noti a chiunque abbia avuto il privilegio di guardare The Wire.

    Scritto Mercoledì, 21 Novembre 2018 00:00
  • I giovani italiani sono davvero meno di sinistra dei coetanei europei?
    Scritto da
    I giovani italiani sono davvero meno di sinistra dei coetanei europei?

    Davvero i giovani italiani sono reazionari e moderati? A partire dalla ricerca del Pew research center ne parliamo questa settimana a dieci mani.

    Scritto Martedì, 20 Novembre 2018 00:00
  • Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 2. Come trasformare l’accoglienza in detenzione
    Scritto da
    Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 2. Come trasformare l’accoglienza in detenzione

    «E poi ascoltatevi un po’, mentre vi servite di questa parola, integrazione. Questa parola debole. Come si fa ad essere così maldestri? Guardate com’è rivelatrice di tutta la malafede che c’è in voi. Chiederci di integrarci dopo che siamo qui da due o addirittura da quattro generazioni è una vera presa per il culo. Voi credete che integrandoci riuscirete a domare le periferie, a ridurre la criminalità? Detto fra noi, i francesi amano questa parola, integrazione, perché fa’ credere loro di essere in grado di addomesticarci. Ma noi non siamo animali selvaggi. Lo sapete?… voi avete invertito i ruoli. Non sta a noi fare lo sforzo. È troppo tempo che ci facciamo il culo a spaccare le vostre vecchie strade con il martello pneumatico, ad assemblare i binari dei vostri treni con la fiamma ossidrica o a posare sul cemento le nuove piastrelle del vostro bagno. Non ci integreremo, perché questa parola è ripugnante. Sa di campo di correzione. […] Noi non aspettiamo con finta trepidazione che voi ci accettiate. La vostra integrazione ci fa ridere. È una parola tremenda. Non ci interessa. Noi non ci dobbiamo integrare. Non ci integreremo. Aspetteremo che voi reagiate, che ci vediate come chiunque altro, come uno straniero qualunque, come un francese qualunque.»
    (Ahmed Djouder, Disintegrati. Storia corale di una generazione di immigrati, il Saggiatore, Milano.)

    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP

    Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP

    Scritto Domenica, 18 Novembre 2018 00:00
  • La difesa del posto di lavoro e la sconfitta della sinistra
    Scritto da
    La difesa del posto di lavoro e la sconfitta della sinistra

    «Chi combatte rischia di perdere, chi non combatte ha già perso» (Brecht)
    Brizè e Lindon tornano ancora una volta dalla parte degli ultimi con intenti neorealisti

    Scritto Sabato, 17 Novembre 2018 00:00
  • Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – II
    Scritto da
    Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – II

    [continua da qui]

    Insistere sulla criticità delle teorie queer significa anche controbattere alla campagna contro la cosiddetta ideologia gender.

    Scritto Sabato, 17 Novembre 2018 00:00
  • La società americana raccontata nei romanzi noir
    Scritto da
    La società americana raccontata nei romanzi noir

    La letteratura di genere per me è il miglior mezzo possibile per descrivere il contesto storico-politico di una società. Certo i saggi politici, storici, economici, sono precisi e profondi nell’analisi e nella riflessione. Essi ci danno informazioni preziose e alla base c’è un grande lavoro fatto di studio, ricerca, tutte cose molto belle. Ma se davvero tu volessi vivere l’odore della notte, una lunga notte delle coscienze, dell’umana pietà, della deriva che ci circonda e della miseria del genere umano, nulla funziona meglio di un ottimo romanzo di genere.

    Scritto Venerdì, 16 Novembre 2018 00:00
  • Excelsior! Ricordando Stan Lee
    Scritto da
    Excelsior! Ricordando Stan Lee

    È impossibile sottovalutare la portata, nell'immaginario occidentale, dell'universo supereroistico rivoluzionato da Stanley M. Lieber, più noto come Stan Lee (1922-2018).

    Tra le ultime battute della Seconda guerra mondiale e l'immediato dopoguerra i “fumetti americani” avevano già avuto un qualche successo con i Detective comics (alla base di quella che sarebbe poi diventata la DC), gli MLJ/Archie comics e i primi fumetti della Timely/Atlas/Marvel, tra cui il patriottico Capitan America uscito dal genio artistico del “King” Jack Kirby, il nome che più spesso si sente associato a quello di Lee; e già, in un dopoguerra che sembrava non sapere più che farsene delle pagine disegnate, i comics supereroistici sembravano in declino, nonostante i tentativi di fine anni '50 della DC di reinventare il medium con i nuovi Justice League e Flash.

    Scritto Giovedì, 15 Novembre 2018 00:00
  • Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 1. Come aumentare gli irregolari per favorire mafie e padroni
    Scritto da
    Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 1. Come aumentare gli irregolari per favorire mafie e padroni

    Come aumentare gli irregolari per favorire mafie e padroni

    Come è noto dalle cronache il Decreto Sicurezza è stato approvato al Senato, così ora si passa alla Camera per la conversione in legge, la discussione è calendarizzata per il prossimo 22 novembre. Tralasciando le questioni procedurali e di forma che hanno fatto discutere, come il porre la fiducia sul provvedimento, è evidente che questo testo ha aperto delle fratture nell’esecutivo giallo-verde. Quello che qui interessa però è andare ad analizzare gli effetti e l’impatto che i provvedimenti avranno nel Paese.

    Scritto Mercoledì, 14 Novembre 2018 00:00
  • Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – I
    Scritto da
    Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – I

    Il 19 ottobre negli spazi dell’ex Libreria delle Donne – adesso diventata Biblioteca Femminista – di via Fiesolana 2b, a Firenze, Lorenzo Bernini, professore associato di filosofia politica presso l’Università degli Studi di Verona, co-fondatore insieme ad Adriana Cavarero – e ora direttore – del Centro di ricerca PoliTeSse (Politiche e Teorie della Sessualità), ha presentato il suo ultimo libro, Teorie queer. Un’introduzione.

    Scritto Mercoledì, 14 Novembre 2018 00:00
  • I cento anni dalla fine della Grande Guerra: occasione per una cerimonia vuota?
    Scritto da
    I cento anni dalla fine della Grande Guerra: occasione per una cerimonia vuota?

    In Europa le celebrazioni per il centenario della conclusione della guerra mondiale sono state composte di due filoni: il tributo ai sacrifici della popolazione mobilitata, al fronte, nelle retrovie o nel fronte interno, e il ribadimento della scelta europeista come via che ha garantito e sola potrà garantire la pace nel continente.

    Scritto Martedì, 13 Novembre 2018 00:00
  • 50 anni fa la scoperta delle pulsar, raccontata da Jocelyn Bell
    50 anni fa la scoperta delle pulsar, raccontata da Jocelyn Bell

    Lo scorso 9 novembre Jocelyn Bell Burnell è stata ospite eccezionale di una conferenza organizzata dal Planetario di Torino e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare nella sala del teatro Piccolo Regio Puccini, gremita da un pubblico di tutte le età. Ricorre infatti il cinquantenario della pubblicazione della rivoluzionaria scoperta delle pulsar.

    Scritto Lunedì, 12 Novembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #263 – Avanza tra le proteste la costruzione della base di Henoko
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #263 – Avanza tra le proteste la costruzione della base di Henoko

    Pillole dal Giappone #263 – Avanza tra le proteste la costruzione della base di Henoko

    Scritto Domenica, 11 Novembre 2018 00:00
  • Il rock dei Queen in tutto il suo splendore
    Scritto da
    Il rock dei Queen in tutto il suo splendore

    Eccomi qua a raccontarvi l'anteprima mondiale di questo grande film. Nei cinema italiani uscirà, grazie a 20th Century Fox, il prossimo 29 novembre. Segnatevi la data, mi raccomando! Avete ancora tempo per pensarci, ma vi consiglio di andare in sala. La serata è iniziata con il red carpet e la nutrita presenza degli attori e, ovviamente, di Roger Taylor e Brian May.

    Scritto Sabato, 10 Novembre 2018 00:00
  • Elezioni di Midterm: una prima analisi
    Scritto da
    Elezioni di Midterm: una prima analisi

    I risultati delle elezioni di mid-term consegnano una maggioranza divisa: la Camera ai democratici, il Senato ai repubblicani.

    Scritto Sabato, 10 Novembre 2018 00:00
  • Quando la scienza arma la guerra
    Scritto da
    Quando la scienza arma la guerra

    Spesso le scoperte scientifiche sono finanziate e finalizzate per scopi bellici anche se la scienza, nella sua essenza profonda, non dovrebbe essere uno strumento di morte.

    Scritto Venerdì, 09 Novembre 2018 00:00
  • Lo strano e l’inquietante nella cultura contemporanea
    Scritto da
    Lo strano e l’inquietante nella cultura contemporanea

    Recensione di The Weird And the Eerie di Mark Fisher

    «Avvicinandosi al porto dalla campagna, dalla visuale degli acquitrini di Trimley, si osservano le gru ergersi sullo scenario agreste come lucidi dinosauri cibernetici che irrompono in un paesaggio di Constable. Da quel punto di vista il porto appare quasi un fenomeno weird, un'eruzione aliena e incommensurabile nel mezzo di uno scenario "naturale".

    Scritto Giovedì, 08 Novembre 2018 00:00
  • Proletkult: l’ultimo Wu Ming letto da un “sedicente” comunista
    Scritto da
    Proletkult: l’ultimo Wu Ming letto da un “sedicente” comunista

    Quella che segue non è una recensione. Purtroppo le condizioni materiali impediscono di trovare il tempo necessario per poter scrivere del rapporto tra i romanzi di Wu Ming e la storia, o anche solo per analizzare la realtà richiamata dall’ultima opera proposta al pubblico dal collettivo, Proletkult. Sono solo alcune considerazioni sparse, opinioni di un sedicente comunista, aggrappato alla speranza di avere un’identità politica aperta e alla ricerca di un contesto in cui quest’ultima possa recuperare un senso riconosciuto.

    Scritto Mercoledì, 07 Novembre 2018 00:00
  • Midterm negli USA sotto Trump
    Scritto da
    Midterm negli USA sotto Trump

    Le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti sono un tradizionale appuntamento di verifica per la Casa Bianca. Assumono un particolare significato dopo l'inattesa vittoria di Trump.

    Scritto Martedì, 06 Novembre 2018 00:00
  • Tempo Rubato (Simone Fana), presentazione

     

    Tempo rubato. Sulle tracce di una rivoluzione possibile tra vita, lavoro e società

    Presentazione del libro Tempo rubato (Imprimatur editore, 2018) con l’autore Simone FanaMaccelli Francesco (dottorando Università degli Studi di Firenze), Maurizio Brotini (Segretario Cgil Toscana), Angela Lobascio (sociologa).

    Introduce e coordina Piergiorgio Desantis, rivista e associazione Il Becco.

    Scritto Lunedì, 05 Novembre 2018 23:01
  • Dalla lotta contro gli stereotipi di genere alla prevenzione della violenza – parte II
    Scritto da
    Dalla lotta contro gli stereotipi di genere alla prevenzione della violenza – parte II

    [continua da qui]

    Purtroppo, come ha spiegato e mostrato Fiorella Tonello, i media contribuiscono massivamente e in maniera invasiva alla creazione e alla propulsione di stereotipi di genere e a costruire immagini, modelli, canoni che diventano vere e proprie gabbie che ci costringono ad assottigliarci (anche nel vero senso fisico del termine, si pensi alla magrezza ostentata in televisione o nelle riviste per quanto riguarda i corpi femminili) per potervi entrare; diventano termini di misura e paragone per trovare un posto all’interno della società e per sentirsi da questa accettati.

    Scritto Lunedì, 05 Novembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #262 – Tensioni con la Corea del Sud
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #262 – Tensioni con la Corea del Sud

    Non soltanto il tentativo di migliorare i rapporti con la Cina, come testimonia l'ultima visita di Abe nell'Impero di Mezzo della scorsa settimana, ma anche il rafforzamento della cooperazione strategica con l'India nella politica estera del Sol Levante.

    Scritto Domenica, 04 Novembre 2018 00:00
  • Claire Foy raddoppia la sfida
    Scritto da
    Claire Foy raddoppia la sfida

    È meglio come novella Lisbeth Salander o come consorte del "First Man" (on the moon) Neil Armstrong?

    Scritto Sabato, 03 Novembre 2018 00:00
  • Dalla lotta contro gli stereotipi di genere alla prevenzione della violenza – parte I
    Scritto da
    Dalla lotta contro gli stereotipi di genere alla prevenzione della violenza – parte I

    Un incontro con Elisa Guidi e Fiorella Tonello

    Scritto Venerdì, 02 Novembre 2018 00:00
  • Decreto Salvini su immigrazine e sicurezza, tra business e repressione
    Scritto da
    Decreto Salvini su immigrazine e sicurezza, tra business e repressione

    Il Decreto Salvini sull’immigrazione ha destato parecchio scalpore nella sinistra antagonista, portando diverse piazze nell’ultimo weekend a mobilitarsi per il suo ritiro. Il decreto approvato lo scorso 24 settembre contenente norme riguardanti l’immigrazione e la sicurezza ha come principale obiettivo la restrizione del diritto di asilo.

    Scritto Giovedì, 01 Novembre 2018 00:00
  • Confini e migrazioni
    Scritto da
    Confini e migrazioni

    Il governo giallo-verde italiano, con in prima fila il suo ministro dell’interno Salvini, ci mette anche del suo, visto che il cosiddetto “decreto sicurezza” prevederebbe l’abrogazione quasi totale della protezione umanitaria in Italia e la cancellazione della rete Sprar, mentre il cosiddetto “reddito di cittadinanza” escluderebbe gli immigrati.

    Scritto Mercoledì, 31 Ottobre 2018 00:00
  • L'ombra nera sul Brasile: Bolsonaro vince il ballottaggio delle presidenziali
    Scritto da
    L'ombra nera sul Brasile: Bolsonaro vince il ballottaggio delle presidenziali

    Dopo i social forum ed il breve periodo di fama dell'ALBA ancora una volta il Brasile, uno Stato immenso e attraversato da profonde contraddizioni, si trova al centro dell'attenzione della politica mondiale, ma purtroppo non in positivo. Le presidenziali hanno infatti visto affermarsi un candidato dichiaratamente autoritario e nostalgico della brutale dittatura militare. Nulla hanno potuto la rimonta del candidato PT Haddad e le mobilitazioni sociali degli ultimi giorni. Delle nubi che si addensano sul Brasile e sull'America Latina in generale parliamo questa settimana, a più mani.

    Scritto Martedì, 30 Ottobre 2018 00:00
  • Fumetti ed eventi da non perdere a Lucca
    Scritto da
    Fumetti ed eventi da non perdere a Lucca

    Anche quest'anno ritorna il consueto appuntamento con Lucca Comics, e, parallelamente, con il festival autogestito delle produzioni indipendenti e “sotterranee” BORDA! Fest (dal 31 ottobre al 4 novembre), arrivato alla quinta edizione, su cui vale la pena spendere due parole.

    Scritto Lunedì, 29 Ottobre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #261 – Visita di Abe in Cina
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #261 – Visita di Abe in Cina

    Pillole dal Giappone #261 – Visita di Abe in Cina

    Scritto Domenica, 28 Ottobre 2018 00:00
  • Angel Face e Marion Cotillard illuminano Cannes
    Scritto da
    Angel Face e Marion Cotillard illuminano Cannes

    L'opera prima di Vanessa Filho torna sul tema genitori - figli con qualche lampo di grande cinema.

    Scritto Sabato, 27 Ottobre 2018 00:00
  • Uno spettro si aggira per le librerie: il fantasma di Eymerich
    Scritto da
    Uno spettro si aggira per le librerie: il fantasma di Eymerich

    Benvenuti tra le rovine della città eterna. La scelta di Gregorio IX di abbandonare Avignone impone un alto prezzo. Vi accolgono decadenza e immoralità.

    Scritto Venerdì, 26 Ottobre 2018 00:00
  • Sul razzismo in Italia
    Scritto da
    Sul razzismo in Italia

    Negli scorsi articoli ho tentato di dar corpo a un’analisi sul razzismo nascosto dietro gli slogan marxisti leninisti dei rossobruni e di collegare questa deriva dell’essere umano ai nefasti danni del colonialismo. Questo perché sono convinto che il problema dell’odio razziale non sia solo frutto di ignoranza o un problema di educazione ma che abbia a che fare con la natura socio-economica del mondo occidentale.

    Scritto Venerdì, 26 Ottobre 2018 00:00
  • Tempo rubato. Tempo da riconquistare.
    Tempo rubato. Tempo da riconquistare.

    Tempo rubato. Sulle tracce di una rivoluzione possibile tra vita, lavoro e società”, Imprimatur Editore, di Simone Fana è un libro raro e importante perché ci permette di iniziare a comprendere le complessità dei problemi attuali in Italia. Sempre più spesso è facile ascoltare e assecondare slogan nelle parole di tanti politici e non solo nel nostro paese. Si consiglia pertanto un’attenta lettura del testo succitato per ricominciare a pensare e ragionare.

    Scritto Giovedì, 25 Ottobre 2018 00:00
  • Lo scoppiettante ritorno di Michael Moore – Fahrenheit 11/9 ****
    Scritto da
    Lo scoppiettante ritorno di Michael Moore – Fahrenheit 11/9 ****

    Dopo la profezia sull'elezione di Trump, Moore ci spiega come arriverà il fascismo del XXI secolo

    Scritto Mercoledì, 24 Ottobre 2018 00:00
  • Il Canada verso la legalizzazione dell'uso di cannabis per uso ricreativo
    Scritto da
    Il Canada verso la legalizzazione dell'uso di cannabis per uso ricreativo

    Lo scorso 17 ottobre il Parlamento canadese ha dato il via libera alla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo. Dopo l’Uruguay, il Canada diventa così il secondo paese al mondo a rendere legale la marijuana per tutti gli usi. Fortemente voluta dal premier Trudeau, la legge rende ad oggi il Canada il più grande mercato di cannabis legale al mondo, riaccendendo il dibattito in molti paesi sulla legalizzazione delle droghe leggere, argomento che questa settimana abbiamo deciso di trattare “a dieci mani”. 

    Scritto Martedì, 23 Ottobre 2018 00:00
  • Il tramonto della realtà: le nostre vite assorbite dal piccolo schermo
    Scritto da
    Il tramonto della realtà: le nostre vite assorbite dal piccolo schermo

    Quanto tempo dedicate ai vostri dispositivi mobili? Sui cellulari sono disponibili applicazioni capaci di rispondervi nel dettaglio. Vi danno l’illusione di avere i mezzi per un consumo consapevole e critico. Una percezione di controllo alla base di quello che può apparire come un fascino irresistibile di «un convincente effetto di realtà».

    Scritto Lunedì, 22 Ottobre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #260 – Confermato l'aumento della tassa sui consumi
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #260 – Confermato l'aumento della tassa sui consumi

    Pillole dal Giappone #260 – Confermato l'aumento della tassa sui consumi

    Scritto Domenica, 21 Ottobre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1692

    Rasoio di Occam aggiornato, anche detto rasoio di Giggino: non spiegare con la malafede quello che puoi spiegare con la semplice incompetenza.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 20 Ottobre 2018 00:00
  • Salvate il soldado Sollima
    Scritto da
    Salvate il soldado Sollima

    Salvate il soldato Sollima

    Correva l'anno 2015 quando Denis Villeneuve portò a Cannes "Sicario". Il sequel di "Sicario" è un robusto film d'azione che parla anche di immigrazione e terrorismoFu uno dei film evento di tre anni fa. Infatti da un budget di 30 milioni di dollari, ne ottenne oltre 90. Forte di quel successo il regista canadese fu poi ingaggiato per lo splendido sequel di una pietra miliare del cinema: Blade Runner 2049 (vedi qui). 

    Scritto Sabato, 20 Ottobre 2018 00:00
  • La catastrofe del riscaldamento globale
    Scritto da
    La catastrofe del riscaldamento globale

    In vista della Conferenza Mondiale di Katowice (COP24) è uscito il rapporto annuale sul riscaldamento globale. E non ci sono buone notizie.

    Scritto Venerdì, 19 Ottobre 2018 00:00
  • Fu la Spagna! I fascisti italiani complici della morte della Repubblica spagnola
    Scritto da
    Fu la Spagna! I fascisti italiani complici della morte della Repubblica spagnola

    Fu la Spagna! Lo sguardo fascista sulla Guerra civile spagnola è una mostra fotografica, a ingresso gratuito, visitabile fino al 18 novembre 2018, a Roma, presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale.

    Scritto Giovedì, 18 Ottobre 2018 00:00
  • Ereditarietà e intelligenza: da (neo)positivismo a (neo) darwinismo sociale?
    Scritto da
    Ereditarietà e intelligenza: da (neo)positivismo a (neo) darwinismo sociale?

    Una delle eredità meno piacevoli del positivismo ottocentesco, che ha avuto un revival nelle impostazioni riduzionistiche conseguenti allo sviluppo novecentesco della biologia molecolare, e ancora oggi sperimenta periodici e più o meno transitori ritorni di fiamma, è rappresentata dall’applicazione acritica di modelli evolutivi biologici al comportamento e alla cultura umana. Se non è stato difficile confutare, a livello intellettuale ma soprattutto politico, la prima, piuttosto rozza versione di questa proposta intellettuale, rappresentata dal Darwinismo sociale, le numerose ipotesi relative all’idea che lo sviluppo culturale e la posizione sociale siano, almeno parzialmente, determinate da fattori innati risultano in qualche modo più subdole e seducenti.

    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2018 00:00
  • Questione climatica: un problema intrinsecamente capitalistico?
    Scritto da
    Questione climatica: un problema intrinsecamente capitalistico?

    L'ultimo report dell’Ipcc ha fatto sobbalzare il mondo intero. Gli obiettivi minimi di contenimento del riscaldamento globale a un livello di riscaldamento medio del pianeta di massimo 2°C, con l’ambizione di abbassare l’obiettivo a 1,5°C, starebbero clamorosamente fallendo, anche per via della deliberata violazione da parte di Paesi come gli Stati Uniti che considerano il riscaldamento globale una "bufala". Gli impatti ambientali e sociali del riscaldamento globale si moltiplicheranno e i media occidentali sembrano ignorare deliberatamente il problema.

    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2018 00:00
  • L’importanza di esser Franco – alla (ri)scoperta di un’opera strana e affascinante
    Scritto da
    L’importanza di esser Franco – alla (ri)scoperta di un’opera strana e affascinante

    Non accade spesso di poter sperimentare un’opera d’arte esattamente come è stata pensata dall’autore, senza che sia stata oggetto di modifiche, spesso anche radicali, che la rendano più appetibile al pubblico. Grazie ad un progetto del Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze coordinato dal M° Giovanni Del Vecchio, sabato 6 Ottobre 2018 presso il Teatro dell’Affratellamento è stato possibile assistere alla prima rappresentazione di un’opera di questo tipo, in versione per ora semi-scenica.

    Scritto Lunedì, 15 Ottobre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #259 – Nuovi progressi per la pace nell'Asia del Nord-Est
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #259 – Nuovi progressi per la pace nell'Asia del Nord-Est

    Pillole dal Giappone #259 – Nuovi progressi per la pace nell'Asia del Nord-Est

    Scritto Domenica, 14 Ottobre 2018 00:00
  • A venticinque anni dalla scomparsa di Don Pino Puglisi
    Scritto da
    A venticinque anni dalla scomparsa di Don Pino Puglisi

    Mi chiedo: “Che cosa è l' inferno?". Ed è così che lo definiscono: la sofferenza di non poter amare più.

     

    Scritto Sabato, 13 Ottobre 2018 00:00
  • Il mondo senza zanzare
    Scritto da
    Il mondo senza zanzare

    E se vi dicessi che si potrebbero eliminare del tutto le zanzare?

    Quando vivevo a Ferrara per il dottorato ho sviluppato un certo odio, come molti, per le zanzare; infatti la città estense, posta al di sotto del livello del mare tra il Po e uno dei bracci del suo delta, in una zona molto umida e paludosa, è senza dubbio una delle città più infestate da questi fastidiosissimi animali. Non faceva differenza se era estate o inverno, loro c’erano sempre. Ed erano sempre affamate di sangue.

    Scritto Venerdì, 12 Ottobre 2018 00:00
  • Verso le primarie del PD: i candidati la sfida antipopulista
    Scritto da
    Verso le primarie del PD: i candidati la sfida antipopulista

    «Ogni Stato è una dittatura, e ogni dittatura presuppone non solo il potere di una classe, ma un sistema di alleanze e di mediazioni, attraverso le quali si giunge al dominio di tutto il corpo sociale e del mondo stesso della cultura, così come ogni Stato è anche un organismo educativo della società, negli obiettivi delle classi che dominano»
    Palmiro Togliatti, Il leninismo nel pensiero e nell’azione di A. Gramsci, Convegno di studi gramsciani a Roma, 11-13 gennaio 1958

    Scritto Giovedì, 11 Ottobre 2018 00:00
  • Con Mimmo Lucano, per un’altra idea di “legalità”
    Scritto da
    Con Mimmo Lucano, per un’altra idea di “legalità”

    È di questi giorni la notizia della messa agli arresti domiciliari di Mimmo Lucano, sindaco di quella Riace da anni portata ad esempio di buone pratiche di accoglienza ed integrazione dei migranti.

    Scritto Mercoledì, 10 Ottobre 2018 00:00
  • Comunicazione in rete, riflessioni a piede libero – parte II
    Scritto da
    Comunicazione in rete, riflessioni a piede libero – parte II

    Comunicazione in rete, riflessioni a piede libero – parte II

    Continua da qui

    Quello che, secondo chi scrive, sembra accadere tendenzialmente sul web non è un dibattito virtuoso in cui vengono esposti, spiegati, confrontati in maniera civile, due o più punti di vista contrapposti, ma è una gara a chi urla più forte contro il capro espiatorio di turno.

    Scritto Mercoledì, 10 Ottobre 2018 00:00
  • Verso il reddito di cittadinanza: valutazioni preliminari a confronto
    Scritto da
    Verso il reddito di cittadinanza: valutazioni preliminari a confronto

    Dopo alcuni mesi di governo giallo-verde si iniziano a capire alcune delle misure economiche messe in campo. Tra queste, il M5s è il fautore del reddito di cittadinanza. Fuori da propagande contrapposte, ne parliamo questa settimana a più mani.

    Scritto Martedì, 09 Ottobre 2018 00:00
  • L'uomo che uccise Don Chisciotte
    Scritto da
    L'uomo che uccise Don Chisciotte

    L'uomo che uccise Don Chisciotte ****

    Qui il resoconto dell'incontro con Terry Gilliam al Wired Next Festival di Firenze

    Esultate, ma non fate come qualcuno che si è affacciato troppo al balcone (non sto parlando di Di Maio). Rischiate di farvi male.Finalmente arriva nelle sale del Belpaese il Don Chisciotte di Terry Gilliam.Come premesso, questo non è un film come gli altri. È un'opera mitologica come il Minotauro. E infatti la storia inizia con la voce narrante di Gilliam che ironizza sui 25 anni di controversie.

    Scritto Lunedì, 08 Ottobre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #258 – Gli anti-base vincono di nuovo ad Okinawa
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #258 – Gli anti-base vincono di nuovo ad Okinawa

    Pillole dal Giappone #258 – Gli anti-base vincono di nuovo ad Okinawa

    Scritto Domenica, 07 Ottobre 2018 00:00
  • Il Don Chisciotte di Terry Gilliam arriva al cinema dopo venticinque anni turbolenti
    Scritto da
    Il Don Chisciotte di Terry Gilliam arriva al cinema dopo venticinque anni turbolenti

    Il Don Chisciotte di Terry Gilliam arriva al cinema dopo venticinque anni turbolenti

    “Mi sono identificato in Don Chisciotte e nel suo creatore, solo che lui credeva che la letteratura potesse migliorare l’umanità e io credo che lo possa fare il cinema“
    (Terry Gilliam)

    Scritto Sabato, 06 Ottobre 2018 00:00
  • I Nobel scientifici del 2018
    Scritto da
    I Nobel scientifici del 2018

    Nell’anno in cui non viene assegnato il Nobel per la Letteratura vediamo chi ha vinto i premi la Medicina, la Fisica e la Chimica.

    Scritto Venerdì, 05 Ottobre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1691

    Ancora qualche mese e a Traini anziché l'aggravante dell'odio razziale avrebbero dato quella della mira scarsa.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 04 Ottobre 2018 00:00
  • Comunicazione in rete: riflessioni a piede libero - parte I
    Scritto da
    Comunicazione in rete: riflessioni a piede libero - parte I

     

    Nell’ambito della manifestazione “Firenze Libro aperto 2018”, festival dell’editoria che si è svolto da venerdì 28 settembre a domenica 30 settembre presso gli spazi della Fortezza da Basso e che ha visto la presenza di illustri ospiti come Stefano Benni, Nanni Moretti, Marco Vichi, Fabrizio Gifuni, Daniele Vicari, Roberto Vecchioni e molti altri ancora, ho avuto l’occasione di assistere alla presentazione di due volumi, “Social linguistica” della sociolinguista e ricercatrice presso l’Accademia della Crusca Vera Gheno e “Disputa Felice”, del filosofo Bruno Mastroianni, entrambi editi dalla Franco Cesati Editori. Questo pezzo prende spunto, ma senza riportare nel dettaglio da questa presentazione per allargarsi a una più ampia e probabilmente troppo vaga e generica, riflessione sul nostro modo di comunicare, in particolare sulla rete.

    Scritto Giovedì, 04 Ottobre 2018 00:00
  • Storia e rivoluzioni
    Scritto da
    Storia e rivoluzioni
    Il Becco organizza, grazie alla collaborazione dell'Associazione Amici di «Passato e presente» (Apep) un ciclo di incontri di formazione.

    Mercoledì 2 maggio, 21.15-22.45 (puntuali)
    1917 e rivoluzione russa,
    Professor Aldo Agosti, Università degli Studi di Torino
    Il video della lezione qui: youtu.be/zVNfYplxs1w.

    Mercoledì 9 maggio, 21.15-22.45 (puntuali) 
    1848 e il "Manifesto"
    Professoressa Simonetta Soldani, Università degli Studi di Firenze
    Il video della lezione qui: youtu.be/20n7K5xzHok.
     
    Mercoledì 16 maggio, 21.15-22.45 (puntuali) 
    Incontro conclusivo e confronto tra i partecipanti
    coordinato dal Professor Roberto Bianchi, Università degli Studi di Firenze.
    Utilizzato per la discussione una lezione del Professor Bianchi visibile qui: youtu.be/tGTikGOgF3o.
     
    I PDF con delle indicazioni per i video del 2 e del 9 maggio cliccando qui.
    Il ciclo di incontri richiedeva una prenotazione e un pagamento di 15 €, per un numero limitato di 15 posti, finalizzati al pagamento dei costi sostenuti.
    I primi due appuntamenti sono aperti a tutte le persone interessate, mentre l'incontro conclusivo è riservato a chi si è iscritto.
    Le attività si sono svolte presso la Casa del Popolo / Circolo ARCI Il Progresso, in via Vittorio Emanuele II 135, Firenze.
    Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

     
    Scritto Mercoledì, 03 Ottobre 2018 18:13
  • Il lavoro, con le parole dei lavoratori
    Il lavoro, con le parole dei lavoratori

    Parola al lavoro e ai lavoratori

    Frida Nacinovich, autrice di Con parole loro. L’amore per il lavoro nella tempesta del postfordismo, ha scritto un libro molto utile per capire e avvicinarsi al mondo del lavoro in Italia che è in continuo mutamento e, spesso, in rivolta. Inoltre, è davvero una bella raccolta di storie che narrano di uomini e donne che vivono i nostri complicati e, a volte, terribili tempi.

    Scritto Mercoledì, 03 Ottobre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1690

    I commessi del Quirinale sono già andati in cantina a tirare fuori Mario Monti e a dargli una spolverata.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 02 Ottobre 2018 00:00
  • La prima manovra finanziaria del governo giallo-verde: riflessioni a confronto
    Scritto da
    La prima manovra finanziaria del governo giallo-verde: riflessioni a confronto

    La prima manovra finanziaria del governo giallo-verde: riflessioni a confronto

    Il Documento di economia e finanza presentato dal governo si discosta sensibilmente da quello approvato il 26 aprile dal dimissionario ministero Gentiloni, che peraltro, vista la nuova composizione parlamentare, si limitava a considerazioni di carattere consuntivo.

    Scritto Martedì, 02 Ottobre 2018 00:00
  • Peplum di Blutch, tra Petronio e il fumetto francese
    Scritto da
    Peplum di Blutch, tra Petronio e il fumetto francese

    Blutch, Peplum, 001 Edizioni, Torino 2017. Euro 18,00

    Scritto Lunedì, 01 Ottobre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #257 – Intenso lavoro diplomatico all'Assemblea ONU
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #257 – Intenso lavoro diplomatico all'Assemblea ONU

    Pillole dal Giappone #257 – Intenso lavoro diplomatico all'Assemblea ONU

    Scritto Domenica, 30 Settembre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1689

    Tria lo hanno gonfiato di botte per farsi rivelare la posizione della cassaforte.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 29 Settembre 2018 00:00
  • Spike Lee fa la cosa giusta in salsa get out
    Scritto da
    Spike Lee fa la cosa giusta in salsa get out

    Spike Lee fa la cosa giusta in salsa get out

    Uno dei più lucidi registi contemporanei ed esponente di punta del cinema della sinistra afroamericana è senza dubbio Spike Lee. Stavolta lo ringrazio pubblicamente perché mi ha fatto gioire e mi ha ricordato di essere un cinefilo dal gusto raffinato.

    Scritto Sabato, 29 Settembre 2018 00:00
  • Hotel House di Porto Recanati, da simbolo del lusso a simbolo del degrado
    Scritto da
    Hotel House di Porto Recanati, da simbolo del lusso a simbolo del degrado

    Negli anni Sessanta Porto Recanati era un piccolo borgo di pescatori, che durante il boom economico ha deciso di reinventarsi per diventare meta turistica, approfittando dello sviluppo della riviera adriatico e della diffusione del turismo di massa. Così la cittadina, che all’epoca aveva 6000 abitanti, iniziò gradualmente ad investire in servizi per il turismo balneare, dai ristoranti agli stabilimenti con gli “chalet” lungo la spiaggia.

    Scritto Giovedì, 27 Settembre 2018 00:00
  • Caso Bekaert, il Mise conferma: torna la cigs per cessazione
    Scritto da
    Caso Bekaert, il Mise conferma: torna la cigs per cessazione

    di Riccardo Chiari, articolo pubblicato sull'edizione de il manifesto del 22 settembre

    Delocalizzazioni. Nuovo incontro al ministero, con la multinazionale belga che pur timidamente apre a una cessione anche a diretti concorrenti. La Fiom Cgil: "Aspettiamo ancora un'assunzione di responsabilità da parte di Pirelli, è paradossale che Bekaert abbia acquisito lo stabilimento da un competitor ma non intenda vendere a un concorrente”.

    Scritto Mercoledì, 26 Settembre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1688

    Un buon compromesso di governo sarebbe l’autodifesa di cittadinanza: puoi sparare ai corrotti che ti entrano in casa ma solo con le pallottole che ti fornisce lo Stato.

    di Fdecollibus

    Scritto Mercoledì, 26 Settembre 2018 00:00
  • La cenere del centrodestra italiano continua a bruciare?
    Scritto da
    La cenere del centrodestra italiano continua a bruciare?

    Nessuna strategia del doppio forno garantisce Salvini.

    Gli accordi per le prossimi elezioni amministrative ricompongono però l'asse Lega - Forza Italia - Fratelli d'Italia, mentre l'ex partito del nord pare proseguire il rafforzamento del proprio consenso nel Paese, a danno dell'alleato di governo a 5 Stelle.

    Scritto Martedì, 25 Settembre 2018 00:00
  • 6/10: La cultura e i suoi professionisti scendono (uniti) in piazza
    Scritto da
    6/10: La cultura e i suoi professionisti scendono (uniti) in piazza

    L’autunno delle piazze quest’anno sarà inaugurato dai professionisti dei beni culturali. Una ventata di aria fresca per un movimento spesso diviso da assurde sfumature interne e che, mai come questa volta, prova a presentarsi compatto e pronto ad alzare la voce.

    Scritto Lunedì, 24 Settembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #256 – Abe rimane alla guida dei liberal-democratici
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #256 – Abe rimane alla guida dei liberal-democratici

    Pillole dal Giappone #256 – Abe rimane alla guida dei liberal-democratici

    Scritto Domenica, 23 Settembre 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1687

    Di Maio viaggia in Cina in classe economica. Allora Conte lo hanno proprio imbarcato nella stiva.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 22 Settembre 2018 00:00
  • Non basta una storia intrigante per fare un buon film
    Scritto da
    Non basta una storia intrigante per fare un buon film

    Non basta una storia intrigante per fare un buon film

    Notte del 17 Ottobre 1969, Palermo. All'Oratorio di San Lorenzo viene rubata l'opera d'arte "La Natività" del Caravaggio. L'indagine era stata archiviata ed è tutt'ora uno dei più grandi misteri non solo italiani. È infatti nella top 10 dei casi insoluti più urgenti in assoluto dell'FBI. Nel giugno 2018 la Procura del capoluogo siciliano ha riaperto le indagini: sembra infatti che Cosa Nostra abbia venduto il quadro a un ricco mercante d'arte svizzero (leggi la notizia qui). Il tutto è stato portato alla luce dal pentito Gaetano Grado, colui che portò la tela al boss Gaetano Badalamenti (il mandante dell'omicidio di Peppino Impastato).

    Scritto Sabato, 22 Settembre 2018 00:00
  • 26 gennaio 1994: Antonio Gibelli e la discesa in campo di Berlusconi
    Scritto da
    26 gennaio 1994: Antonio Gibelli e la discesa in campo di Berlusconi

    Laterza ha inaugurato una serie di testi dedicata ai «10 giorni che hanno fatto l’Italia».

    Scritto Venerdì, 21 Settembre 2018 00:00
  • La scienza e le razze nella storia
    Scritto da
    La scienza e le razze nella storia

    Le Leggi Razziali fasciste furono “supportate” da alcuni scienziati e da teorie antropologiche. Cosa pensa oggi la scienza delle razze umane?
    Partiamo subito mettendo una pietra tombale su qualsiasi possibile polemica possa generare questo articolo: non esistono evidenze scientifiche sulla presenza di razze umane, né tantomeno la superiorità di una su un altra.

    Scritto Venerdì, 21 Settembre 2018 00:00
  • I mondi a venire, secondo Danowski e Viveiros de Castro
    Scritto da
    I mondi a venire, secondo Danowski e Viveiros de Castro

    Esiste un mondo a venire? Saggio sulle paure della fine di Danowski e Viveiros de Castro (di seguito, “gli Autori”1), per i tipi di Nottetempo, è dichiaratamente più un saggio politico, che si vuole inserire nel filone emergente delle riflessioni sull'Antropocene, che un lavoro scientifico, come gli autori dichiarano nella nota 25 a pagina 62.
    In questo articolo, quindi, cercheremo di concentrarci sugli aspetti più strettamente politici, lasciando gli aspetti scientifici a margine. Dobbiamo però da subito confessare una difficoltà non irrilevante: nel testo antropologia, filosofia e politica sono strettamente collegate e messe a confronto, e quindi non sempre è possibile (o legittimo) separarle criticamente.

    Scritto Giovedì, 20 Settembre 2018 00:00
  • "Dalla minigonna al burqa?": la donna tra cristianesimo, ebraismo e islam
    Scritto da
    "Dalla minigonna al burqa?": la donna tra cristianesimo, ebraismo e islam

    Chi conosce ha meno paura? E chi vince la paura ama meglio?
    Recentemente, ho avuto occasione di assistere alla presentazione del libro dal titolo Dalla minigonna al burqa? La donna nelle tre religioni monoteiste (ed. San Paolo, 2018). Come suggerisce il titolo di questo testo lo scopo è quello di far dialogare tre donne, di diversa fede, tre studiose, esperte di storia delle religioni, per cercare di comprendere il reale, la società che cambia, il cammino di tre grandi religioni presenti all’interno della vicenda umana, con lo scopo di rispondere a cinque domande di grande valore e attualità.

    Scritto Mercoledì, 19 Settembre 2018 00:00
  • Sulla sviluppo della vicenda ILVA
    Scritto da
    Sulla sviluppo della vicenda ILVA

    Con l'accordo tra governo e Arcelor Mittal la pluriennale questione ILVA, resa famosa dal caso Taranto ma in realtà riguardante anche altri siti produttivi più piccoli nel Nord Italia, sembra finalmente avviarsi ad una chiusura.

    Ma davvero le problematiche di natura sociale ed ambientale che avevano causato l'emergenza e l'intervento dello Stato sono state risolte una volta per tutte? Con questo ed altri interrogativi ci confrontiamo questa settimana, nella nostra rubrica a più mani.

    Scritto Lunedì, 17 Settembre 2018 16:13
  • La riforma europea del copyright su internet
    La riforma europea del copyright su internet

    Rimandata dopo una prima votazione in luglio, lo scorso 12 settembre il Parlamento Europeo ha votato a maggioranza la proposta di Direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale; il testo approvato sarà oggetto di contrattazione con gli Stati membri fino al voto definitivo previsto in gennaio e successivamente, in caso di approvazione, la direttiva sarà recepita nelle normative nazionali dei singoli Stati. 

    Scritto Lunedì, 17 Settembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #255 – Incontro Putin-Abe a Vladivostok. Ad Hokkaido riaprono le scuole
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #255 – Incontro Putin-Abe a Vladivostok. Ad Hokkaido riaprono le scuole

    Pillole dal Giappone #255 – Incontro Putin-Abe a Vladivostok. Ad Hokkaido riaprono le scuole

    Scritto Domenica, 16 Settembre 2018 00:00
  • Il caso Cucchi arriva al cinema e su Netflix
    Scritto da
    Il caso Cucchi arriva al cinema e su Netflix

    Sulla mia pelle ***1/2

    Questo pezzo è dedicato alla memoria di Stefano Cucchi. Un ringraziamento va anche al coraggio di Ilaria Cucchi per tutto ciò che sta facendo per il popolo italiano.

    Scritto Sabato, 15 Settembre 2018 00:00
  • Dylan Dog: Profondo Nero. Una recensione.
    Scritto da
    Dylan Dog: Profondo Nero. Una recensione.

    Dylan Dog: Profondo Nero. Una recensione.

    Scritto Venerdì, 14 Settembre 2018 00:00
  • Il tempo libero nella società neoliberista
    Scritto da
    Il tempo libero nella società neoliberista

    «Il tempo è una derrata rara, preziosa, sottomessa alle leggi del valore di scambio. Questo è chiaro per il tempo-lavoro perché è venduto e acquistato. Ma sempre di più il tempo libero stesso deve essere, perché sia consumato, direttamente o indirettamente acquistato. Norman Mailer analizza il calcolo di produzione relativo al succo di arancia messo sul mercato congelato o liquido (in cartoni). Quest’ultimo costa più caro perché nel prezzo vengono inclusi i due minuti guadagnati rispetto alla preparazione del prodotto congelato: al consumatore è in tal modo venduto il proprio tempo libero. Ed è logico, perché il tempo “libero” è in effetti tempo guadagnato, capitale capace di fornire reddito, forza produttiva virtuale, che occorre dunque riacquistare per poterne disporre»1.

    Scritto Giovedì, 13 Settembre 2018 00:00
  • La Lega Nord e i 49 milioni
    Scritto da
    La Lega Nord e i 49 milioni

    Il Tribunale del Riesame di Genova ha accolto la richiesta della procura di poter procedere al sequestro dei 49 milioni di euro di rimborsi elettorali che la Lega Nord ha incassato indebitamente fra il 2008 e il 2010. La sentenza di condanna definitiva (truffa ai danni dello Stato) mette la Lega in una situazione complicata, dato che il partito ha ora solo 5 milioni in cassa.

    Scritto Martedì, 11 Settembre 2018 00:00
  • Speciale 75° Mostra del Cinema di Venezia
    Scritto da
    Speciale 75° Mostra del Cinema di Venezia

    L'affermazione di Lanthimos, il ruolo delle donne, la vittoria di Netflix e il ritorno del western

    Scritto Lunedì, 10 Settembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #254 – Terremoto ad Hokkaido
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #254 – Terremoto ad Hokkaido

    Pillole dal Giappone #254 – Terremoto ad Hokkaido

    Scritto Domenica, 09 Settembre 2018 00:00
  • Nessuno può parlare a nome di tutti i disabili
    Scritto da
    Nessuno può parlare a nome di tutti i disabili

    "I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli" tuonava Umberto Eco.
    E mai dichiarazione fu più profetica di questa se si confronta col tweet elargito in una giornata di fine agosto da Fabrizio Bracconeri, personaggio noto per la partecipazione a Forum e ad una fiction dal titolo I ragazzi della 3C. In piena vicenda Diciotti il Bracconeri intima di affondare la nave dei migranti. Motivazione? le sue difficoltà ad ottenere i pannoloni per il figlio disabile.

    Scritto Sabato, 08 Settembre 2018 00:00
  • Gli Anni di Piombo e la rivoluzione mancata nella cronologia di Steccanella
    Scritto da
    Gli Anni di Piombo e la rivoluzione mancata nella cronologia di Steccanella

    Gli anni della lotta armata. Cronologia di una rivoluzione mancata di Davide Steccanella

    Scritto Giovedì, 06 Settembre 2018 00:00
  • Razzismo e colonialismo hanno radici comuni
    Scritto da
    Razzismo e colonialismo hanno radici comuni

    Il dibattito e scontro principale, in questi giorni, è legato al tema del razzismo. Non potrebbe essere diversamente visto le politiche nefaste del Ministro degli Interni. Il popolo dei social è diviso tra sostenitori delle politiche governative e quelli assolutamente contrari.

    Scritto Mercoledì, 05 Settembre 2018 00:00
  • Occupazione in crescita: ma quale tipo di occupazione?
    Scritto da
    Occupazione in crescita: ma quale tipo di occupazione?

    I dati congiunturali sull'occupazione vengono ormai accolti dalla stampa tra vere e proprie grida di giubilo, come se vi fosse una riduzione strutturale della disoccupazione in corso.

    Scritto Martedì, 04 Settembre 2018 00:00
  • Missiva da Centro Europa e dintorni II – L'epoca dei capitali liberi e delle frontiere chiuse?
    Scritto da
    Missiva da Centro Europa e dintorni II – L'epoca dei capitali liberi e delle frontiere chiuse?

    Nella prima parte di questa “miniserie” si era parlato nello specifico della situazione in Repubblica Ceca, e proprio da Praga – e dal tema dei rapporti con i suoi difficili vicini – conviene ripartire.

    Scritto Lunedì, 03 Settembre 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #253 – La pietà dei privati per i beni culturali
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #253 – La pietà dei privati per i beni culturali

    Pillole dal Giappone #253 – La pietà dei privati per i beni culturali

    Scritto Domenica, 02 Settembre 2018 00:00
  • John Callahan rivive nel nuovo film di Gus Van Sant
    Scritto da
    John Callahan rivive nel nuovo film di Gus Van Sant

    Don't Worry ***1/2 

    "Il mio solo metro di giudizio per comprendere se mi sono spinto troppo oltre lo trovo in persone costrette sulla sedia a rotelle o che hanno uncini al posto delle mani. Come me non ne possono più di quelli che pretendono di parlare in nome dei disabili. Di tutta quella pietà e paternalismo. Questo è ciò che va veramente detestato."
    (John Callahan)
    Scritto Sabato, 01 Settembre 2018 00:00
  • Volontariato alternativo al carcere, un’idea da prendere meno alla leggera
    Scritto da
    Volontariato alternativo al carcere, un’idea da prendere meno alla leggera

    Volontariato: gemello buono del carcere? 
    In questa afosa estate impazzano le aggressioni ai danni di persone o cose, per mano generalmente di giovani che agiscono mossi dalle più svariate (e banali) motivazioni, talvolta semplicemente dalla noia. Il pubblico è diviso: taluni si limitano a derubricare i fatti come "ragazzata", altri invece invocano il ricorso al "volontariato" (ovviamente obbligatorio). Viene quindi da chiedersi se questo possa essere davvero un metodo per rimettere in carreggiata coloro che escono dal seminato del buon comportamento.

    Scritto Venerdì, 31 Agosto 2018 00:00
  • Vera Pegna. Autobiografia di una donna
    Vera Pegna. Autobiografia di una donna

    Leggere l’ultimo libro di Vera Pegna (Autobiografia del Novecento. Storia di una donna che ha attraversato la Storia, Il Saggiatore, 2018) è stato davvero emozionante e appassionante. Quest’ultimi non sono degli aggettivi scelti a caso ma sono i tratti comuni a tutta la vita dell’autrice. L’emozione e la passione dunque.

    Scritto Giovedì, 30 Agosto 2018 00:00
  • Fine agosto al cinema
    Scritto da
    Fine agosto al cinema

    Il problema del consumo cinematografico, in termini di offerta, ritorna ciclicamente in Italia, tutte le estati. Con l’avvicinarsi di settembre la situazione pare effettivamente sbloccarsi, così come le giornate delle anteprime (nell’ambito del programma CinemaDays) hanno rappresentato il tentativo di integrare gli abituali schermi a cielo aperto.
    Senza pretesa di grandi recensioni, sperando di fare cosa utile, si tenta qui uno sguardo complessivo sull’offerta attuale, ben sapendo come il nuovo Mission: Impossible (uscita in Italia il 29 agosto, oggi) rappresenti una novità importante, almeno in termini di botteghino.

    Scritto Mercoledì, 29 Agosto 2018 00:00
  • Una riflessione a caldo sulla vicenda della nave Diciotti
    Scritto da
    Una riflessione a caldo sulla vicenda della nave Diciotti

    [N.d.A.: articolo scritto il 24/08/2018, quindi non può tenere conto dei successivi sviluppi che riguardano la vicenda della nave Diciotti.]

    La vicenda della nave Diciotti – nave italiana della Guardia Costiera – abbandonata in mare con a bordo, inizialmente, 190 vite umane è l’ennesimo, abominevole atto, di un esecutivo che tiene in ostaggio, o comunque condanna a un limbo liquido degli esseri umani pur di ricevere ogni giorno nuovi like sui social network e qualche punto di percentuale in più nei sondaggi.

    Scritto Mercoledì, 29 Agosto 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1686

    "Rivedremo tutte le convenzioni" ha detto Toninelli infilandosi le mutande sulla faccia.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 28 Agosto 2018 00:00
  • Tragedia di Genova: si riapre il dibattito sulle nazionalizzazioni?
    Scritto da
    Tragedia di Genova: si riapre il dibattito sulle nazionalizzazioni?

    Tragedia di Genova: si riapre il dibattito sulle nazionalizzazioni?

    Il crollo del ponte Morandi a Genova rappresenta anche solo plasticamente la dissoluzione economica, sociale e politica italiana a seguito delle privatizzazioni selvagge operate negli anni '90.

    Scritto Martedì, 28 Agosto 2018 00:00
  • Nuovo omaggio di Abe ai criminali di guerra
    Scritto da
    Nuovo omaggio di Abe ai criminali di guerra

    Pillole dal Giappone #251

    [Nota di redazione: abbiamo ricevuto il seguente contributo la scorsa settimana, secondo la normale cadenza delle Pillole dal Giappone, ma abbiamo dovuto rimandarne di una settimana la pubblicazione a causa del periodo di manutenzione del sito. Ci scusiamo e vi auguriamo una buona lettura.]

    Scritto Lunedì, 27 Agosto 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #252 – Grandi movimenti nel settore automobilistico
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #252 – Grandi movimenti nel settore automobilistico

    Pillole dal Giappone #252 – Grandi movimenti nel settore automobilistico

    Scritto Lunedì, 27 Agosto 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #250 - È morto Takeshi Onaga
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #250 - È morto Takeshi Onaga

    Una notizia tragica ha colpito la Prefettura di Okinawa ma anche il movimento mondiale che si batte per la pace e contro le servitù militari: la morte di Takeshi Onaga avvenuta l'otto agosto. Il Governatore aveva 67 anni e da alcuni mesi stava curando un tumore al pancreas. Presidente della più meridionale delle Prefetture nipponiche pur provenendo dalle fila dei conservatori era stato eletto, nel 2014, con il sostengo di una coalizione progressista ed antimilitarista. Onaga era stato anche dal 2000 al 2014 sindaco della città di Naha, capoluogo della Prefettura.

    Scritto Sabato, 11 Agosto 2018 14:50
  • Amiche di sangue: noia da classe agiata
    Scritto da
    Amiche di sangue: noia da classe agiata

    Amiche di sangue: noia da classe agiata

    Un po' di pretese, spruzzando inquietudine e una invasiva colonna sonora per tutta la durata della pellicola. 

    Al centro due giovani adolescenti di famiglie agiate, impegnate a far fronte alle loro insicurezze.
    Scritto Sabato, 11 Agosto 2018 00:00
  • Sul rossobrunismo (parte II)
    Scritto da
    Sul rossobrunismo (parte II)

    Sul rossobrunismo (II)

    [La prima parte qui]

    Mentre mi accingo a scrivere questa seconda parte di una riflessione dedicata al rossobrunismo, mi viene spontanea una domanda: “Ma è davvero così importante scrivere su/di esso?” Mi faccio questa domanda perché risulta evidente che i problemi comuni a noi italiani sono altri: il lavoro, il razzismo, l’incapacità delle opposizioni di saper contrastare le derive xenofobe e populiste delle destre. Nondimeno credo che spingere i compagni a riflettere sul pericolo di sottostare alla confusione ideologica non possa esser sottovalutato. 

    Scritto Venerdì, 10 Agosto 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1685

    Magari fosse davvero analfabetismo “di ritorno”. Vorrebbe dire che almeno per un periodo si era allontanato.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 09 Agosto 2018 00:00
  • Il Partito Democratico e la sinistra italiana: una lettura di fase
    Scritto da
    Il Partito Democratico e la sinistra italiana: una lettura di fase

    Il Partito Democratico e la sinistra italiana: una lettura di fase

    Corbyn: la rivoluzione dei privilegiati 

    Dopo l’inattesa sconfitta elettorale laburista del 2015 Pat McFadden, allora responsabile degli affari europei nel governo ombra di Ed Miliband, disse: «Saremo sempre il popolo dei meno abbienti, ma dobbiamo essere più di questo ed essere il partito della famiglia che aspira al benessere [the aspirational family that wants to do well]. Dobbiamo parlare di creazione di ricchezza e non solo di distribuzione della ricchezza».[1]

    Questa ricetta sembrerebbe essere stata contraddetta dal recupero del partito di Corbyn, passato dal 30% della precedente tornata al 40% del 2017, con un programma decisamente schierato per la distribuzione.

    Scritto Giovedì, 09 Agosto 2018 00:00
  • Social Credit System: fiducia e verità con valore di scambio nell’economia del XXI secolo
    Scritto da
    Social Credit System: fiducia e verità con valore di scambio nell’economia del XXI secolo

    Dare valore (di scambio) a fiducia e verità nell’economia del XXI secolo

    In queste note cerco di connettere alcune letture e considerazioni fatte di recente, pur senza essere del tutto sicuro del filo che le lega. Per prima cosa, sulla testata on line Pambianconews.com, che si occupa di moda, del 25 luglio, ho letto un servizio che annunciava il lancio sul mercato di una certificazione blockchain applicata al settore agroalimentare da parte di una, dicono, promettente startup romana (pOsti), funzionale non solo alla trasmissione di una serie di informazioni di supporto su specifici “piatti”, ma anche alla tracciabilità dei prodotti di alta ristorazione.

    Scritto Mercoledì, 08 Agosto 2018 00:00
  • L'attentato al presidente Maduro e la situazione in Sud America
    Scritto da
    L'attentato al presidente Maduro e la situazione in Sud America

    L'attentato al presidente Maduro e la situazione in Sud America

    Il 4 agosto una serie di esplosivi trasportati da droni ha preso di mira il Presidente venezuelano Maduro, che presenziava ad una parata militare a Caracas. L’attentato ha ferito sette persone ma lasciato illeso l’inquilino di Miraflores, che lo ha subito attribuito a una connessione tra l’estrema destra interna e una cospirazione basata a Miami e a Bogotá, dove riceverebbe l’appoggio del Presidente colombiano (uscente) Juan Manuel Santos. Una rivendicazione è giunta successivamente dai “Soldados de franelas”, i cui toni e argomenti richiamano quelli delle mobilitazioni di piazza della destra venezuelana.

    Lo stesso giorno, il Partito dei Lavoratori brasiliano ha ufficialmente nominato Lula, in carcere dal 7 aprile, come candidato alla Presidenza per le elezioni di ottobre.

    Scritto Martedì, 07 Agosto 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1684

    Io amo parlare per frasi sfatte.

    di Fdecollibus

    Scritto Lunedì, 06 Agosto 2018 00:00
  • Prima la notte del giudizio!
    Scritto da
    Prima la notte del giudizio!

    Prima la notte del giudizio!

    Dopo la trilogia ecco il prequel. La prima notte del giudizio è un film inadatto per chi ha gusti raffinati.

    La quarta pellicola di questo microuniverso narrativo aggiunge ancora meno di quanto avevano fatto i due sequel. Non c’è bisogno di sperimentare o di avere coraggio: l’idea vincente (più per il mercato che per la critica) deve essere spremuta fino alla fine, non ci sono le condizioni per adattarsi a cambiamenti significativi.

    Scritto Lunedì, 06 Agosto 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #249 – 100.000 firme contro la nuova base di Okinawa
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #249 – 100.000 firme contro la nuova base di Okinawa

    La Prefettura di Fukushima ha un futuro nella produzione di energie rinnovabili? Forse sì ma i risultati sono ancora largamente insufficienti. Le tre pale eoliche (due da 2 megawatt ed una da 7) piazzate in mare a largo di Naraha – nell'ambito di un progetto sovvenzionato dal Ministero dell'Industria – stanno infatti producendo meno di quanto previsto in fase di installazione. A costruire il tutto, per una spesa complessiva di 58,5 miliardi di yen, un consorzio di industrie che vede la partecipazione di Mitsubishi Heavy Industries e Marubeni. Non è ancora chiaro se il progetto andrà avanti: “prima vediamo che risultati daranno i test” ha affermato il ministro competente.

    Scritto Domenica, 05 Agosto 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1683

    Molti nemici, molto orrore.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 04 Agosto 2018 00:00
  • Preoccupazioni tra sovranismo, sinistra e analogie storiche
    Scritto da
    Preoccupazioni tra sovranismo, sinistra e analogie storiche

    Preoccupazioni tra sovranismo, sinistra e analogie storiche

    Probabilmente esagero, o magari sbaglio completamente. Da un po’ di tempo, non riuscendo a darmi una spiegazione logica della piega violenta che sta prendendo la polemica nella sinistra (sovranità nazionale, sovranismo ec.) ho cominciato ad ampliare lo spazio temporale della riflessione.

    Complice la lezione di storia di un docente dell’Università per stranieri di Siena (per mio diletto, oltre al piacere di fare compagnia a mia nipote), che mi ha ricordato le acute e avanzate, nonché isolate, considerazioni di Engels circa le innovazioni industriali degli armamenti e della concezione della guerra, denunciandone la profonda trasformazione e i rischi per il proletariato internazionale di pagarne le terrificanti conseguenze - addirittura prevedendone i dettagli un bel po’ di anni prima della guerra mondiale del '14-'18 - sono tornato a ragionare su quell'aspetto fondamentale.

    Scritto Sabato, 04 Agosto 2018 00:00
  • Io, Dio e Bin Laden... scansando la noia
    Scritto da
    Io, Dio e Bin Laden... scansando la noia

    Io, Dio e Bin Laden... scansando la noia

    Chi scrive non è forse la persona più adatta a scrivere di Io, Dio e Bin Laden. Prima di vederlo ho dato la precedenza agli improbabili Skyscraper e Le ultime 24 ore (magari ci sarà spazio di scriverne in un altro articolo).

    Comunque questa pellicola di Larry Charles (arrivato al successo grazie a Borat) evita di rinchiudersi esclusivamente tra il demenziale e l'assurdo.
    Scritto Venerdì, 03 Agosto 2018 00:00
  • La sconfitta culturale della sinistra nelle reazioni alla foto di Josefa
    Scritto da
    La sconfitta culturale della sinistra nelle reazioni alla foto di Josefa

    La sconfitta culturale della sinistra nelle reazioni alla foto di Josefa

    La foto di Josefa, la donna camerunense salvata il 17 giugno dalla Ong spagnola Open Arms dopo 48 ore passate in acqua, ha fatto il giro della stampa cartacea e dei social network, ma anziché impressionare o suscitare un moto di indignazione e di compassione, ha scatenato molti commenti complottistici e sospetti sulla veridicità di ciò che veniva rappresentato.

    Scritto Giovedì, 02 Agosto 2018 00:00
  • Il Governo non è razzista, ma...
    Scritto da
    Il Governo non è razzista, ma...

    Il Governo non è razzista, ma...

    All’indomani dell’iconografica, e riuscita, manifestazione “Magliette rosse”, ideata come atto di testimonianza e di indignazione per quanto sta avvenendo da troppo tempo nelle acque del Mediterraneo, le associazioni che sono al fianco delle persone che fuggono da guerre e miseria, e che si battono per la loro libertà di movimento, hanno battuto un altro colpo.

    Scritto Mercoledì, 01 Agosto 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1682

    I sommersi e i Salvini.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 31 Luglio 2018 00:00
  • La beatificazione di Marchionne
    Scritto da
    La beatificazione di Marchionne

    La beatificazione di Marchionne

    Raramente l'economia occupa le cronache quotidiane della discussione diffusa nel Paese. La morte di Sergio Marchionne ha colpito anche perché inattesa, data la giovane età e la riservatezza mantenuta sulle sue condizioni di saluteFCA occupava gli spazi dei giornali per lo sviluppo del suo progetto industriale, nettamente sbilanciato su marchi quale Jeep e lusso, a sfavore del nucleo storico di FIAT. Il cambio di vertice pare essere stato inatteso per la stessa azienda. 

    Scritto Martedì, 31 Luglio 2018 00:00
  • Sbirre: una questione di genere, almeno in copertina
    Scritto da
    Sbirre: una questione di genere, almeno in copertina

    Sbirre: una questione di genere, almeno in copertina

    Tra i libri pubblicati per essere letti sotto l’ombrellone i gialli e il noir godono sempre di grande attenzione.

    Sono una distrazione poco impegnativa e attestata anche nei circuiti della cultura alta (o, meglio, identificata come tale).

    Scritto Lunedì, 30 Luglio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #248 – Gli USA isolati (di nuovo) al G20 argentino. Ad Ehime ancora grave la situazione degli alluvionati
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #248 – Gli USA isolati (di nuovo) al G20 argentino. Ad Ehime ancora grave la situazione degli alluvionati

    Forte appello del G20 ad evitare tensioni commerciali: è questo il succo del terzo incontro dei ministri delle Finanze dei 20 Paesi più industrializzati svoltosi a Buenos Aires domenica 22 luglio. “Il commercio internazionale e l'investimento sono motori importanti per la crescita, la produttività, l'innovazione, la creazione di lavoro e lo sviluppo. Sul commercio riaffermiamo le conclusioni fatte dai nostri leader al summit di Amburgo e riconosciamo la necessità di intensificare il dialogo e le azioni volte a mitigare i rischi e rafforzare la fiducia. Lavoriamo per irrobustire il contributo del commercio alle nostre economie” si legge nel comunicato finale del vertice.

    Scritto Domenica, 29 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1681

    Fucili a rabbia compressa.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 28 Luglio 2018 00:00
  • Comunicare la tragedia, tra pornografia del dolore e impegno politico
    Scritto da
    Comunicare la tragedia, tra pornografia del dolore e impegno politico

    Comunicare la tragedia, tra pornografia del dolore e impegno politico

    Nell’ultimo periodo è raro trovare un giorno in cui i giornali e i telegiornali non ci parlino di migranti, in particolare della rotta mediterranea.
    Il dibattito sui salvataggi dei migranti in mare da parte delle navi di alcune organizzazioni umanitarie ha ormai polarizzato l’opinione pubblica, ed da mesi occupa le copertine dei giornali e dei telegiornali.

    Scritto Sabato, 28 Luglio 2018 00:00
  • Balene perdute e ritrovate nella storia del Mediterraneo
    Scritto da
    Balene perdute e ritrovate nella storia del Mediterraneo

    Balene perdute, balene ritrovate

    Il Mediterraneo è tante belle cose, ma apparentemente non è un mare da balene; la popolazione dell’unica balena che regolarmente si ritrova nelle nostre acque, la balenottera comune, è ridotta e apparentemente in decrescita, e a considerare le fonti storiche ed etnografiche, non sembra sia comunque mai stata particolarmente numerosa.

    Scritto Venerdì, 27 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1680

    Comunque Star Wars è una bella serie. Peccato solo per l’approccio timido al merchandising.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 26 Luglio 2018 00:00
  • Il sarcofago nero di Alessandria e la maledizione del cattivo giornalismo
    Scritto da
    Il sarcofago nero di Alessandria e la maledizione del cattivo giornalismo

    Il sarcofago nero di Alessandria e la maledizione del cattivo giornalismo

    Quando si lavora in una disciplina come l'archeologia ci si abitua in fretta al fatto che soltanto le scoperte eccezionali o eclatanti raggiungeranno le prime pagine dei giornali, o, di questi tempi, la circolazione di massa su internet. Per questo motivo, è stata in un certo senso una sorpresa, sulle prime, che una scoperta singolare, ma certamente non rivoluzionaria, avvenuta di recente ad Alessandria in Egitto stesse facendo un certo scalpore tra il grande pubblico.

    Scritto Giovedì, 26 Luglio 2018 00:00
  • In nome del decoro, nelle città neo-liberali – parte II
    Scritto da
    In nome del decoro, nelle città neo-liberali – parte II

    In nome del decoro, nelle città neo-liberali (II)

    [Continua da qui]

    Mendicanti, venditori ambulanti, clochard, rom e sinti, migranti, bancarelle abusive, “tossici”, centri sociali, murales e graffiti, manifesti abusivi… sono queste le vittime contro cui si scagliano i poteri istituzionali, l’ideologia del decoro e del bello, della purificazione che maschera il suo intento politico di “eliminazione” dell’alterità non conforme e non normata, dell’alterità inutile, che non produce né spende.

    Scritto Mercoledì, 25 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1679

    Una volta era la storia a giudicarci. Adesso è Facebook.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 24 Luglio 2018 00:00
  • Giganti del web: capitalismo classico o esigenza di regole e strutture nuove?
    Scritto da
    Giganti del web: capitalismo classico o esigenza di regole e strutture nuove?

    Giganti del web: capitalismo classico o esigenza di regole e strutture nuove?

    Dopo i 2.4 miliardi di euro di multa del 2017 la Commissione Europea ha recentemente inflitto a Google un'altra maxisanzione da 4.3 miliardi – la multa singola più elevata mai inflitta ad un'azienda – sempre per aver violato le norme sulla concorrenza favorendo propri servizi a scapito di quelli dei concorrenti facendosi forte del dominio indiscusso nel campo dei motori di ricerca e dei sistemi operativi per dispositivi mobili.

    Scritto Martedì, 24 Luglio 2018 00:00
  • In nome del decoro, nelle città neo-liberali – parte I
    Scritto da
    In nome del decoro, nelle città neo-liberali – parte I

    In nome del decoro, nelle città neo-liberali (I)

    Lunedì 9 luglio, nell’ambito della festa Settembre Rosso al parco di Serravalle a Empoli, si è tenuto un dibattito di alto livello, dal titolo “Dentro le città neoliberiste: la politica degli spazi urbani”, su una questione di imprescindibile importanza, ovvero quella del territorio, dello spazio urbano e di come questo sia cambiato e stia ulteriormente cambiando in nome di politiche e logiche sempre più improntate alla mercificazione, la “turistificazione” delle aree e all’aziendalizzazione.

    Scritto Lunedì, 23 Luglio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #247 – Firmato a Tokyo l'accordo UE-Giappone ed approvata la norma sui casinò
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #247 – Firmato a Tokyo l'accordo UE-Giappone ed approvata la norma sui casinò

    Una situazione demografica particolarmente compromessa: è quanto emerge scavando nel dettaglio all'interno dell'ultimo censimento diffuso lo scorso 13 luglio. La popolazione dai 15 anni in su (quasi 111 milioni di persone) che lavora è pari 66.213.000 unità mentre coloro che non lavorano sono 44.763.000 (di questi appena 6.487.000 sono studenti).
    Un dato positivo riguarda l'occupazione femminile nella fascia tra i 25 ed i 39 anni: qui il tasso di partecipazione al lavoro è del 75,7% con un aumento del 5,9% rispetto al 2012.

    Scritto Domenica, 22 Luglio 2018 00:00
  • Quando l’Arci è destinata a parlare da sola
    Scritto da
    Quando l’Arci è destinata a parlare da sola

    Quando l’Arci è destinata a parlare da sola

    È bastata un’iniziativa, una delle tante che i cosiddetti “circolini” ospitano ogni giorno, per far accendere la miccia dell’intolleranza e dell’odio razziale. Perché in questo caso non si doveva trattare di un’innocua serata di ballo liscio o di un torneo di burraco, ma di una serata "per i Rom", al circolo Arci di San Bartolo a Cintoia, per permettere ad Italiani e Rom di conoscersi e instaurare, recitava il manifesto, “una civile convivenza”.

    Scritto Sabato, 21 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1678

    Temptation Island è un addio al celibato in cui la tua fidanzata ha la VAR.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 21 Luglio 2018 00:00
  • Cosa vedremo al cinema la prossima stagione
    Scritto da
    Cosa vedremo al cinema la prossima stagione

    Cosa vedremo al cinema la prossima stagione

    Come da tradizione, a Riccione ai primi di luglio c'è "Cinè". Ogni anno in questa occasione vengono presentati i listini del nuovo anno. Vengono fatti incontri tra produttori, distributori ed esercenti e vengono proiettati in anteprima alcuni titoli della nuova stagione. Prima di passare ai nuovi titoli, ecco il box office della stagione 2017/18. Come si può notare, al pubblico non sembra interessare la qualità e i titoli italiani. Nella top 10 infatti non c'è traccia di film

    Scritto Sabato, 21 Luglio 2018 00:00
  • Conoscere, condividere e monitorare – Scuola Common 2018
    Scritto da
    Conoscere, condividere e monitorare – Scuola Common 2018

    Scuola Common 2018:
    Conoscere, condividere e monitorare

    Si è svolta dall’11 luglio al 14 luglio, presso la splendida cornice di Avigliana (TO), la terza edizione di Scuola Common, promossa e ideata da Gruppo Abele, Libera e dal Master APC dell’Università di Pisa.

    Scritto Venerdì, 20 Luglio 2018 00:00
  • Di finali di calcio, immigrati africani, e chi non li vuole
    Scritto da
    Di finali di calcio, immigrati africani, e chi non li vuole

    “Vive la France du métissage!”

    Di finali di calcio, immigrati africani, e chi non li vuole

    “Vive la France du métissage!” è lo status pubblicato da un mio conoscente di lavoro, francese di origini vietnamite (che per brevità chiameremo N.), subito dopo la vittoria della nazionale francese nei recenti mondiali di calcio.

    Scritto Venerdì, 20 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1677

    Di Maio: “I numeri del decreto dignità sono apparsi nella notte”. E tu giocateli, che aspetti?‬

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 19 Luglio 2018 00:00
  • Missiva da Centro Europa e dintorni I
    Scritto da
    Missiva da Centro Europa e dintorni I

    Missiva da Centro Europa e dintorni
    Repubblica Ceca: un patto del Nazareno populista?

    Al Becco abbiamo sempre cercato di offrire ai lettori uno sguardo ampio, cercando di offrire un'immagine certamente schierata ma quanto più possibile informata dei processi politici che attraversano il Vecchio Continente, anche quelli che si sviluppano in punti poco frequentati dalle grandi testate italiane, magari perché oscurati da casi mediatici che nascono più a ovest o più a sud, o semplicemente perché ritenuti – a torto – meno importanti. Fedeli a questo spirito ci

    Scritto Giovedì, 19 Luglio 2018 00:00
  • Le razze umane non esistono
    Le razze umane non esistono

    Le razze umane non esistono

    Tra il luglio e l’agosto 1938 appariva, in varie edizioni tra cui il primo numero della rivista La difesa della Razza curata tra gli altri da Giorgio Almirante, il Manifesto degli scienziati razzisti, anche detto Manifesto della razza, sottoscritto da dieci scienziati. Sulla scorta di questa base teorica, entro il novembre successivo sarebbero stati promulgati i regi decreti legge comunemente noti come leggi razziali. Ad ottant’anni da una delle pagine più buie della storia del Paese, miti di “razza” sono ancora accampati nell’immaginario italiano, tra dichiarato razzismo, subdola xenofobia e, immancabilmente, narrazioni pseudoscientifiche.

    Scritto Mercoledì, 18 Luglio 2018 00:00
  • Su Mélenchon uscito dalla Sinistra Europea
    Scritto da
    Su Mélenchon uscito dalla Sinistra Europea

    Su Mélenchon uscito dalla Sinistra Europea

    Nello scenario turbolento delle ultime settimane, ha fatto poca notizia l'uscita dalla Sinistra Europea (SE) del Parti de Gauche (PG) di Jean-Luc Mélenchon.

    Si tratta però di un passaggio significativo per il presente e forse il futuro della sinistra radicale in Europa.

    Motivo della rottura è la forte divergenza fra la linea anti-austerità del PG con le decisioni prese in Grecia da Syriza e dal suo leader Tsipras, alla guida di un esecutivo che non ha voluto o potuto rompere con i diktat della Troika.

    Scritto Martedì, 17 Luglio 2018 00:00
  • Di magliette rosse, "benaltrismo" e altre amenità
    Scritto da
    Di magliette rosse, "benaltrismo" e altre amenità

    Di magliette rosse, "benaltrismo" e altre amenità

    Lo scorso 7 luglio è stata la giornata delle magliette rosse: esponenti di associazioni e comuni cittadini si sono vestiti di rosso contro l'emorragia di umanità. Rosso come i vestiti fatti indossare ai bambini che affrontano la traversata verso l'Italia, nella speranza di essere più visibili in caso di naufragio.

    Scritto Martedì, 17 Luglio 2018 00:00
  • Il pappagallo bianco di Federico II tra storiografia e provincialismo
    Scritto da
    Il pappagallo bianco di Federico II tra storiografia e provincialismo

    Il pappagallo bianco di Federico II – Una breve immersione nella storiografia provinciale

    Nelle ultime due settimane è giunta alla ribalta una notizia apparentemente rivoluzionaria per quanto riguarda la storia medievale; un esame approfondito di una copia del trattato “De arte venandi cum avibus” (il cui originale, ad oggi perduto, era attribuito allo stesso Federico II, ma probabilmente non è autografo) ha rivelato la presenza tra varie miniature di tipici uccelli europei di un cacatua dalla cresta gialla, Cacatua sulphurea, uno degli uccelli emblematici del continente australiano.

    Scritto Lunedì, 16 Luglio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #246 – Il Giappone centrale devastato dalle piogge
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #246 – Il Giappone centrale devastato dalle piogge

    È di 202 morti il bilancio delle piogge torrenziali che hanno colpito dal sei luglio in poi il Giappone occidentale. Ben 54.000 gli uomini della polizia, dei vigili del fuoco e delle Forze di Autodifesa dislocati per il soccorso alla popolazione. 5.900.000 gli ordini di evacuazione o gli avvertimenti circa questa eventualità che sono stati emessi dalle autorità di protezione civile in 19 Prefetture (gli evacuati effettivi sono stati 23.000). Nella Prefettura di Okayama ben 1.850 le persone portate in salvo da elicotteri o barche dopo che le acque li avevano intrappolati nelle abitazioni mentre al 13 luglio erano ancora 2.800 le persone che non è stato possibile raggiungere a causa delle frane e che risultano dunque isolate.

    Scritto Domenica, 15 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1676

    Siccome non si parla d'altro che di porti, di attracchi, di navi e di documenti mi chiedevo: da quando siamo diventati una nazione di spedizionieri?‬

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 14 Luglio 2018 00:00
  • Alanis Morissette illumina l'anteprima del Pistoia Blues Festival
    Scritto da
    Alanis Morissette illumina l'anteprima del Pistoia Blues Festival

    Alanis Morissette illumina l'anteprima del Pistoia Blues Festival

    Venerdì 20 luglio 2012, Cavea del Nuovo Teatro dell'Opera di Firenze.

    Andava in scena la seconda tappa italiana di Alanis Morissette con il Guardian Angel Tour. Fu quella volta che capii la grandezza dell'artista canadese dal vivo.

    Un mese dopo usciva in tutto il mondo l'ottavo disco della cantautrice canadese: Havoc and bright lights.

    Scritto Sabato, 14 Luglio 2018 00:00
  • Sul rossobrunismo (parte I)
    Scritto da
    Sul rossobrunismo (parte I)

    La confusione è tanta e non è detto che sia un bene – sul rossobrunismo (I)

    Questo che leggerete non è un vero e proprio articolo. La massa enorme di informazioni, impressioni, tesi e parole sull’argomento che vorrei trattare (il rossobrunismo) è tale da meritare un approfondimento diviso in diversi interventi. Al massimo potrei far chiarezza su quali siano i temi per me fondamentali da essere conosciuti, discussi, condivisi, in questo momento: il lavoro, il ruolo della sinistra in una società che non offre più agganci con i vecchi rituali, o li ha stravolti ed ha dato alla piccola borghesia e al proletariato risposte diverse, la struttura sociale all’interno della nostra nazione.

    Scritto Venerdì, 13 Luglio 2018 00:00
  • Losurdo e la lotta di classe
    Scritto da
    Losurdo e la lotta di classe

    Losurdo e la lotta di classe

    La vulgata neoliberale si è diligentemente impegnata a celare forme e contenuti della lotta di classe.

    Fra profezie sulla fine della storia e discorsi retorici sul merito, a molti è apparso che il conflitto fra lavoro e capitale si fosse risolto in una società non ugualitaria ma comunque opulenta, piena di opportunità e caratterizzata dalla forte mobilità sociale. La crisi dei partiti comunisti e dei riferimenti culturali del socialismo, sembrava corroborare questa ipotesi ed stata da molti letta come il sintomo dell'avanzata di una società globale proiettata verso una piena pacificazione interna.  

    Scritto Giovedì, 12 Luglio 2018 00:00
  • I due '68: un commento marxista
    Scritto da
    I due '68: un commento marxista

    Il, i '68… e Marx?

    Qualche settimana fa Mapelli di Punto Rosso ci invitava a leggere l’articolo di Emilio Molinari: “Un altro ‘68”. L’articolo, per me molto bello, evidenzia con intenti provocatori, che i ‘68  furono due, uno “... degli studenti e di molti intellettuali. Un soggetto complesso egemonizzato dalla piccola borghesia radicalizzata...”, “L’altro dei lavoratori.”

    Scritto Mercoledì, 11 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1675

    Ho passato tutta la notte a vomitare. Devo aver letto troppa cronaca politica.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 10 Luglio 2018 00:00
  • Magistratura e politica: (continua) un rapporto complicato
    Scritto da
    Magistratura e politica: (continua) un rapporto complicato

    Magistratura e politica: (continua) un rapporto complicato

    La richiesta dei pm di Genova è stata accolta sei giorni fa dalla Cassazione che ha disposto il sequestro di "qualsiasi somma di denaro ovunque venga rinvenuta" riferibile alla Lega Nord, fino a raggiungere 49 milioni di euro, ricorrendo “anche alle somme affluite in un momento successivo alla data di esecuzione del decreto di sequestro del 4 settembre 2017 sui conti e depositi riferibili alla Lega Nord”.

    Scritto Martedì, 10 Luglio 2018 00:00
  • Come la destra si è impadronita della cultura popolare
    Scritto da
    Come la destra si è impadronita della cultura popolare

    Fosse che non leggono, il problema – Come la destra si è impadronita della cultura popolare

    È notizia degli ultimi giorni, ed ha scatenato un piccolo vespaio negli ambienti intellettuali, la dichiarazione della sottosegretaria ai beni culturali, Lucia Borgonzoni, secondo cui non leggerebbe un libro da tre anni. Tra i censori più accaniti, la scrittrice Michela Murgia propone un aperto riferimento ad una citazione di Umberto Eco, “che cos’è il leghismo se non la storia di un movimento che non legge?”. Umberto Eco aveva ragione, ma probabilmente non nel senso in cui sta venendo interpretato dagli intellettuali italiani, la cui reazione si ferma ad un livello di analisi assolutamente superficiale, che non permette di comprendere cosa stia accadendo in un’Italia posizionata in larga maggioranza su posizioni politiche populiste ed anti-intellettuali.

    Scritto Lunedì, 09 Luglio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #245 – Morti e danni causati dalle forti piogge
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #245 – Morti e danni causati dalle forti piogge

    Un U-Boot tedesco in dotazione alla Marina Imperiale del Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale, il Ro-500, è stato ritrovato nelle acque a largo della Prefettura di Kyoto. Il mezzo, un U-511 lungo 77 metri, era stato prodotto in Germania nel 1941 e ceduto ai nipponici nel 1943. Nel 1946 venne affondato dagli Alleati.
    Altri due sottomarini prodotti da Kawasaki Heavy Industries e da Mitsubishi Heavy Industries sono stati trovati poco distante: si tratta rispettivamente di uno I-121 e di un Ro-68. Ad effettuare la scoperta è stato un gruppo di ricerca della Society La Plongee for Deep Sea Technology guidato da Tamaki Ura, professore presso l'Istituto di Tecnologia del Kyushu.

    Scritto Domenica, 08 Luglio 2018 00:00
  • Cinema: rabbia e odio dominano le classifiche del primo semestre 2018
    Scritto da
    Cinema: rabbia e odio dominano le classifiche del primo semestre 2018

    Rabbia e odio dominano le classifiche del primo semestre

    Come da tradizione, a giugno il cinema in Italia va decisamente in letargo. Lo dicono gli incassi, lo dicono gli esercenti e lo vogliono produttori e distributori, nonostante le miserabili smentite di rito. Finito il mese di maggio con il traino del Festival di Cannes, l'estate cinematografica quest'anno è particolarmente povera di titoli e di investimenti in tal senso.

    Scritto Sabato, 07 Luglio 2018 00:00
  • La verità, il dialogo e il confronto... su un treno
    Scritto da
    La verità, il dialogo e il confronto... su un treno

    La verità, il dialogo e il confronto... su un treno

    Siete appena saliti su un treno, di quelli ad alta velocità probabilmente.

    Scritto Sabato, 07 Luglio 2018 00:00
  • Pearl Jam, di politica e musica
    Scritto da
    Pearl Jam, di politica e musica

    Pearl Jam, di politica e musica

    26 giugno 2018, Stadio Olimpico: i Pearl Jam dedicano Imagine, leggendario pezzo di John Lennon, ai migranti, che si sono visti chiudere la porta in faccia dal ministro Salvini. Subito dopo la reazione scomposta di varie voci che mostrano di non aver gradito lo spettacolo. Pochi minuti di canzone e di magia allo Stadio Olimpico di Roma hanno purtroppo rotto l'argine di commenti razzisti che, da ogni parte, hanno investito il frontman della band americana.

    Scritto Venerdì, 06 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1674

    L'Europa trova una linea comune: "Sono cazzi vostri".‬

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 05 Luglio 2018 00:00
  • Il naufragio dell'ordine liberale (e del liberalismo)
    Scritto da
    Il naufragio dell'ordine liberale (e del liberalismo)

    Il naufragio dell'ordine liberale (e del liberalismo)

    Si fa un gran parlare della crisi dell’ordine liberale, come di un ordine al quale tutti, comunisti compresi, dovrebbero esser grati.

    Bene, l’ultimo saggio di Vittorio Emanuele Parsi Titanic. Il naufragio dell’ordine liberale prende di punta l’argomento, analizzando il cambiamento intercorso tra il passaggio dal vecchio “ordine liberale internazionale” al nuovo “ordine neoliberale globale”.

    Scritto Giovedì, 05 Luglio 2018 00:00
  • Le nuove sinfonie dell'elettronica: una conversazione con BRUCH
    Scritto da
    Le nuove sinfonie dell'elettronica: una conversazione con BRUCH

    Le nuove sinfonie dell'elettronica: una conversazione con BRUCH

    Tra le vene artistiche contemporanee che si distanziano dal mainstream pur rimanendo accessibili a un pubblico vasto, la musica elettronica è in un certo senso tra le più fortunate. Con la sua congenita attenzione al suono in senso esteso è riuscita spesso ad aggirare l'ossessione maturata in ambito pop per la voce al di sopra di tutto, producendo risultati di notevole complessità e diventando per molti versi una testa di ponte dell'avanguardia musicale.

    Scritto Mercoledì, 04 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1673

    Milano: rimosso un poster che ritraeva Salvini nella divisa di Hitler. I familiari di Hitler avevano protestato.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 03 Luglio 2018 00:00
  • Il "manifesto Calenda": la proposta che non salverà il Paese
    Scritto da
    Il "manifesto Calenda": la proposta che non salverà il Paese

    Il "manifesto Calenda": la proposta che non salverà il Paese

    Dopo il voto del 4 marzo 2018, le forze politiche sconfitte presenti in Parlamento hanno provato a fare opposizione; essa si è tradotta, sostanzialmente, da un lato nella denuncia dei provvedimenti e delle dichiarazioni di Salvini e dall’altro nell’apprezzamento dell’osservazione dell’inconcludenza del Movimento 5 stelle.

    Scritto Martedì, 03 Luglio 2018 00:00
  • Smascherare i nuovi fascismi!
    Scritto da
    Smascherare i nuovi fascismi!

    A Tripetetolo per smascherare i nuovi Fascismi! 

    Di Elena Papucci e Chiara Del Corona

    Al circolo Arci “Le due strade” di Lastra a Signa, durante “Tripetetolo in festa”, sabato 23 giugno si è parlato di nuovi fascismi con Giovanni Baldini, redattore di Patria indipendente e Giorgia Bulli, docente di Scienze Politiche all'università di Firenze, coordinati da Elena Papucci, vicepresidente della sezione Anpi "Bruno Terzani" di Lastra a Signa. 

    Scritto Lunedì, 02 Luglio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1672

    Salvini esce dal vertice europeo con un pugno di mosche. D’altronde le attrae.

    di Fdecollibus

    Scritto Domenica, 01 Luglio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #244 – Lavoro: approvato il “sistema discrezionale”
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #244 – Lavoro: approvato il “sistema discrezionale”

    Due Prefetture manifestano preoccupazione per il dispiegamento sul loro territorio delle batterie facenti parte del sistema antimissilistico Aegis. La decisione definitiva circa il posizionamento del sistema - gestito congiuntamente da Stati Uniti e Giappone - venne presa nel dicembre 2017 tuttavia due Governatori, quelli di Yamaguchi ed Akita (rispettivamente Tsugumasa Muraoka e Norihisa Satake) hanno espresso la scorsa settimana al ministro Onodera i loro dubbi circa la necessità, a fronte del mutare della situazione internazionale, di installare la nuova infrastruttura militare. “Sarebbe veramente disdicevole se il governo centrale decidesse di proseguire senza convincerci fornendo altre spiegazioni” ha dichiarato Satake.
    “Al momento la Corea del Nord possiede centinaia di missili balistici che possono raggiungere il Giappone ed inoltre non hanno ancora preso alcuna misura concreta verso l'abbandono dell'armamento nucleare. Per quanto ci riguarda la minaccia non è mutata” ha sostenuto il ministro della Difesa.

    Scritto Domenica, 01 Luglio 2018 00:00
  • Lanthimos si conferma tra i migliori registi europei contemporanei
    Scritto da
    Lanthimos si conferma tra i migliori registi europei contemporanei

    Lanthimos si conferma tra i migliori registi europei contemporanei

    Dopo la consacrazione dello splendido The Lobster, il regista greco Lanthimos è diventato uno degli autori di punta del nuovo cinema europeo.

    Al 70° Festival di Cannes vince il premio per la miglior sceneggiatura, insieme a You Were Never Really Here (uscito in Italia con il titolo A Beautiful Day. Protagonista assoluto Joacquin Phoenix).

    Scritto Sabato, 30 Giugno 2018 00:00
  • Viaggio nel tempo (II)
    Scritto da
    Viaggio nel tempo (II)

    Viaggio nel Tempo – parte seconda

    Dopo la prima passeggiata nei meandri del tempo, oggi parliamo di un altro aspetto: la direzionalità degli eventi temporali.

    Scritto Venerdì, 29 Giugno 2018 00:00
  • A sinistra, i progressisti italiani si interrogano sulla loro sconfitta?
    Scritto da
    A sinistra, i progressisti italiani si interrogano sulla loro sconfitta?

    A sinistra, i progressisti italiani si interrogano sulla loro sconfitta?

    Zhou Enlai affermò nel 1972 di come fosse ancora presto per giudicare la Rivoluzione Francese. In realtà pare fosse stato frainteso, volendosi riferire al 1968, anziché al 1917 (si veda qui).

    Però capita di sentire citato questo aneddoto come indicativo di un atteggiamento cinese rivolto ai tempi lunghi, sui quali però saremmo tutti morti, secondo un approccio pseudo-keynesiano.

    Scritto Giovedì, 28 Giugno 2018 00:00
  • Erdogan il Sultano ora vuole diventare il Califfo
    Scritto da
    Erdogan il Sultano ora vuole diventare il Califfo

    All’ombra della Sublime Porta: Erdogan il Sultano ora vuole diventare il Califfo

    Gloriosa la storia dell’Impero ottomano. Una tribù dell’Anatolia che, sotto la pressione delle invasioni mongole nel Turkmenistan e intorno al Mar Nero, si spostò verso Costantinopoli, conquistando prima Bursa, centro nevralgico della regione, poi annientando definitivamente l’Impero bizantino. L’Impero ottomano divenne la maggiore potenza nel Mediterraneo per secoli, occupando gran parte del Nord Africa e del Medio Oriente. In Europa divisa tra lotte tra stati nazionali, scismi religiosi e carestie è stato per molto tempo una spina nel fianco del continente, minacciando più volte militarmente i regni e gli imperi europei.

    Scritto Mercoledì, 27 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1671

    Spiegazione del risultato elettorale di ieri: le mosche non si posano sulla merda perché è buona, si posano perché la merda ha qualcosa che le attrae.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 26 Giugno 2018 00:00
  • Fuori gli USA dal consiglio ONU per i diritti umani
    Scritto da
    Fuori gli USA dal consiglio ONU per i diritti umani

    Fuori gli USA dal consiglio ONU per i diritti umani

    Il 19 giugno l’ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, Nikki Haley, ha annunciato ufficialmente l’uscita del suo Paese dal Consiglio per i Diritti Umani. La scelta, nell’aria già da diverso tempo, è stata motivata con l’accusa di ipocrisia da parte di un organismo eccessivamente schierato contro Israele e silente invece verso quelli che una volta George W. Bush avrebbe definito gli “Stati canaglia”, che la Haley e il Segretario di Stato Pompeo si sono premurati di elencare (parzialmente?): Iran, Russia, Cina, Cuba, Egitto, Venezuela, Congo.

    Scritto Martedì, 26 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1670

    Maledetto Kalergi! Vuole la sostituzione etnica e non ha nemmeno temuto lo scontrino.

    di Fdecollibus

    Scritto Lunedì, 25 Giugno 2018 00:00
  • Un miracolo per rimanere in Europa: tra Sky e Ammaniti
    Scritto da
    Un miracolo per rimanere in Europa: tra Sky e Ammaniti

    Un miracolo per rimanere in Europa: tra Sky e Ammaniti

    Il miracolo, serie TV, Italia, 2018

    Una statua in plastica di Maria, madre di Gesù, lacrima sangue umano.

    Rinvenuta nel covo di un capo della criminalità organizzata finisce nelle mani di un generale dei servizi segreti, che decide di tenerla nascosta informandone il Presidente del Consiglio.

    Quest'ultimo è alle prese con un referendum sfuggitogli dalle mani, sulla permanenza o meno del Paese all'interno dell'Unione Europea.

    Scritto Lunedì, 25 Giugno 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #243 – Un violento terremoto ha colpito la Prefettura di Osaka
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #243 – Un violento terremoto ha colpito la Prefettura di Osaka

    Settimana iniziata con un forte terremoto che ha colpito la Prefettura di Osaka. Il 18 giugno alle ore 7,58 un terremoto di intensità 6 nella scala sismica giapponese ha infatti colpito la popolosa Prefettura e, con intensità minore, anche quella di Kyoto. Il bilancio è stato di 5 morti e 408 feriti. Sospesa in 110.000 case la fornitura di gas mentre in circa 170.000 abitazioni per alcune ore è stata sospesa l'erogazione di energia elettrica. Il rischio di eventuali frane, possibili alla luce delle forti piogge segnalate dall'Agenzia Meteorologica, ha portato all'evacuazione di oltre 1.700 persone.
    Il 23 giugno, frattanto, tecnici della Prefettura di Osaka hanno ritenuto che in 15 scuole elementari e medie alcuni muri in cemento non presentavano le caratteristiche di solidità richieste dalla normativa. Le scuole ispezionate sono state in totale 59 ed in una di esse una bambina di 9 anni è deceduta nel corso della scossa di lunedì a causa proprio del crollo di un muro.

    Scritto Domenica, 24 Giugno 2018 00:00
  • Anticomunismo in Europa, il caso polacco
    Scritto da
    Anticomunismo in Europa, il caso polacco

    Anticomunismo in Europa, il caso polacco

    Vi proponiamo un articolo uscito sul supplemento cartaceo di maggio

    All’inizio di marzo è stata completata a Bieszczady, nelle foreste della Polonia sud-orientale, la rimozione del monumento al generale Świerczewski, che in quel luogo cadde vittima dei terroristi ucraini dell’UPA (nazionalisti) il 28 marzo 1947. Nato a Varsavia nel 1897 da famiglia operaia, Świerczewski era stato evacuato a Mosca durante la Grande guerra e lì si era iscritto al Partito bolscevico scalando successivamente i ranghi dell’Armata rossa. Dopo aver combattuto in Spagna con il nome di battaglia di Walter, nel 1943-44 fu tra i ricostruttori dell’esercito popolare polacco.

    La distruzione del monumento è solo l’ultimo di una serie di vili atti di rimozione in Polonia della memoria storica comunista e sovietica, rimozione alla quale il governo di PiS ha assegnato un’importanza non minore che alle deliranti crociate contro l’aborto (peraltro già largamente illegale). A settembre 2017, ad esempio, è stato demolito il mausoleo di Trzcianka, in Polonia occidentale, il primo edificato dall’Armata rossa sul suolo polacco. L’odio anticomunista prospera anche nelle città, con i consiglieri comunali di destra che si affannano a chiedere la “decomunistizzazione” di vie, ponti, scuole, strade, edifici pubblici; cancellando senza pudore i nomi di vittime dei Lager e di combattenti per la libertà, non soltanto polacca – l’esempio più noto è infatti quello di ulica Dąbrowszczaków a Varsavia, intitolata ai combattenti di Spagna del battaglione Dąbrowski, per impedire la cui cancellazione si è formato un ramificato movimento sociale con contatti anche in Spagna.

    Scritto Sabato, 23 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1669

    Dal numero di dichiarazioni rese Salvini mi sembra più il ministro dell'esterno.

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 22 Giugno 2018 00:00
  • Il film spagnolo di Farhadi che ha aperto Cannes 2018
    Scritto da
    Il film spagnolo di Farhadi che ha aperto Cannes 2018

    Il film spagnolo di Farhadi che ha aperto Cannes 2018

    Prima di parlarvi del film, devo dire grazie all'Istituto Francese e al Teatro La Compagnia di Firenze per avermi permesso di assistere a queste anteprime, come succede regolarmente ormai da cinque anni. Assistere a eventi del genere non capita tutti i giorni, soprattutto se si considera che i film proiettati sono in lingua originale. Prevedo che "Todos Lo Saben" (uscirà in Italia il 3 gennaio 2019 con Lucky Red) sarà un film molto complicato da doppiare visto che coniuga sia lo spagnolo sia il catalano. Detto questo veniamo all'analisi.

    Scritto Venerdì, 22 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1668

    Noi trolleremo diritto

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 21 Giugno 2018 00:00
  • Radici del Movimento 5 Stelle
    Scritto da
    Radici del Movimento 5 Stelle

    Radici del Movimento 5 Stelle

    Nei primi mesi del 2014 incontrai in treno un fu compagno dei Democratici di Sinistra, poi gravitante nell’area della sinistra radicale, che mi spiegò il 25% del M5S alle elezioni dell’anno precedente con la motivazione «è mancata Rifondazione Comunista». Sul M5S, cioè, si sarebbe riversato quel voto antisistema che Rifondazione nel ventennio precedente era riuscita a mantenere nell’alveo istituzionale.

    Quell’analisi non mi convinse del tutto. La convergenza del PD e del PdL nel sostegno al Governo Monti aveva prodotto un’otturazione della valvola di sfogo comunemente costituita dall’alternanza dei consensi fra una maggioranza e un’opposizione; questo sfogo non poteva neppure più passare, come alle europee del 2009, dai partiti “populisti” di Lega e Italia dei Valori perché anch’essi erano screditati da alcune inchieste. Tali condizioni di partenza, che favorivano certamente un afflusso di voti al M5S, lo avrebbero però favorito parimenti a Rifondazione, che come i grillini era extraparlamentare e si collocava in radicale opposizione all’esecutivo Monti.

    Scritto Giovedì, 21 Giugno 2018 00:00
  • Volere giustizia per Duccio Dini e voler aprire i porti si può
    Scritto da
    Volere giustizia per Duccio Dini e voler aprire i porti si può

    Volere giustizia per Duccio Dini e voler aprire i porti si può

    In queste ore a Firenze si intrecciano due vicende, una locale, l'altra nazionale: da una parte lo sgomento e la condanna generale per la morte di Duccio Dini, vittima collaterale di una lite tra due residenti nel campo nomadi del Poderaccio, dall'altra la decisione del neo ministro degli Interni Matteo Salvini di bloccare gli arrivi degli extracomunitari, negando loro l'aiuto dell'Italia. Le due vicende rischiano, con la loro concomitanza, di non permettere una sufficiente lucidità all'opinione pubblica.

    Scritto Mercoledì, 20 Giugno 2018 00:00
  • Scricchiolano il Governo della Merkel e l’Europa?
    Scritto da
    Scricchiolano il Governo della Merkel e l’Europa?

    Scricchiolano il Governo della Merkel e l’Europa?

    La dialettica tra CDU (della cancelliera Angela Merkel) e CSU (del ministro degli Interni Hornst Seehofer) segnala come la questione delle migrazioni non si al centro del solo episodio di confronto tra Salvini e Macron.

    La Germania affronta partite internazionali importanti anche sul piano economico, esposta ai dazi di Trump più degli altri paesi del vecchio continente, oltre che con la Deutsche Bank sotto analisi da parte della Fed a stelle e strisce.

    Scritto Martedì, 19 Giugno 2018 00:00
  • Dalla speranza nel centrosinistra al rancore diffuso? Un tentativo di storia politico-passionale
    Scritto da
    Dalla speranza nel centrosinistra al rancore diffuso? Un tentativo di storia politico-passionale

    Dalla speranza nel centrosinistra al rancore diffuso? Un tentativo di storia politico-passionale

    Aprile, di Nanni Moretti, costruisce un finale purtroppo debole – in quella che rimane una pellicola godibile – ma evidentemente molto sentito dal regista/attore attorno alla vittoria del centrosinistra capitanato da Romano Prodi alle elezioni politiche del 1996, la cui onda lunga emozionale sblocca la vita altrimenti insoddisfacente del protagonista del film. Su una t-shirt propagandistica prodotta da Rifondazione Comunista dieci anni dopo (2006) campeggia a caratteri cubitali uno slogan motivante ed ottimista: “vuoi vedere che l'Italia cambia davvero”. Ora faccio fatica anche solo ad immaginare chi possa avere il coraggio di indossarla, e infatti la conservo come un reperto archeologico.

    Scritto Lunedì, 18 Giugno 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #242 – G7 in Canada ed incontro al vertice tra RPDC e Stati Uniti
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #242 – G7 in Canada ed incontro al vertice tra RPDC e Stati Uniti

    Prevedibili divergenze sul commercio internazionale tra gli Stati Uniti da un lato e gli altri sei grandi al G7 canadese. Il summit si è concluso domenica con la partecipazione dei capi di governo (primo G7 per il Presidente italiano Conte nonché per l'ex “Grande Fratello” Rocco Casalino) e si è caratterizzato per un discreto clima di tensione in particolare tra gli USA ed il Canada. In tal senso dure ed inusuali le parole – “disonesto e debole” – contenute in un tweet del Presidente USA rivolto ai canadesi.

    Scritto Domenica, 17 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1667

    Propongo un compromesso su Almirante. Dedichiamogli una buca.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 16 Giugno 2018 00:00
  • L'Italia ha bisogno di gente come Alice Rohrwacher
    Scritto da
    L'Italia ha bisogno di gente come Alice Rohrwacher

    L'Italia ha bisogno di gente come Alice Rohrwacher 

    Nella cultura popolare medievale Lazzaro era considerato il malato, il lebbroso, l'emarginato, il disgraziato, il disagiato, ma anche il ladruncolo, il rivoluzionario o il mascalzone. Nei Vangeli c'è l'episodio in cui Cristo lo fa resuscitare dalla morte esortandolo a uscire dal sepolcro camminando.

    Scritto Sabato, 16 Giugno 2018 00:00
  • Un viaggio nel tempo alle Festas di Lisboa con gli Irmãos Makossa
    Scritto da
    Un viaggio nel tempo alle Festas di Lisboa con gli Irmãos Makossa

    Un viaggio nel tempo alle Festas di Lisboa con gli Irmãos Makossa

    Da fine maggio a quasi metà luglio, il delirio, le Festas di Lisboa, le feste di Lisbona. Concerti, spettacoli e tante sardine, vino e birra. E poi tra la notte del 12 giugno e la mattina del 13 giugno, l'apice, il picco, il tetto massimo del casino: il 13 Giugno si festeggia Sant’Antonio, in realtà il vero patrono di Lisbona è São Vicente, ma nessuno lo sa, per tutti è Sant'Antonio.

    Scritto Sabato, 16 Giugno 2018 00:00
  • Immigrazione, integrazione e accoglienza: una cultura ostaggio della Lega
    Scritto da
    Immigrazione, integrazione e accoglienza: una cultura ostaggio della Lega

    Immigrazione, integrazione e accoglienza: una cultura ostaggio della Lega

    C'è stato un tempo lontano in cui questo paese nella sua storia è stato il più grande crocevia di civiltà del Mediterraneo. Dall'antichità, le sue coste e i suoi vasti e multiformi territori sono stati toccati da navi e popolazioni provenienti da ogni angolo del Mediterraneo.

    Scritto Venerdì, 15 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1666

    La Spagna sostituisce l’allenatore della nazionale la settimana prima dei mondiali. Mi sa che a bordo dell’Aquarius c’erano davvero dei fenomeni.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 14 Giugno 2018 00:00
  • Del caso Aquarius e di riflessioni scombinate connesse
    Scritto da
    Del caso Aquarius e di riflessioni scombinate connesse

    Del caso Aquarius e di riflessioni scombinate connesse

    So che è stato detto e scritto tutto con voci molto più autorevoli e preparate delle mie rispetto alla vicenda dell’Aquarius, e che è augurabile che tanto si continui a dire e a scrivere a proposito di questo fatto, ma quel che è accaduto non può lasciarmi inerte, anche a costo di scrivere delle immense banalità o a fare dei ridondanti e altisonanti discorsi retorici. Il rifiuto da parte del ministro degli interni e del ministro delle infrastrutture Toninelli insieme al placido/ tacito silenzio assenso del presidente del Consiglio Conte, di far attraccare la nave di soccorso Aquarius con a bordo 629 persone, tra donne, uomini e bambini, è di una gravità allucinante.

    Scritto Giovedì, 14 Giugno 2018 00:00
  • Viaggio nel tempo (I)
    Scritto da
    Viaggio nel tempo (I)

    Viaggio nel Tempo – parte prima

    Il tempo rappresenta per tutti una costante, ma la realtà è molto più complessa e intrigante. Ogni mattina ci svegliamo sapendo che i nostri spostamenti, le nostre decisioni, le nostre carriere, vite, relazioni e amicizie avranno un’unica costante immutabile: il tempo.

    Scritto Mercoledì, 13 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1665

    Secondo me Salvini è convinto che Aquarius sia un cavaliere dello zodiaco.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 12 Giugno 2018 00:00
  • Questione palestinese all'ombra di Israele - Argentina
    Scritto da
    Questione palestinese all'ombra di Israele - Argentina

    Questione palestinese all'ombra di Argentina-Israele

    Ha suscitato un certo clamore la decisione della nazionale di calcio argentina di non disputare un match amichevole con Israele che si sarebbe dovuto tenere lo scorso nove giugno, decisione giunta dopo che la ministra della cultura israeliana aveva suggerito lo spostamento della partita dalla città di Haifa a Gerusalemme.

    Scritto Martedì, 12 Giugno 2018 00:00
  • Quando la fotografia naturalistica è poco naturale e pochissimo etica
    Quando la fotografia naturalistica è poco naturale e pochissimo etica

    Il cielo stellato sopra di me, un formichiere impagliato davanti a me – fotografia naturalistica poco naturale e pochissimo etica

    Sotto un cielo stellato, un formichiere si appresta all’assalto di un grande formicaio punteggiato dalla bioluminescenza delle termiti. Le minuscole luci nella scena notturna, l’atto di predazione immortalato nel momento perfetto: lo scatto è inizialmente valso al fotografo brasiliano Marcio Cabral il Wildlife Photographer of the Year Award assegnato dal Museo di Storia Naturale di Londra, uno dei riconoscimenti più prestigiosi cui un fotografo naturalistico possa aspirare. Certo, il formichiere sembra un po’ ingessato, ma la luce è poca e strana, e poi chi è che ha ben presente come si muova un formichiere?

    Scritto Lunedì, 11 Giugno 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #241 – Tra Corea del Nord e commercio settimana intensa per la diplomazia nipponica
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #241 – Tra Corea del Nord e commercio settimana intensa per la diplomazia nipponica

    Il Giappone si mostra cauto sul prossimo vertice tra Stati Uniti e Corea del Nord. A suscitare preoccupazione è l'abbandono, almeno per il momento, da parte USA della locuzione “massima pressione” al fine di ottenere la denuclearizzazione della Penisola coreana. “Non voglio più usare questa affermazione” ha infatti sostenuto Donald Trump lo scorso 1 giugno incontrando l'inviato della RPDC Kim Yong Chol.
    Il tema è stato, ovviamente, al centro anche dei lavori dell'Asia Security Summit di Singapore.

    Scritto Domenica, 10 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1664

    Dietro Giuseppe Conte, c’è Luigi Di Maio. Dietro Di Maio c’è Davide Casaleggio. Dietro Casaleggio c’è Beppe Grillo. Pensavo fosse governo... Invece era un trenino.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 09 Giugno 2018 00:00
  • 2001 Odissea nello spazio compie cinquant'anni
    Scritto da
    2001 Odissea nello spazio compie cinquant'anni

    2001 Odissea nello spazio compie cinquant'anni 

    "Ognuno è libero di speculare a suo gusto sul significato del film. Io ho tentato di rappresentare un'esperienza visiva, che aggiri la comprensione per penetrare con il suo contenuto emotivo direttamente nell'inconscio" (Stanley Kubrick). Cinquanta anni fa usciva nei cinema di tutto il mondo un film che cambiò la storia del cinema in maniera repentina: sto parlando di "2001 Odissea nello Spazio" di Stanley Kubrick. Un film entrato nell'immaginario collettivo tracciando una sorta di mappa per l'essere umano. Mai nessuna opera cinematografica è stata così densa di argomenti, significati, simboli nascosti come questa.

    Scritto Sabato, 09 Giugno 2018 00:00
  • Nel giorno triste-allegro di chiusura del Vasbela
    Scritto da
    Nel giorno triste-allegro di chiusura del Vasbela

    Quando Mick suonò la sua musica AfroTuga nel giorno triste-allegro di chiusura del Vasbela

    È arrivato il giorno che non volevamo, il Vasbela chiude e forse, chissà, risorgerà in un'altra versione...

    Arturo ha chiamato a raccolta tutti gli amici e così, una grande triste e allegra festa di chiusura per il proprietario di questo piccolo grande locale situato in Rua dos Remédios.

    Scritto Sabato, 09 Giugno 2018 00:00
  • Rassemblement Bleu Salvini
    Scritto da
    Rassemblement Bleu Salvini

    Rassemblement Bleu Salvini – la Lega da Nord a centro-destra 

    Grégoire Kauffmann, nel suo Le nouveau FN. Le vieux habits du populisme (La Republique des Idees-Seuil, 2016), smitizza la presunta dédiabolisation del Front National di Marine Le Pen raccontandoci la storia di un partito-blob, capace di inglobare elementi eterogenei senza pregiudicare la propria coesione.

    Scritto Venerdì, 08 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1663

    Preferivo quando l’Ungheria popolava i sogni erotici degli italiani anziché quelli politici.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 07 Giugno 2018 00:00
  • Perché si obietta? Le motivazioni non religiose dell’obiezione di coscienza
    Scritto da
    Perché si obietta? Le motivazioni non religiose dell’obiezione di coscienza

    Perché si obietta? Le motivazioni non religiose dell’obiezione di coscienza

    Dopo il successo del referendum in Irlanda, il diritto della donna alla scelta sul proprio corpo è tornato ad essere un argomento di attualità. Si tratta di un importante passo che ridà speranza in un periodo di conservatorismo e recessione, che vede la rinascita di fondamentalismi e l’arrivo al potere di gruppi estremisti, legati a logiche fasciste e patriarcali.

    Scritto Giovedì, 07 Giugno 2018 00:00
  • Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 2)
    Scritto da
    Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 2)

    Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 2)

    La prima parte cliccando qui.

    Forse proprio perché sconfinato, proprio perché così teso verso l’infinito, questo pensiero allo stesso modo in cui non riusciva in qualche modo a toccare il limite o a confrontarsi veramente con esso, non voleva e non poteva trovare e raggiungere qualcosa di definitivo. Per questo la sua ritrosia a lasciarsi abbandonare fino in fondo. Oltretutto avvertiva come totalmente superfluo e piuttosto insignificante il proprio abbandono a Dio: «C’è realmente gioia perfetta ed infinita in Dio. La mia partecipazione non può aggiungervi nulla, la mia non-partecipazione nulla toglie alla realtà di questa gioia infinita e perfetta. Se è così, che importanza può avere che io vi debba aver parte o no? Nessuna»[1].

    Scritto Mercoledì, 06 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1662

    Dov’è il tasto “lanciafiamme” su Facebook?

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 05 Giugno 2018 00:00
  • Un nuovo governo per l'Italia?
    Scritto da
    Un nuovo governo per l'Italia?

    Un nuovo governo per l'Italia?

    Alla fine, dopo 88 giorni di stallo, l’Italia ha un governo. Sabato primo giugno il giuramento di Giuseppe Conte come Premier inaugura ufficialmente una legislatura a guida M5S e Lega.

    E dire che solo pochi giorni prima si era consumata quella che per molti è stata una delle più gravi crisi istituzionali della storia repubblicana.

    Il compromesso raggiunto attorno alla nomina a Ministro di Paolo Savona, ha raffreddato un clima rovente ma ha dimostrato la presenza di una forte frattura politica sul piano della questione europea.

    Scritto Martedì, 05 Giugno 2018 00:00
  • Cronaca di una surreale settimana politica italiana
    Scritto da
    Cronaca di una surreale settimana politica italiana

    Cronaca di una surreale settimana politica italiana

    Il periodo più lungo della Repubblica Italiana senza un nuovo governo, dalla data delle elezioni nazionali, è giunto al termine. L’incarico a Giuseppe Conte, come Presidente del Consiglio dei ministri, è arrivato (per la seconda volta) il 31 maggio, dopo sorprendenti cronache susseguitesi nel giro di poche ore. Frequentare i servizi di rete sociale su internet (principalmente Facebook) causava disorientamento e irritazione, nel caso non ci si volesse sedere in un settore già assegnato per il tifo.

    Dinamiche abituali si sono acuite, soprattutto nelle bolle di quella parte politica uscita devastata dal passaggio del 4 marzo 2018, quelle della sinistra italiana (in senso ampio).

    Scritto Lunedì, 04 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1661

    Di Maio si scusa per l'impeachment: "Credevo fosse un album di Celentano".

    di Fdecollibus

    Scritto Lunedì, 04 Giugno 2018 00:00
  • Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 1)
    Scritto da
    Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 1)

    Simone Weil, pensiero a dismisura: una presentazione (parte 1)

    Mercoledì 30 maggio presso l’Istituto Francese di Firenze, Cristina Giachi, docente di istituzioni di diritto romano e storia del pensiero giuridico antico all’Università degli Studi di Firenze e dal 2014 Vicesindaca del comune della stessa città con delega all’educazione, università e ricerca, ha presentato il libro, edito da Clichy, di cui è curatrice: Simone Weil, pensiero a dismisura.

    Sono proprio un pensiero e una personalità smisurati quelli che emergono dalle pagine del libro, una raccolta di passi scelti con grande cura e attenzione tratti dalle opere della filosofa novecentesca, preceduta da un’intensa e appassionata introduzione, in cui i percorsi di vita e di pensiero della curatrice si intrecciano e si annodano alla ricerca, al pensiero, alla passione e alla smisurata personalità di una delle più grandi e proficue menti del secolo breve. Altre volte invece questi fii che tessono esperienza di vita e ingegno creativo e speculativo si scontrano e si urtano, in una impossibile lotta, in una sfida fuori dal tempo e dallo spazio tra due intimità, due destini lontani e al contempo vicinissimi. Giachi legge e vive Simone Weil in maniera viscerale, trovando punti di forte contatto, se non di quasi immedesimazione e al contempo punti di scontro, di conflitto. Tanto che nell’introduzione la professoressa di diritto romano parlando del suo incontro con la filosofa francese parla proprio di “folgorazione e tormento”: «fu un incontro intellettuale come non ne accadono molti: una folgorazione e allo stesso tempo l’inizio di un tormento. È la storia delle passioni grandi: folgorazione e tormento, ispirazione e capacità di scoprire la nuda verità dei pensieri, smascheramento, disvelamento degli alibi»[1]

    Scritto Lunedì, 04 Giugno 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #240 – L'opposizione non molla sugli scandali che coinvolgono il governo
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #240 – L'opposizione non molla sugli scandali che coinvolgono il governo

    Tornato in patria da San Pietroburgo il Primo Ministro Abe ha negato nuovamente in parlamento il proprio coinvolgimento nello scandalo Moritomo Gakuen. “Voglio dire chiaramente che né io né mia moglie siamo stati coinvolti nella vendita o nel processo di approvazione” ha affermato Abe lo scorso 28 maggio difendendo anche la consorte Akie che al momento dell'affaire era presidentessa onoraria dell'associazione che ha acquistato ad un prezzo bassissimo il terreno demaniale situato nella Prefettura di Osaka. “La signora Abe compare 14 volte nei documenti ottenuti dal Ministero delle Finanze. Come può dire che non è mai stata coinvolta?” ha contestato Teruhiko Mashiko del Partito Democratico per il Popolo.

    Scritto Domenica, 03 Giugno 2018 00:00
  • Quarant'anni con il Boss in The darkness on the edge of town
    Scritto da
    Quarant'anni con il Boss in The darkness on the edge of town

    Quarant'anni con il Boss in The darkness on the edge of town

    Un disco che scende a patti con la disperazione, persone che cercano di aggrapparsi alla propria dignità in mezzo a un uragano. Parla di gente che tenta di liberarsi. Darkness on the edge of town sostanzialmente dice "Arrivi dove vuoi andare e torni indietro e ritorno di nuovo, perché è solo l'inizio... Ci arrivi... sei tutto contento... e d'un tratto senti un senso di terrore che sovrasta tutto quello che fai" (Bruce Springsteen)

    Scritto Sabato, 02 Giugno 2018 00:00
  • Un’Europa senza plastica è possibile?
    Scritto da
    Un’Europa senza plastica è possibile?

    Un’Europa senza plastica è possibile?

    Raccolta del 90% con sistemi premiali e messa al bando di moltissimi prodotti. Questa la strada indicata dalla Commissione Europea.

    Scritto Venerdì, 01 Giugno 2018 00:00
  • Il controverso rapporto con l'europeismo della sinistra in Italia
    Scritto da
    Il controverso rapporto con l'europeismo della sinistra in Italia

    Europa tradita: il controverso rapporto con l'europeismo della sinistra in Italia

    C’è grande confusione sotto il cielo. Nonostante per il grande Mao ciò coincise con una grande opportunità politica per la sua rivoluzione,  la grande confusione di questi giorni e queste ultime settimane non fa che acutizzare la crisi di una sinistra italiana sempre più sbandata. Senza parlare del Partito Democratico, che l’autore di questo articolo si ostina a collocare nell’orbita (sinceramente più lontana) della sinistra.

    Scritto Venerdì, 01 Giugno 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1660

    Ma se la realtà è questa, ha senso scrivere ancora battute?

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 31 Maggio 2018 00:00
  • Repeal the 8th. Sui risultati del referendum irlandese
    Scritto da
    Repeal the 8th. Sui risultati del referendum irlandese

    Repeal the 8th. Sui risultati del referendum irlandese

    Savita Halappanavar era una giovane dentista di origini indiane che viveva da tempo in Irlanda.

    Nel novembre del 2012, a seguito di un marcato malessere e capendo di star perdendo il bambino che portava in grembo, si era recata nell'ospedale universitario di Galway, chiedendo che la gravidanza – ormai compromessa – venisse interrotta. A causa dell'ottavo emendamento alla costituzione irlandese, aggiunto nel 1983 a seguito di un referendum, che metteva sullo stesso piano la vita del feto e la vita della madre, proibendo in sostanzialmente qualunque caso l'aborto, il personale medico dell'ospedale si rifiutò di interrompere la gravidanza. Savita è morta di setticemia dopo pochi giorni.

    Scritto Giovedì, 31 Maggio 2018 00:00
  • Asperger era nazista. Una questione aperta tra memoria ed etica della scienza.
    Asperger era nazista. Una questione aperta tra memoria ed etica della scienza.

    Asperger era nazista. Una questione aperta tra memoria ed etica della scienza.

    La notizia che Hans Asperger, pioniere degli studi sull’autismo, fosse organico al regime nazista ha forse destato più sensazione di quanta avrebbe dovuto. Il (presunto) ruolo del pediatra austriaco nel salvare dallo sterminio molti bambini con tratti autistici, persuadendo le autorità della loro intelligenza, gli era valso negli scorsi decenni la fama di oppositore al nazismo che difendeva i propri pazienti.

    Scritto Giovedì, 31 Maggio 2018 00:00
  • Lucia di Lammermoor al Carlo Felice di Genova
    Scritto da
    Lucia di Lammermoor al Carlo Felice di Genova

    Chiude con Lucia di Lammermoor (in replica fino al 5 giugno) la stagione lirica del Teatro Carlo Felice di Genova. Opera di Gaetano Donizetti su libretto di Cammarrano (che per il maestro bergamasco scriverà qualche anno più tardi il Roberto Devereux) che si ispirò nel soggetto al romanzo The Bride of Lammermoor del fondatore del romanzo storico Walter Scott.
    Novità di questa produzione lo spostamento di ambientazione operato dal regista Lorenzo Mariani con un passaggio dalla Scozia dell’Età Moderna al periodo tra le due guerre mondiali (una innovazione tutto sommato marginale ma che sicuramente farà arricciare il naso ai più puristi).
    Opera dalla genesi complessa per via di alcune controversie finanziarie (la “fame” del teatro è antica quanto il teatro stesso), la storia messa in scena è un conflitto al cubo: tra due uomini che si contendono la volontà di una donna ma anche tra due Casati che si scontrano in quella Glorious Revolution che vide contrapposti i sostenitori degli Stuart agli orangisti. Un classico, dunque, dell’amore reso impossibile dalle opposte fazioni cui appartengono gli amanti ma restituito da Donizetti in forma nuova. Una cupa tonalità gotica (siamo nell’ambito del recupero e della trasposizione mistica del passato operato dai romantici) avvolge i personaggi e la loro storia.

    Scritto Mercoledì, 30 Maggio 2018 07:00
  • Un'opinione politica sulla crisi istituzionale
    Scritto da
    Un'opinione politica sulla crisi istituzionale

    Torrenti, fiumi di parole stanno scorrendo a proposito di quella che da molti è considerata la peggiore crisi istituzionale di questo paese degli ultimi decenni. Il Presidente della Repubblica Mattarella si è rifiutato di nominare un governo Conte che, sostenuto da Movimento Cinque Stelle e Lega Nord, vedesse al Ministero dell’Economia Paolo Savona. Ed io invece mi trovo in seria difficoltà a commentare. Difficoltà perché se penso al baratro che ci si è aperto davanti, sinceramente non vedo un via d’uscita che ci evita il passaggio per la catastrofe.

    Scritto Mercoledì, 30 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1659

    Capisci che sta andando veramente tutto a rotoli quando ti rendi conto che Berlusconi è quello moderato.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 29 Maggio 2018 00:00
  • Rapporto Istat 2018: la fotografia del Paese
    Scritto da
    Rapporto Istat 2018: la fotografia del Paese

    Rapporto Istat 2018: la fotografia del Paese

    Il rapporto Istat è da sempre un'ottima fotografia del Paese reale che sotto la crisi economica sta tirando sempre più la cinghia e arranca tutti i giorni. Andare più in profondità degli andamenti altalenanti delle preferenze politiche ci consente di capire in che direzione andranno le richieste della popolazione che si troverà di fronte a bisogni sempre più impellenti da soddisfare.

    Scritto Martedì, 29 Maggio 2018 00:00
  • La Disney annienta anche Han Solo
    Scritto da
    La Disney annienta anche Han Solo

    Il fascismo e il maschilismo della Disney annientano anche Han Solo

    Il successo del primo spin off della saga di Star Wars ha fatto montare la testa alla Disney. Questa seconda "origin story" è veramente un netto passo indietro. Rogue One non era un capolavoro, ma aveva un asso nella manica. Sostanzialmente diceva, in tempi di ego smisurato, che i noi sono più importanti dell'Io. Un messaggio importante soprattutto per le nuove generazioni. La Disney però ha rivisto la sua posizione ed ecco spiegato uno dei momenti più bassi di tutta la saga. Anche il boxoffice sta decretando il rallentamento della saga di Star Wars, dopo l'ottima ripartenza dell'Episodio VII e di Rogue One. Al momento Solo ha incassato meno della metà del primo spin-off. Eppure il personaggio "inventato" da Harrison Ford è sicuramente tra i più importanti e carismatici del mondo fantasy di George Lucas. Il film doveva essere fatto meglio, ma la serializzazione imposta dalla Casa di Topolino sta spostando i fan dalla platea cinematografica a consumatori/idrovore di seriali (pseudo)televisivi. Il che non è propriamente la stessa cosa, anche se (soprattutto) i più giovani credono che lo sia.


    Chiariamo subito un discorso. Non mancavano gli ingredienti necessari per la riuscita della storia (il Millennium Falcon, Chewbecca, Lando), ma il risultato finale risulta vuoto, privo di ogni intuizione, di qualche lampo creativo, di epicità e magia, di spade laser, di ironia e di carattere. Il perché era facilmente intuibile. Partiamo dall'inizio. A metà giugno del 2017 i registi di Lego Movie, Lord e Miller, sono stati licenziati per attriti con la Lucas Film. Le riprese erano quasi ultimate. La notizia fu accolta con esito favorevole da tutta la troupe. In realtà la Disney faceva trapelare questo per non dire la verità che poi è venuta fuori: noi mettiamo i soldi, chi si prende licenze creative non è ben accetto. Arrivederci e grazie. L'appiattimento è servito per l'ennesima volta. Quel che conta è il botteghino, la storia non incanta e le oltre due ore di durata non scorrono particolarmente fluide.

    Oltre a Lord e Miller, infatti fu allontanato il montatore Chris Dickens. Al suo posto Pietro Scalia, collaboratore di lunga data di Ridley Scott. Al protagonista Alden Ehrenreich fu affiancato un acting coach perché la produzione non era convinta della bontà della sua interpretazione (e ne avevano ben d'onde). A dirigere i lavori è stato ingaggiato l'esperto e neoclassico Ron Howard, l'ex Richie di Happy Days. Il regista premio Oscar è passato al Lato Oscuro e ha fatto il suo lavoro per la major, sopprimendo di fatto ogni tipo di critica. La libertà è stata cancellata e il lavoro è stato fatto in fretta e furia per arrivare in tempo all'anteprima del Festival di Cannes, dove il film è stato presentato fuori concorso.

    Hanno pagato un sacco di gente in più rispetto al budget originale, finendo per arrivare a 250 milioni di dollari complessivi (considerate che nessuno fra Rogue One, Episodio VII e VIII superava i 220 milioni di budget). Tutto questo nel film è pienamente visibile: il senso di incompiutezza è palese, i rimaneggiamenti di sceneggiatura con colpi di scena facilmente intuibili, la storia d'amore è debole e senza sussulti, il totale annientamento di ogni forma di ironia, la differenza tra la prima e la seconda ora del film, la commistione dei toni, lo scarso appeal dei personaggi, la recitazione piatta, monocorde e banale con colpi di scena telefonati. Non manca l'avventura, ma manca il divertimento, l'epica, l'ironia, il carisma di Harrison Ford. Il film poi è insopportabilmente maschilista (i personaggi femminili sono veramente tagliati con l'accetta) e anche abbastanza fascista.

    Ma veniamo alla storia. Questo film, cronologicamente, viene dopo la criticatissima trilogia degli anni 2000. Per intendersi dopo l'Episodio III, 11 anni prima di Una nuova speranza (il film capostipite della saga di George Lucas del 1977). La prima ora non è affatto male. Il film sembra arrembante e con picchi di cinema che vanno dall'azione di Ritorno al futuro e Mad Max Fury Road alla guerra di trincea di Orizzonti di gloria, passando per elementi cardine del cinema western avventuroso. Purtroppo la seconda ora cola a picco e rivela che le premesse erano mera illusione. Tanto tempo fa in una galassia lontana, l'oppressione era tangibile, nuove oscure forze volevano controllare la Repubblica. I sindacati si sono venduti ai padroni diventando loro alleati.

    Il giovane Han (Alden Ehrenreich, il cowboy di Ave Cesare dei Coen) è un eroe springsteeniano alla Born to run che vuole sfuggire da una città di corrotti e perdenti per fuggire via con l'amata Qi'ra (Emilia Clarke del Trono di Spade).

    Durante la fuga qualcosa va storto. I due sono separati. Han si arruola nell'esercito (in questa fase ci sono forti richiami alla guerra di trincea di Orizzonti di gloria di Stanley Kubrick), diventa pilota. Ma il suo cuore batte per Qi'ra. Sogna di tornare a prendersela a ogni costo. Qualche anno dopo i due si rincontreranno, ma le condizioni sono cambiate. Il cognome del giovane Han deriva dal fatto che quando viene registrato da un burocrate in divisa, è catalogato come Solo perché lui non sa chi sono i suoi genitori. Durante questa avventura conoscerà il fedele wookie Chewbecca (Jonas Suotamo), il mentore Beckett (un Woody Harrelson compassato e sottotono) e il Millennium Falcon che è proprietà del giocatore d'azzardo Lando Calrissian (Donald Glover).

    Han ha carattere, è uno tosto, al resto ci pensano le situazioni che lo fanno diventare per sempre un contrabbandiere. Ecco spiegato, in estrema sintesi, il carattere guascone, imbroglione del personaggio creato da quella faccia da schiaffi di Harrison Ford. Purtroppo al giovane Alden Ehrenreich (che non cerca fortunatamente l'imitazione dell'originale) mancano totalmente l'ironia, il carisma e il senso per la trasgressione. Fortunatamente ci sono delle scene d'azione e l'amicizia con il fido Chewbecca che valgono il prezzo del biglietto. Soprattutto l'inseguimento sul treno che sembra un po' un western vecchia maniera unito a sprazzi avventurosi/giallisti stile Indiana Jones, Snowpiercer e Assassinio sull'Orient Express. La fotografia di Bradford Young (Arrival) regge bene puntando soprattutto sul dominio del blu e del giallo ocra.

    I problemi iniziano a manifestarsi dopo l'intervallo. La storia latita e si sgrana, la recitazione peggiora (gli attori giovani hanno scarsa esperienza teatrale e vengono quasi tutti dalle serie Tv con scarsa gavetta cinematografica), i colpi di scena sono dannatamente prevedibili, le battute sono da seconda elementare (senza offendere i bambini). Tutto sembra tagliato con l'accetta. Woody Harrelson e il villain Paul Bettany sono ai minimi sindacali, Alden Ehrenreich ha un'unica espressione con gli occhi appena aperti e non entusiasma mai, Donald Glover è piuttosto pomposo e arrogante. Ma le cose più tristi vengono dai personaggi femminili. Sia il settimo sia l'ottavo episodio della saga puntavano giustamente sulla consistenza di Daisy Ridley. Qui invece c'è un netto passo del gambero: la storia d'amore tra Qi'ra e Han è quasi ridicola, Emilia Clarke sembra uscita da Fantaghirò 4 più che dal Trono di Spade, il droide femminista è quasi irritante perché serve solo a creare l'effetto "zuccherino". Il maschilismo è tangibile e le donne si devono adeguare (notare il finale in cui si rivela il misterioso padrone di Qi'ra).

    Il film non funziona affatto come dovrebbe, caro Ron Howard. Non è tutta colpa tua, in ogni caso. Agli amanti della celebre saga di Star Wars, dico una cosa. Ritengo che la Disney stia prendendo una cattiva strada che presto porterà i più a non credere più nella magia di film come quelli di George Lucas (la prossima tappa sarà l'Episodio IX che uscirà il 20 dicembre 2019, diretto da J.J. Abrams). Ai fan dico come Beckett quando ammonisce Han: «Parti dal principio che (prima o poi) ti tradiranno, così non rimarrai mai deluso.»


    Solo: a Star Wars story **1/2 (USA 2018) 

    Genere: Western / Fantasy / Azione

    Regia: Ron HOWARD

    Sceneggiatura: Laurence e Jon KASDAN 
    Fotografia: Bradford YOUNG

    Cast: Alden EHRENREICH, Woody HARRELSON, Paul BETTANY, Emilia CLARKE, Joonas SUOTAMO, Donald GLOVER

    Durata: 2h e 15 minuti

    Produzione: Lucas Film, Walt Disney

    Distribuzione: Walt Disney Pictures

    Uscita: 23 Maggio 2018

    FORMATI: 2D e 3D

    Trailer https://www.youtube.com/watch?v=eum93mpzpE0

    La frase cult: «Parti dal principio che ti tradiranno e non rimarrai mai deluso».


     

    TOP

    - Le scene d'azione che rimandano ad antichi esempi di cinema con canoni western

    - L'assalto al treno è grande cinema

    - L'amicizia tra Solo e Chewbecca funziona

    - La prima ora offre qualche momento alto

    - Gli omaggi al cinema d'azione (Indiana Jones, Ritorno al futuro, Mad Max Fury Road) e al cinema dei vecchi tempi (Orizzonti di gloria)

    - L'entrata in scena del Millennium Falcon

    FLOP

    - Il livello medio della recitazione è pessimo. I veterani Bettany e Harrelson sono ai minimi sindacali, i giovani interpreti non hanno la gavetta necessaria per il cinema

    - L'intervento fascista e maschilista della Disney (vedi licenziamento di Miller e Lord) sulla direzione della storia

    - I problemi produttivi che hanno costretto Ron Howard a un vero tour de force

    - I personaggi femminili sono ridicoli perché è un film maschilista

    - La seconda parte rovina quanto di buono è stato fatto nella prima

    - Mancano totalmente ironia, epica, divertimento e il carisma di Harrison Ford. Gli ingredienti tipici della saga ci sarebbero

    - Le continue rimaneggiature della sceneggiatura sono palesi e lasciano diversi dubbi

    - I colpi di scena sono facilmente intuibili


     Immagine di copertina ripresa liberamente da lecco4children.it, locandina liberamente ripresa da it.ign.com, immagine nel corpo del testo liberamente ripresa da www.denofgeek.com.

    Scritto Lunedì, 28 Maggio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #239 – Visita di Abe in Russia
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #239 – Visita di Abe in Russia

    La metà del personale delle università nipponiche è costituito da lavoratori a tempo parziale e precari. Il dato emerge da una ricerca realizzata dal quotidiano Asahi Shimbun su 751 atenei nel 2017 (659 le università che hanno risposto al questionario). Stando ai numeri i lavoratori a tempo pieno ammontano a 169.458 mentre i part time sono 169.164 (cioè quasi lo stesso numero). Anche tra quanti lavorano a tempo pieno appena il 26,2% (44.401 lavoratori) hanno un contratto a tempo indeterminato.

    Scritto Domenica, 27 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1658

    Tasse non pagate, atteggiamento antiscientifico, curriculum artefatto. Finalmente un premier che rappresenta davvero gli italiani.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 26 Maggio 2018 00:00
  • Dissidenti, poveri, donne ed emarginati protagonisti al 71° Festival di Cannes
    Scritto da
    Dissidenti, poveri, donne ed emarginati protagonisti al 71° Festival di Cannes

    Dissidenti, poveri, donne ed emarginati protagonisti al 71° Festival di Cannes
    Speciale dalla 71° edizione del Festival del Cinema di Cannes

    Dopo una 70° edizione non memorabile (vedi qui), a Cannes si sono fatti delle domande. Il vento del cambiamento è iniziato a soffiare. Alla berlina sono andati i film americani (ad eccezione del nuovo film di Spike Lee e lo spin off di Star Wars, "Solo"), le pellicole Netflix che rifiutano il passaggio dalla sala cinematografica, le anteprime stampa per evitare gli odiosi commenti sui social degli haters, i selfie sul red carpet. "La storia del cinema e di internet sono due cose diverse" - ha tuonato il direttore artistico della manifestazione, Thierry Fremaux.

    Scritto Sabato, 26 Maggio 2018 00:00
  • Quella volta che João cantò insieme a La Miseria Deluxe
    Scritto da
    Quella volta che João cantò insieme a La Miseria Deluxe

    Quella volta che João cantò insieme a La Miseria Deluxe

    «Allora, siete qui, vi ho lasciato entrare, divertiamoci ma non fate tutto questo casino! Sono le tre di notte, ufficialmente ho chiuso due ore fa. Per favore, poi se passa la polizia la multa la pago io!»

    João, proprietario della Real Sociedade, un ristorante in Rua dos Remédios, in Alfama, aperto da meno da un anno e molto particolare: se diventi amico suo, può bussare alla sua porta dopo le due di notte e se c'è, t'invita a bere un bicchiere con lui. Paghi la consumazioni, però magari la paghi a metà prezzo.

    Scritto Sabato, 26 Maggio 2018 00:00
  • Violenza contro la legge 194: quarant’anni di lotte per farla rispettare, ma la vittoria è ancora lontana.
    Scritto da
    Violenza contro la legge 194: quarant’anni di lotte per farla rispettare, ma la vittoria è ancora lontana.

    Violenza contro la legge 194: quarant’anni di lotte per farla rispettare, ma la vittoria di questa battaglia è ancora lontana.

    In occasione della festa della festa della donna l’8 marzo, il tema principale insieme alla lotta contro la violenza di genere è stata la ricorrenza dei quarant’anni della legge 194 sull’aborto. Oltre a celebrare la data, sono stati messi in luce quei dati impietosi che dimostrano quanto questo provvedimento sia ancora ostacolato. Questi numeri sono la testimonianza di come ancora la dignità e il ruolo della donna siano poco rispettati in questo paese.

    Scritto Venerdì, 25 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1657

    È tutto un complotto dell’acerrima nemica di leghisti e 5 stelle: l’istruzione superiore.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 24 Maggio 2018 00:00
  • I Nuovi re taumaturghi: i profeti della società dell'ottimizzazione
    Scritto da
    I Nuovi re taumaturghi: i profeti della società dell'ottimizzazione

    I Nuovi re taumaturghi
    I profeti della società dell'ottimizzazione

    Il Medioevo ipertecnologico nel quale viviamo ha resuscitato antiche credenze. I nuovi re taumaturghi non sono più investiti da poteri soprannaturali, ma compiono comunque il loro miracolo. Al contrario dei sovrani studiati dal grande storico Marc Bloch, non curano con l'imposizione delle mani ma con il discorso. Discorso mitico, racconto leggendario popolato da figure dell'abbondanza e della possibilità. L'estasi di arterie commerciali proliferanti, l'incanto di un intrattenimento continuo, di una danza vorticosa e frenetica di stimoli, suggestioni, segni. Tutto è a portata di click: l'ebbrezza di una comunicazione sconfinata, la vertigine di una libertà illimitata. Vivere è un gioco, è l'eccitazione di una corsa all'oro permanente.

    Scritto Giovedì, 24 Maggio 2018 00:00
  • Breve viaggio tra vegetarianesimo e veganesimo
    Scritto da
    Breve viaggio tra vegetarianesimo e veganesimo

    Breve viaggio tra vegetarianesimo e veganesimo, con uno sguardo scientifico

    Sapete che le mucche, ruttando metano, sono la prima causa dell’emissione di CO2?

    Scritto Mercoledì, 23 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1656

    Bello il contratto di governo, ma alla fine non ho capito qual è il TAN e il TAEG.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 22 Maggio 2018 00:00
  • Contratto tra Movimento 5 Stelle e Lega: una prima valutazione
    Scritto da
    Contratto tra Movimento 5 Stelle e Lega: una prima valutazione

    Contratto tra Movimento 5 Stelle e Lega: una prima valutazione

    Il contratto tra Lega e Movimento 5 stelle è un documento utile e essenziale per prefigurare quale società hanno in mente i due partiti di governo.

    Scritto Martedì, 22 Maggio 2018 00:00
  • Di arte, politica e cantieri navali: alcune considerazioni a seguito di The Last Ship di Sting
    Scritto da
    Di arte, politica e cantieri navali: alcune considerazioni a seguito di The Last Ship di Sting

    Di arte, politica e cantieri navali: alcune considerazioni a seguito di The Last Ship

    La convergenza tra arte e politica è da sempre un tema allo stesso tempo importante e rischioso. In diversi momenti storici, l'introduzione di temi politici in opere d'arte – siano esse visive, performative, o letterarie – è stata vista come un valore aggiunto o perfino una nobile missione, ma anche come un elemento controverso e, talvolta, passibile di censura.

    Scritto Lunedì, 21 Maggio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #238 – Appello al WTO contro i dazi USA
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #238 – Appello al WTO contro i dazi USA

    Il Giappone punta ad ottenere entro il 2030 un quinto della propria energia elettrica prodotta da nucleare. Il dato emerge dalla bozza del piano energetico nazionale messo a punto da un tavolo consultivo del Ministero dell'Economia, Commercio e Industria. Il nuovo piano sostituisce quello realizzato nel 2014 e prevede la rimessa in esercizio di 30 reattori per raggiungere una percentuale tra il 20 ed il 22% di energia elettrica da nucleare. Allo stato attuale sono soltanto otto i reattori rimessi in funzione, ciò è dovuto alle rigide normative di sicurezza approvate dopo la catastrofe di Fukushima.

    Scritto Domenica, 20 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1655

    Ma che noia, lasciate lavorare Salvini e Di Maio! Così almeno provano qualcosa di nuovo.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 19 Maggio 2018 00:00
  • A Cannes Garrone mostra l'incapacità italiana di vedere oltre le apparenze
    Scritto da
    A Cannes Garrone mostra l'incapacità italiana di vedere oltre le apparenze

    A Cannes Garrone mostra l'incapacità italiana di vedere oltre le apparenze

    Nel 2008 "Gomorra" consacrò ufficialmente l'entrata di Matteo Garrone tra i registi di punta del nostro cinema. Anche uno specialista come Martin Scorsese osannò pubblicamente il giovane regista italiano. Da lì in poi sono arrivati gli ottimi Reality, Il racconto dei racconti e adesso Dogman. Al Festival di Cannes è ormai ospite fisso. Insieme a Sorrentino e Moretti. è uno degli autori più amati in Francia, tanto che la casa transalpina Le Pacte cofinanzia le sue opere (insieme a Rai Cinema e l'Archimede Film dello stesso Garrone). Bisogna dire però che sei anni prima di Gomorra, uscì un film visto da pochi di cui bisogna tener conto, L'imbalsamatore (trovate il trailer qui). Un noir italiano fuori dal comune che parla

    Scritto Sabato, 19 Maggio 2018 00:00
  • Da Milano a Lisbona, da operaio a musicista
    Scritto da
    Da Milano a Lisbona, da operaio a musicista

    Da Milano a Lisbona, da operaio a musicista

    «Hey! Quanto tempo, come stai Daniè?»

    «Sempre a Lisbona a suonare, ma ora vado in tour, al nord e poi in Germania».

    E sì, sono stato via qualche settimana e poi, capita in questa città, dove si esce senza programmarsi nulla, tanto è inutile, si cambia programma in corsa, (e non vale solo per me, è la città che ormai è un delirio di eventi culturali per tutti i gusti e per tutte le tasche), volevi andare da una parte e ne finisci da un'altra.

    Erano mesi che non incontravo Daniele, un ragazzo milanese che fino a qualche anno faceva l’operaio nella sua città, a Milano, poi molla tutto e arriva a Lisbona. Ora vive suonando per locali, è il frontman dei Ginga a Milanesa e fa parte del trio Wattaforg (insieme a Francesco “Foggy” e ad Amanda, una ragazza irlandese che canta).

    Daniele lo puoi trovare durante il giorno anche nelle strade e nelle piazze della capitale portoghese a fare busking, ovvero ad esibirsi gratuitamente in luoghi pubblici e se ti va, puoi fargli un’offerta libera.

    La prima volta che vidi questo ragazzo milanese abbondantemente sotto i 30 anni, fu durante una festa privata: prese la chitarra e cominciò a suonare. Straordinario. Eccezionale. Un nuovo talento in città. Poi sono andato a un suo concerto solista, dopo pochi mesi che era a Lisbona già si destreggiava senza problemi con il Fado e le sonorità africane delle ex colonie portoghesi che hanno influenzato la musica lusitana da sempre.

    Francesco “Foggy”, amico di Daniele e compositore dei Wattaforg, l'ho conosciuto  prima di Daniele, in un bar qualsiasi e mi ha sempre detto: vieni a sentire un concerto della mia band. Non ci sono mai andato. Me l'ha chiesto Daniele: sono andato subito. Poi ho scoperto che si conoscevano e suonavano insieme.

    «Suono tra mezz'ora con i Wattaforg, vieni?».

    «Certo, così saluto anche Francesco e Amanda e poi è tanto che non vengo a un vostro concerto».

    Ovviamente avevo un altro appuntamento, ma a Lisbona si cambia programma in corsa, volevi andare da una parte e ne finisci da un'altra. 

     

    Immagine ripresa liberamente da ciacomo.it

    Scritto Sabato, 19 Maggio 2018 00:00
  • Se i politici non sanno usare i social network
    Scritto da
    Se i politici non sanno usare i social network

    Guida “pratica” per politici all'uso di Facebook e non solo

    È notizia di questi giorni la bagarre scatenatasi in consiglio regionale a causa di un post "irrispettoso" dei consiglieri della Lega Nord ai danni del presidente Enrico Rossi. La seduta è stata interrotta e, soprattutto, c'è stata una violenta lite tra l'autore del post incriminato e il Governatore.

    Scritto Venerdì, 18 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1654

    Il guaio è pensare che non si possa andare peggio.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 17 Maggio 2018 00:00
  • Contro un Marx postmoderno: recensione de Il senso dello strumento di Cucchiani
    Scritto da
    Contro un Marx postmoderno: recensione de Il senso dello strumento di Cucchiani

    C’è un concetto fortemente distorto dell’operaismo che viene riproposto da alcuni degli intellettuali sopravvissuti ai Quaderni Rossi, i quali snaturano quel progetto nella sua essenza anticapitalistica. In particolare Toni Negri e i postoperaisti sono convinti che la classe operaia, ormai dispersa nella “società liquida” e divenuta Moltitudine, abbia una sola chance per abbattere il capitale cioè rinunciare al lavoro e presentarsi unicamente come massa di consumatori.

    Scritto Giovedì, 17 Maggio 2018 00:00
  • La Terra promessa mancata׃ settant’anni dalla fondazione di Israele
    Scritto da
    La Terra promessa mancata׃ settant’anni dalla fondazione di Israele

    La Terra promessa mancata׃ settant’anni dalla fondazione di Israele

    Il raduno degli esiliati e la pace del popolo ebreo. Era questa nella tradizione ebraica messianica la principale speranza per gli ebrei di tutto il mondo. Un ideale fisso sempre rimasto al centro dell’immaginario collettivo di questo popolo, nonostante le esperienze di vita ebraica differente.

    Scritto Mercoledì, 16 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1653

    I 5 stelle a caccia di un nome. Ma anche un nickname va bene.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 15 Maggio 2018 00:00
  • Elezioni italiane: ma alla fine chi governa?
    Scritto da
    Elezioni italiane: ma alla fine chi governa?

    Elezioni italiane: ma alla fine chi governa?

    Le trattative per la formazione del governo proseguono ancora lungo l’asse M5s-Lega, che oltre ad essere le forze politiche con maggiore affinità sono anche quelle con più nutrita presenza parlamentare (e le vincitrici “morali” delle elezioni). Al di là del riserbo mantenuto sui negoziati, di alcune dichiarazioni enfatiche e della consueta ridda di ipotesi, gli ultimi colloqui con il Presidente della Repubblica hanno certificato la mancanza di un accordo generale.

    Scritto Martedì, 15 Maggio 2018 00:00
  • Diversi dagli altri – per Magnus Hirschfeld (1868-1935)
    Scritto da
    Diversi dagli altri – per Magnus Hirschfeld (1868-1935)

    Diversi dagli altri – per Magnus Hirschfeld (1868-1935)

    Esattamente centocinquant’anni fa, il 14 Maggio 1868, nasceva Magnus Hirschfeld, personaggio importantissimo per almeno due ambiti divergenti, quello della sessuologia e quello dell’attivismo omosessuale, e ad oggi completamente dimenticato. Non mi sembra una cattiva idea cercare di far uscire da un immeritato dimenticatoio il suo impegno scientifico e politico, soprattutto in un momento in cui disinformazione e oscurantismo sembrano farla da padroni.

    Scritto Lunedì, 14 Maggio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #237 – Dalla fusione di Kibo no To e Partito Democratico è nato il Partito Democratico per il Popolo
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #237 – Dalla fusione di Kibo no To e Partito Democratico è nato il Partito Democratico per il Popolo

    Grande novità politica nel fronte dell'opposizione. Lo scorso lunedì, dopo quasi un anno di discussione e di continui tira e molla, Kibo no To, il partito che fa riferimento alla Governatrice di Tokyo Yuriko Koike, e quanto rimane del Partito Democratico (che alle ultime elezioni si era presentato proprio sotto le insegne di Kibo no To) si sono fusi in un unico soggetto.
    Il nuovo partito si chiama Partito Democratico per il Popolo e potrà contare in parlamento sull'adesione di 62 tra deputati e senatori. Partito Democratico e Kibo no To prima della fusione potevano contare in totale su 107 eletti ma molti tra i democratici hanno scelto di non aderire al nuovo soggetto e potrebbero approdare verso il Partito Costituzionale Democratico che con 63 eletti è la principale forza dell'opposizione.
    Il Partito Democratico del Popolo sarà guidato da Yuichiro Tamaki (proveniente da Kibo no To) e da Kohei Otsuka (proveniente invece dal Partito Democratico). “Non sento alcun senso di euforia” ha detto commentando la nascita del nuovo partito l'ex premier democratico Yoshihiko Noda che ha scelto di non aderire al PDP.
    Anche un altro peso massimo del vecchio PDG come Katsuya Okada ha scelto di non iscriversi alla nuova formazione. “Questa è la prima volta che ho lasciato un partito politico da quando ho abbandonato il Partito Liberal-Democratico nel 1993. Abbiamo lavorato negli ultimi 20 anni per una politica nella quale si verificasse un trasferimento di potere ed io ho giocato un ruolo chiave in questi sforzi: è deplorevole che questo partito stia cadendo a pezzi” ha commentato amaramente Okada che è stato vicepremier ed anche Presidente del PDG.
    “Alla convention del nuovo partito in pochi hanno menzionato le questioni diplomatiche e della sicurezza nonché le politiche costituzionali. È assolutamente legittimo che i singoli parlamentari abbiano differenti vedute sui dettagli ma non è chiaro se le posizioni del nuovo soggetto saranno sulla scia di quelle del PDG” ha affermato Goshi Hosono, ex ministro dell'Ambiente ed anch'egli postosi fuori dal PDP.
    Nel partito della Koike invece su 54 parlamentari in 18 hanno deciso di non partecipare alla nuova avventura, tra essi Jin Matsubara, ex Presidente della Commissione Nazionale di Pubblica Sicurezza.

    Il giorno seguente l'opposizione, congiuntamente, ha deciso di cessare il boicottaggio delle sedute della Dieta dopo che il Presidente della Camera dei Rappresentanti, il liberal-democratico Tadamori Oshima, ha intermediato con i partiti della maggioranza affinché si faccia chiarezza sugli scandali che hanno coinvolto il governo.
    Primo accordo tra maggioranza ed opposizione è stato quello di poter sentire Tadao Yanase, componente della segreteria di Abe all'epoca dello scandalo del Kake Educational, come testimone giurato in parlamento.
    Yanase, sentito il 10 maggio, ha ammesso di aver incontrato rappresentanti di Kake Educational due anni prima (ed in tre diversi incontri) che il governo autorizzasse la nuova facoltà di Veterinaria. La vicenda era emersa grazie ad un report stilato da un dirigente della Prefettura di Ehime presente all'incontro. Yanase, che in precedenza si era sempre trincerato dietro dei “non ricordo”, ha però affermato di non aver ricevuto nessuna specifica istruzione dal premier.
    Secondo personaggio ad essere sentito, ma questa volta la richiesta è venuta dalla maggioranza, Tatsuo Hatta, funzionario responsabile del gruppo di lavoro sulle Zone Strategiche Speciali.
    Nocciolo della questione è infatti la designazione del comune di Imabari, città dove è stata poi aperta la facoltà di Veterinaria dell'istituzione scolastica vicina al premier, come parte di una Zona Strategica. Hatta ha negato ogni influenza nella designazione della città da parte di Abe o di Yanase: “non ho mai ricevuto alcuna richiesta dal primo ministro o dal suo segretario” ha detto il funzionario.
    Alcuni giorni dopo Tokihiro Nakamura, Governatore della Prefettura di Ehime, ha mostrato alla stampa le prove che dimostrano il viaggio di propri funzionari a Tokyo per incontrare Yanase.

    In politica estera a rasserenare il clima non soltanto i contatti sempre più distesi tra Stati Uniti ed RPDC ma progressi per evitare scontri concreti (di certo più concreti della propaganda) si registrano anche tra Cina e Giappone.
    Il 9 maggio è stato infatti siglato l'accordo che consentirà ad i due Paesi di mettere in piedi un meccanismo di comunicazione volto ad evitare collisioni di aerei o navi nel Mar Cinese Orientale (compresa l'area delle isole Senkaku/Diaoyutai). Le due nazioni discutono del meccanismo di comunicazione dal 2007 e finalmente tra 30 giorni esso sarà operativo.
    L'accordo si colloca nell'ambito dei lavori del summit trilaterale Repubblica di Corea-Giappone-Cina. Anche quest'anno il summit ha fallito nel costruire un accordo commerciale trilaterale del quale si discute almeno dal 2008. Un piccolo segnale verso una più stretta cooperazione economica è stato però il lancio del Fondo Trilaterale di Cooperazione per finanziare progetti comuni ai tre Paesi. Li ha colto l'occasione per sondare la disponibilità nipponica a partecipare alla nuova via della seta: “la nostra cooperazione evolverà. L'iniziativa One Belt, One Road si coordinerà con la strategia di crescita del Giappone” ha detto il capo del governo cinese sottolineando inoltre come il proprio Paese ed il Giappone abbiano “la responsabilità di opporsi al protezionismo e proteggere il mercato libero”.
    I tre Paesi hanno convenuto, seppellendo almeno per il momento le polemiche degli scorsi anni tra Cina e Giappone, una linea comune sulla vicenda nordcoreana (il giorno prima il Presidente cinese Xi aveva incontrato l'omologo nordcoreano Kim).
    Il viaggio a Tokyo è stata anche l'occasione per Li Keqiang di incontrare l'Imperatore Akihito. Il massimo rappresentante nipponico non incontrava un premier cinese - in quella occasione era Wen Jiabao - dal 2010. “Spero che le nostre relazioni migliorino” ha detto l'Imperatore al termine di un colloquio durato circa 20 minuti e svoltosi il 10 maggio presso il Palazzo Imperiale.

    Sempre lo scorso 9 maggio, frattanto, il ministro Taro Kono ha condannato con poche ma decise parole la decisione del Presidente USA di uscita dall'accordo sul nucleare iraniano. “Il Giappone continua ad appoggiare l'accordo” si legge nel comunicato ufficiale degli Esteri nel quale si afferma anche “la stretta comunicazione con le altre nazioni” che hanno sottoscritto il trattato durante la scorsa presidenza statunitense.
    Lo stesso Donald Trump ha poi avuto in settimana un colloquio telefonico con Abe nel quale i due leader hanno scambiato le loro opinioni circa la visita di Mike Pompeo a Pyongyang. Da parte del massimo rappresentante USA, inoltre, si è manifestata la disponibilità al coordinamento con il Sol Levante circa le richieste che saranno avanzate da Trump nel colloquio al vertice con Kim Jong Un che si terrà a breve a Singapore.

    In ambito nucleare è giunto lo scorso sette maggio l'ok dall'Agenzia Regolatrice per il piano di costruzione di un centro per la gestione delle emergenze proposto dalla Kyushu Electric per la centrale di Satsumasendai. Il centro per la gestione delle emergenze è parte delle nuove disposizioni di legge (in questo caso specifico approvate nel 2013) che sono seguite alla catastrofe di Fukushima. La società dovrà completare il centro, che dovrà essere a prova di attacco terroristico, entro il 2020 pena lo spegnimento del primo reattore dell'impianto.
    Ad Ikata, invece, è stato scoperto un rilascio di acqua contaminata in mare lo scorso 9 novembre. A renderlo noto la società che gestisce l'impianto, la Shikoku Electric, ed il governo della Prefettura di Ehime. L'evento è occorso alle 2,10 del mattino in un edificio a servizio del terzo reattore ed è stato generato dall'eccessiva pressione dell'acqua del circuito di raffreddamento.
    Spostandosi a Miyagi l'asseblea comunale di Ishinomaki ha approvato la richiesta del sindaco per appellarsi in Corte Suprema alla sentenza che aveva condannato la Prefettura e la cittadina a versare un risarcimento alle famiglie di alcuni studenti morti a causa dello tsunami del 2011. Per il sindaco Kameyama non vi fu alcuna negligenza da parte del comune e dunque nessuna responsabilità nelle morti.

    Sul fronte dei diritti civili è ampiamente riuscita, domenica scorsa, la manifestazione denominata “orgoglio arcobaleno” rivendicante diritti per gli omosessuali. I presenti sono stati circa 7.000 (un numero record per questo tipo di manifestazioni in Giappone) e tra essi Kanako Otsuji, parlamentare del Partito Costituzionale Democratico ed omosessuale dichiarato.

    Grande manifestazione anche ad Okinawa lo scorso 11 maggio per commemorare la restituzione alla sovranità giapponese del piccolo arcipelago meridionale. La manifestazione è stata l'occasione per ribadire, davanti i cancelli dell'area militare di Nago, il no della popolazione locale alla nuova base USA oramai in fase di costruzione.

    In economia Takeda Pharmaceutical ha annunciato lo scorso martedì di aver raggiunto un accordo per l'acquisto dell'irlandese Shire Plc. per 62 milioni di dollari. Si tratta di una delle più grandi mosse per il settore farmaceutico del Sol Levante.
    Se Takeda compra SoftBank ha invece venduto: giovedì scorso infatti Masayoshi Son, amministratore delegato del megagruppo finanziario, ha annunciato la vendita delle azioni detenute in Flipkart (società indiana di e-commerce) all'americana Walmart.
    In casa Toyota si prevede invece un calo del 15% negli utili netti del gruppo per il presente anno fiscale rispetto a quanto preventivato. La crescita sarà comunque cospicua segnando, secondo le nuove stime, un utile netto di 2.120.00 miliardi di yen (ne erano stati preventivati 2.490.000). La società prevede di vendere quest'anno un record di 10.500.000 auto nel 2018 crescendo rispetto alle 10.440.000 del 2017.

    Per quanto riguarda i conti dello Stato i dati forniti lo scorso giovedì dal Ministero delle Finanze mostrano un nuovo record del debito pubblico (equivalente a 9.900 miliardi di dollari) alla fine del mese di marzo.
    Calo nei consumi delle famiglie secondo gli ultimi dati ufficiali, riferiti al mese di marzo, hanno mostrato un nuovo calo questa volta dello 0,7% rispetto ad un anno prima. In media i nuclei con due o più componenti hanno speso 301.230 yen (-0,9% rispetto al mese di febbraio). Parlando ad un incontro organizzato dall'agenzia di stampa Kyodo il Governatore della Banca Centrale ha confermato che non esiste ad oggi una data entro la quale si immagina il raggungimento del 2% di inflazione.

    (con informazioni di whitehouse.gov; mofa.go.jp; asahi.com; mainichi.jp)

     

    Immagine ripresa liberamente da mainichi.jp

    Scritto Domenica, 13 Maggio 2018 00:00
  • Ballando per i locali e le strade di Lisbona con gli Anonima Nuvolari
    Scritto da
    Ballando per i locali e le strade di Lisbona con gli Anonima Nuvolari

    Ballando per i locali e le strade di Lisbona con gli Anonima Nuvolari

    «Ma stasera ci sei alla festa di Joana?»

    «E guarda non lo so. Nel caso ci vediamo lì».

    Come al solito Cécilia non sa che fare, quindi non verrà e farà altro. Poco importa, mi vesto di corsa, sono già le undici di sera ed esco di casa. Vabbè che nessuno sarà arrivato puntuale, comunque metro, taxi o a piedi? La festa a casa Joana è dall'altra parte di Lisbona. A piedi, dai, 40 minuti tagliando da est verso ovest la città e passando per il centro. Capirai, venerdì sera, chissà quanti zombie-turisti-bimbo minchia incontrerò...

    Scritto Sabato, 12 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1652

    Tranquilli, l'autobus esploso a Roma era un'araba fenice e dalle sue ceneri risorgerà una funicolare.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 12 Maggio 2018 00:00
  • Loro 2 è un invito a non far parte della "feccia che risale il pozzo"
    Scritto da
    Loro 2 è un invito a non far parte della "feccia che risale il pozzo"

    LORO 2 è un invito a non far parte della "feccia che risale il pozzo"

    Nel 2008 al cinema Matteo Garrone (con Gomorra) e Paolo Sorrentino (con Il Divo) si contendevano il dominio del boxoffice italiano. Vinse il primo che doppiò il rivale a livello di incassi (10 milioni di euro contro 4.6), forte del successo del bestseller di Roberto Saviano da cui è tratto. Il cinema italiano sembrava in ripresa, ma era solo una coincidenza. Nel 2015 la sfida proseguì al Festival di Cannes (c'era anche Nanni Moretti con Mia madre) con Il racconto dei racconti e La giovinezza, ma rimasero a bocca asciutta. È ancora tempo di sfide tra due degli autori di punta del nostro cinema. La prossima settimana vi recensirò Dogman di Matteo Garrone che sarà in concorso al Festival di Cannes.

    Scritto Sabato, 12 Maggio 2018 00:00
  • Sull'uscita degli USA dall'accordo sul nucleare iraniano
    Scritto da
    Sull'uscita degli USA dall'accordo sul nucleare iraniano

    Verrebbe quasi da sorridere, se la situazione non fosse così drammatica, a ripensare a quanti, in occasione dell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca, prevedevano un mandato in netta discontinuità con quello di Obama, all’insegna di una politica estera meno invasiva e di un totale interesse per le questioni interne agli Stati Uniti.

    Scritto Venerdì, 11 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1651

    Salvini cerca un nome. Io al massimo posso dargli un epiteto.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 10 Maggio 2018 00:00
  • Nella globalizzazione la religione vince sulla politica?
    Scritto da
    Nella globalizzazione la religione vince sulla politica?

    Nella globalizzazione la religione vince sulla politica?

    Su Il Dio personale di Ulrich Beck 

    Ormai ad agosto dell’anno scorso avevo proposto due letture diverse ma agilmente collegabili tra loro. L’invito di Pietro Ingrao a valorizzare la dimensione della contemplazione e un testo di Byung-Chul Han su come il nostro tempo distrugga ogni dimensione temporale, non attraverso l’accelerazione ma con uno svuotamento di senso.

    Scritto Giovedì, 10 Maggio 2018 00:00
  • Internet dopo Cambridge Analytica
    Internet dopo Cambridge Analytica

    Internet dopo Cambridge Analytica

    Quasi due mesi fa, l’uscita allo scoperto di alcuni “pentiti” dell’azienda Cambridge Analytica faceva esplodere lo scandalo della raccolta non autorizzata di dati degli utenti dei social network, nello specifico Facebook, e dell’utilizzo di tali dati per far arrivare agli utenti propaganda politica “mirata” che ne condizionasse il voto – il Becco ne ha già parlato. Da quel momento il mondo di Internet e della circolazione dei nostri dati è in rapido mutamento. O forse no.

    Scritto Mercoledì, 09 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1650

    Il nuovo governo sarà pescato direttamente dal mazzo “Imprevisti e opportunità” del Monopoli.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 08 Maggio 2018 00:00
  • Passati due mesi dalle elezioni...
    Scritto da
    Passati due mesi dalle elezioni...

    Passati due mesi dalle elezioni...

    È stata superata la soglia psicologica dei due mesi dopo le elezioni, senza un governo: sono tempi lunghi persino per la politica italiana.

    Si inizia a profilare l'ipotesi di un esecutivo «neutrale», con l'obiettivo di evitare l'aumento delle aliquote IVA e una presunta penalizzazione nella partita delle trattative in sede europea.

    Fiumi di inchiostro scorrono sui quotidiani e migliaia di tasti si consumano per la produzione di analisi o commenti sul web.

    Scritto Martedì, 08 Maggio 2018 00:00
  • Da un grande Partito derivano grandi responsabilità. Renzi e la dirigenza del PD le hanno tradite tutte.
    Scritto da
    Da un grande Partito derivano grandi responsabilità. Renzi e la dirigenza del PD le hanno tradite tutte.

    Da un grande Partito derivano grandi responsabilità. Renzi e la dirigenza del PD le hanno tradite tutte.

    C’era una volta un amichevole PD di quartiere. Presente nei circoli, attento ai problemi principali degli abitanti e in buoni rapporti con i suoi vicini, che su molte cose la pensavano diversamente ma dialogavano sui temi e proposte in comune. La situazione di oggi nei quartieri è completamente diversa: oggi abbiamo, come a Firenze nel Quartiere 1, alcuni servili eletti che parlano come i cattivi che il PD, una volta, combatteva.

    Scritto Lunedì, 07 Maggio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #236 - Tour di Abe in Medio Oriente
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #236 - Tour di Abe in Medio Oriente

    Non soltanto Corea del Nord nella politica estera del Sol Levante: la settimana appena trascorsa ha infatti visto un lungo tour di Abe nel Medio Oriente. Prima tappa, il 30 aprile, gli Emirati Arabi Uniti dove Abe ha avuto colloqui con l'omologo Mohamed bin Zayed. Lo stesso giorno l'ADNOC, la compagnia statale che gestisce le concessioni dei pozzi petroliferi ha sottoscritto con JODCO, società creata dalla nipponica INPEX, l'accordo per lo sfruttamento del giacimento di Lower Zakum. La società nipponica, rappresentata dal presidente Toshiaki Kitamura, in febbraio aveva ottenuto l'estensione per altri 25 anni delle concessioni di Satah e Umm Al Dalkh. In quest'ultimo giacimento la sua quota di partecipazione è passata dal 12 al 40%.

    Scritto Domenica, 06 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1649

    Trump pagò una pornostar per stare zitta. I mugolii venivano meglio alle doppiatrici.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 05 Maggio 2018 00:00
  • La fantasia torna al potere nel film più politico di Wes Anderson
    Scritto da
    La fantasia torna al potere nel film più politico di Wes Anderson

    La fantasia torna al potere nel film più politico di Wes Anderson

    2009. Wes Anderson fece il suo primo film di animazione in stop motion con il direttore della fotografia Tristan Oliver.

    Scritto Sabato, 05 Maggio 2018 00:00
  • Xylella cinque anni dopo. Cronaca di un disseccamento annunciato
    Xylella cinque anni dopo. Cronaca di un disseccamento annunciato

    Xylella cinque anni dopo. Cronaca di un disseccamento annunciato 

    Tre anni fa erano cronaca nazionale le proteste contro la rimozione degli olivi salentini affetti da Complesso del Disseccamento Rapido, causato della proliferazione nei loro vasi linfatici del batterio Xylella fastidiosa pauca diffuso da alcune sputacchine, principalmente Philaenus spumarius; l’epidemia martoriava gli oliveti salentini però già da almeno due anni.

    Scritto Sabato, 05 Maggio 2018 00:00
  • La Rete in cui siamo caduti. 25 anni fa entrava in funzione il WorldWide Web
    Scritto da
    La Rete in cui siamo caduti. 25 anni fa entrava in funzione il WorldWide Web

    La Rete in cui siamo caduti

    Venticinque anni fa entrava in funzione il World Wide Web. Oggi, dopo un quarto di secolo, possiamo fare qualche considerazione. Le date fondamentali della storia solitamente ci restano ben impresse nella mente: 14 Luglio 1789, 25 Aprile 1945, 20 Luglio 1969. Eppure sono sicuro che pochi sanno cosa è successo il 30 aprile 1993, nonostante sia l’evento che sta cambiando più a fondo, e cambierà sempre più, il nostro modo di vivere.

    Scritto Venerdì, 04 Maggio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1648

    L'Italia tornerà al vuoto anticipato.

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 04 Maggio 2018 00:00
  • 1 maggio: festa "de panza" o festa "di sostanza"? Una riflessione all'indomani delle feste laiche.
    Scritto da
    1 maggio: festa "de panza" o festa "di sostanza"? Una riflessione all'indomani delle feste laiche.

    1 maggio: festa "de panza" o festa "di sostanza"?

    Anche quest'anno è passato il primo maggio, e prima ancora era passato il 25 aprile. Ogni anno si è visto il solito "copione": il concerto di Roma, le manifestazioni dei sindacati, le riflessioni sui diritti del lavoro... E fin qua giusto e sacrosanto avere una giornata dedicata alla riflessione su determinati temi.

    Scritto Venerdì, 04 Maggio 2018 00:00
  • La Traviata al Carlo Felice di Genova
    Scritto da
    La Traviata al Carlo Felice di Genova

    Ritorna anche questa stagione al Carlo Felice di Genova la regina di tutte le rappresentazioni liriche: La Traviata (repliche fino al 6 maggio). Frutto del genio di Giuseppe Verdi risale al 1853 (al Teatro La Fenice di Venezia) la sua prima rappresentazione. Il libretto, classico nel linguaggio ma rivoluzionario nella storia, è senza dubbio il lavoro più riuscito di Francesco Maria Piave che si ispirò per il soggetto alla Signora delle Camelie di Alexandre Dumas figlio. Negli eventi è però impossibile non scorgere un riferimento alla vita privata dello stesso Verdi, impegnato all’epoca in una relazione riservata e scandalosa con la soprano Giuseppina Strepponi che culminerà con le nozze e che accompagnerà il maestro di Busseto fino alla morte di lei nel 1897.

    La rappresentazione si apre con il preludio eseguito, come lo scorso anno, a sipario aperto e con Germont padre e Violetta semplici mimi dell’ultima, drammatica, scena. Introdotto da questa innovazione di regia il pubblico è presto proiettato su un salotto parigino: quello di Violetta (Lana Kos, Soprano). Violetta è una cocotte (oggi diremmo una “escort”) che si dimostrerà però capace di dare quella lezione di moralità che ancora oggi celebriamo. Violetta, la “puttana” Violetta, in grado di sacrificarsi con una purezza d’animo sconosciuta alla folla che le sta intorno.

    Scritto Giovedì, 03 Maggio 2018 07:00
  • Il Becco Affilato #1647

    Certo che è una bella disgrazia essere senza governo. Piove e non sappiamo nemmeno chi insultare.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 03 Maggio 2018 00:00
  • Sull'attuale travaglio del Partito Democratico
    Scritto da
    Sull'attuale travaglio del Partito Democratico

    Sull'attuale travaglio del Partito Democratico

    L’attuale travaglio del Partito Democratico riguardo alla formazione del prossimo esecutivo coinvolge in realtà la questione del governo solo come epifenomeno. Alle diverse prospettive politiche, infatti, sono evidentemente sottese divergenze più generali di lettura politica. Ad esempio, a Fassino che ha proposto un polo di centrosinistra M5S-PD da contrapporre a quello di centrodestra, Renzi ha risposto etichettando il M5S come azienda-partito e Forza Italia come partito-azienda (la prima sarebbe quindi degenerazione del secondo).

    Questa incertezza è frutto di alcuni nodi irrisolti ereditati dalla sconfitta elettorale, e in parte concause della stessa, che tuttavia soltanto il supremo organo sovrano – il Congresso – potrà tentare di sciogliere.

    Scritto Giovedì, 03 Maggio 2018 00:00
  • La morte bianca è un omicidio del capitale
    Scritto da
    La morte bianca è un omicidio del capitale

    La morte bianca è un omicidio del capitale

    I numeri sono importanti. In un’epoca in cui non ci fidiamo più dell’essere umano, delle ideologie, della fede, cosa ci rimane per spiegare e comprendere la vita? Come possiamo capire di aver un problema? Con i numeri, la statistica, tutto vero. Scientifico.

    Scritto Mercoledì, 02 Maggio 2018 00:00
  • Sull'incontro storico tra Moon Jae-in e Kim Jong-un
    Scritto da
    Sull'incontro storico tra Moon Jae-in e Kim Jong-un

    Sull'incontro storico tra Moon Jae-in e Kim Jong-un

    L'incontro tra il presidente sudcoreano Moon Jae-in e il leader nordcoreano Kim Jong-un ha rivitalizzato le speranze di una pace duratura nella penisola coreana, proprio dopo mesi in cui sembrava che sui due Paesi si stessero addensando cupe nubi di guerra.

    Promettendo la denuclearizzazione ed un trattato di pace tra le Coree che superi l'attuale precario armistizio il vertice intercoreano ha suscitato un certo ottimismo sulle prospettive del più volte annunciato incontro tra il presidente americano Trump e Kim. 

    Scritto Martedì, 01 Maggio 2018 00:00
  • Intelligenza Artificiale
    Scritto da
    Intelligenza Artificiale

    Intelligenza Artificiale

    Da Blade Runner a WestWord, verso un futuro popolato da macchine sempre più “intelligenti”. Dove può arrivare l’intelligenza artificiale?

    Scritto Lunedì, 30 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1646

    Parlavano di Politica 2.0, ma era solo l’ennesima ristampa del Gattopardo.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 28 Aprile 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #235 – Si rasserena il clima nell'Asia del Nord-Est
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #235 – Si rasserena il clima nell'Asia del Nord-Est

    Settimana iniziata con il G7 dei ministri degli Esteri in Canada. Presente per il Giappone Taro Kono il quale ha tenuto colloqui con l'omologo francese Jean Yves Le Drian e con l'inglese Boris Johnson. Tra i temi centrali del summit, partito il giorno dopo l'annuncio di Pyongyang circa lo stop ai test nucleari e missilistici, ovviamente la vicenda nordcoreana che era già stata al centro del vertice ministeriale dei titolari delle Finanze della scorsa settimana (in quella occasione vi fu una nota congiunta per reclamare l'isolamento finanziario della RPDC).

    Scritto Sabato, 28 Aprile 2018 00:00
  • Lui, loro e gli italiani: la somma inconscia del berlusconismo secondo Sorrentino
    Scritto da
    Lui, loro e gli italiani: la somma inconscia del berlusconismo secondo Sorrentino

    Lui, loro e gli italiani: la somma inconscia del berlusconismo secondo Sorrentino

    2008. Passò da Cannes e poi in sala un film italiano destinato a diventare uno dei migliori film di Paolo Sorrentino (insieme a Le conseguenze dell'amore). Sto parlando de Il divo. Al centro del film c'era Toni Servillo con il suo Giulio Andreotti. In quell'opera c'era una piccola scena che era il fulcro della pellicola.

    Scritto Sabato, 28 Aprile 2018 00:00
  • Sankara le peuple africain te réclame: omaggio di un fiero burkinabé
    Scritto da
    Sankara le peuple africain te réclame: omaggio di un fiero burkinabé

    Sankara le peuple africain te réclame: omaggio di un fiero burkinabé

    «Non è possibile effettuare un cambiamento fondamentale senza una certa dose di follia. In questo caso si tratta di non conformità: il coraggio di voltare le spalle alle vecchie formule, il coraggio di inventare il futuro. Ci sono voluti i pazzi di ieri per permetterci di agire con estrema chiarezza oggi. Voglio essere uno di quei pazzi. Dobbiamo avere il coraggio di inventare il futuro.»

    L’Africa, con la complicità dell’Occidente, ha rigettato il suo figlio più combattivo. Un infanticidio che ha rubato il futuro e le speranze del suo popolo.

    Scritto Venerdì, 27 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1645

    Non ho capito: rifiutiamo la cittadinanza a bambini nati e cresciuti qui e poi la diamo al piccolo Alfie?

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 26 Aprile 2018 00:00
  • La scuola e il suo ruolo nella società: una breve riflessione
    Scritto da
    La scuola e il suo ruolo nella società: una breve riflessione

    L’aggressione e l’azione minatoria perpetrate (che sono state filmate e poi postate su Youtube) ai danni di un professore di italiano e storia da parte di un gruppo di ragazzi dell’Itc F. Carrara di Lucca ha riaperto un acceso dibattito all’interno dell’istituzione scolastica e non solo. Più che il ruolo della formazione didattica, a risultare centrale nella discussione è il macroscopico tema dell’educazione tout court, preso in esame tenendo conto del delicato quanto fondamentale equilibrio tra l’istituzione-scuola e l’humus familiare e sociale in cui cresce lo studente. Sempre più frequentemente il dualismo tra queste due realtà si concretizza in un incontro/scontro che si focalizza quasi esclusivamente sui risultati di breve periodo – voti, insufficienze, richiami, note etc. – mostrandosi spesso incapace di sviluppare uno sguardo più lungimirante verso l’aspetto formativo ed educativo nella sua globalità che dovrebbe essere il fine ultimo e principale dell’insegnamento e allo stesso tempo della crescita intellettuale e morale dei ragazzi.

    Scritto Giovedì, 26 Aprile 2018 00:00
  • L'horror è roba da ragazze
    L'horror è roba da ragazze

    L’horror è roba da ragazze

    “Nessuno dei miei film preferiti è di genere horror, eppure il mio genere preferito da guardare è l’horror”, commenta un lettore sotto un articolo del Guardian sull’ascesa del post-horror. Per chi scrive è lo stesso: che si tratti di scegliere il film per la serata a casa o per l’uscita al cinema con gli amici, il peggior horror sarà sempre preferibile ad una pellicola mediocre o un salto nel vuoto di qualsiasi altro genere. Forse anche perché, pur nella varietà di storie, di stili, di “mostri” umani o meno e di metafore da essi incarnate, gli horror dimostrano generalmente meno pretese dei film loro coevi in altri generi, lasciando apprezzare maggiormente i propri punti di forza.

    Scritto Mercoledì, 25 Aprile 2018 00:00
  • Cuba: tra presente e futuro, dopo "i Castro"
    Scritto da
    Cuba: tra presente e futuro, dopo "i Castro"

    Cuba: tra presente e futuro, dopo "i Castro"

    «Non c’è nessuno spazio per una restaurazione del capitalismo nell’isola». Con queste parole, il nuovo presidente di Cuba Diaz-Canel, ha voluto lanciare un chiaro messaggio di continuità rispetto al percorso rivoluzionario tracciato da Fidel Castro.

    Scritto Martedì, 24 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1644

    E ora Zuckerberg ci deve dire se c’è stata la trattativa tra status e mafia.

    di Fdecollibus

    Scritto Lunedì, 23 Aprile 2018 00:00
  • Giovani, "fancazzisti" o suicidi... tertium non datur?
    Scritto da
    Giovani, "fancazzisti" o suicidi... tertium non datur?

    Giovani, "fancazzisti" o suicidi... tertium non datur?

    Il caso di Giada, la ragazza che qualche giorno fa si è suicidata nel giorno in cui avrebbe dovuto discutere la tesi di laurea, ha generato una domanda: davvero non si può imporre ai ragazzi il rispetto di nessuna scadenza o la “presa in carico” di alcun impegno, pena la paura di vederli soccombere?

    Scritto Lunedì, 23 Aprile 2018 00:00
  • Per farci più servi del nostro padrone (in replica al dottor Serra)
    Scritto da
    Per farci più servi del nostro padrone (in replica al dottor Serra)

    Per farci più servi del nostro padrone – una non necessaria lettera aperta

    Caro dottor Serra,

    Premetto di non essere un grande fan dei corsivi d’opinione, che complessivamente trovo insoddisfacenti nel loro tentativo di rappresentare le idee di una persona in poche righe – l’informazione trasmessa è limitata, le riflessioni proposte sono giocoforza appiattite. Ho cessato da anni di farmi infastidire da questo tipo di articolo e dagli scivoloni in cui periodicamente incappa chi vi si dedica. Di fronte ad una delle sue ultime Amache (qui), però, non sono riuscito a trattenermi dallo scrivere queste righe, perché quell’Amaca parla di me.

    Scritto Domenica, 22 Aprile 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #234 – Incontro tra Trump e Shinzo Abe mentre Kim congela i test atomici
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #234 – Incontro tra Trump e Shinzo Abe mentre Kim congela i test atomici

    Settimana di ricca di eventi connessi alla politica internazionale. Per quanto concerne l'aggressione congiunta di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna alla Siria il premier Abe, parlando con i giornalisti al termine di una riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale, ha confermato la scorsa domenica che il Giappone “approva la mossa di quei Paesi che non consentono l'uso e la proliferazione di armi chimiche”.

    Scritto Domenica, 22 Aprile 2018 00:00
  • Storia e rivoluzioni
    Il Becco organizza, grazie alla collaborazione dell'Associazione Amici di «Passato e presente» (Apep) un ciclo di incontri di formazione.

    Mercoledì 2 maggio, 21.15-22.45 (puntuali)
    1917 e rivoluzione russa,
    Professor Aldo Agosti, Università degli Studi di Torino
    Il video della lezione qui: youtu.be/zVNfYplxs1w.

    Mercoledì 9 maggio, 21.15-22.45 (puntuali) 
    1848 e il "Manifesto"
    Professoressa Simonetta Soldani, Università degli Studi di Firenze
    Il video della lezione qui: youtu.be/20n7K5xzHok.
     
    Mercoledì 16 maggio, 21.15-22.45 (puntuali) 
    Incontro conclusivo e confronto tra i partecipanti
    coordinato dal Professor Roberto Bianchi, Università degli Studi di Firenze.
    Utilizzato per la discussione una lezione del Professor Bianchi visibile qui: youtu.be/tGTikGOgF3o.
     
    I PDF con delle indicazioni per i video del 2 e del 9 maggio cliccando qui.
    Il ciclo di incontri richiedeva una prenotazione e un pagamento di 15 €, per un numero limitato di 15 posti, finalizzati al pagamento dei costi sostenuti.
    I primi due appuntamenti sono aperti a tutte le persone interessate, mentre l'incontro conclusivo è riservato a chi si è iscritto.
    Le attività si sono svolte presso la Casa del Popolo / Circolo ARCI Il Progresso, in via Vittorio Emanuele II 135, Firenze.
    Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

     
    Scritto Sabato, 21 Aprile 2018 23:46
  • Il Becco Affilato #1643

    Ma che hanno cambiato anche a voi il programma del Movimento 5 Stelle? Perché ora a me va un sacco più lento.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 21 Aprile 2018 00:00
  • Il pericoloso gioco di Molly Bloom
    Scritto da
    Il pericoloso gioco di Molly Bloom

    Aaron Sorkin, la Red Headed Woman Jessica Chastain e il pericoloso gioco di Molly Bloom

    2010. Usciva nelle sale di tutto il mondo il film The Social Network di David Fincher. Un'opera significativa che, secondo me, rappresenta in maniera totale i problemi della società contemporanea (specialmente le giovani generazioni). Insieme a Her, Into the Wild e Mystic River lo considero tra le opere manifesto degli anni 2000.

    Scritto Sabato, 21 Aprile 2018 00:00
  • Ancora su sessismo e censura: di rappresentazioni e interpretazioni
    Scritto da
    Ancora su sessismo e censura: di rappresentazioni e interpretazioni

    Ancora su sessismo e censura: di rappresentazioni e interpretazioni 

    Verrebbe sempre voglia di sperare, magari in maniera un po' ingenua, che dopo tutte le discussioni e tutti i dibattimenti che in questi ultimi anni ci sono stati intorno a quali contenuti siano o meno appropriati o accettabili nell'arte, si sia giunti alla conclusione che la censura, anche quando operata con le migliori delle intenzioni, sia in ambito artistico sempre una cattiva idea. L'arte, verrebbe voglia di sperare, deve essere – dovrebbe essere – libera da tutti i vincoli che può essere legittimo imporre in altri ambiti, come il dibattito politico o il giornalismo; non dovrebbe esserci comportamento o aspetto dell'animo umano, per quanto controverso o aberrante, che le sia impedito di esplorare.

    Scritto Venerdì, 20 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1642

    Se affidassero a me un mandato esplorativo salirei subito sulla prua di una caravella gridando “avanti, verso le Indie!”.

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 20 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1641

    Il nazismo fu sconfitto perché nel 1945 non esisteva ancora twitter. Altrimenti Churchill avrebbe passato tutto il tempo a scrivere frasi argute da twittare anziché pianificare la guerra.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 19 Aprile 2018 00:00
  • Se la teoria critica incontra il cinema: una recensione de "Il Giovane Marx"
    Scritto da
    Se la teoria critica incontra il cinema: una recensione de "Il Giovane Marx"

    Se la teoria critica incontra il cinema: una recensione de "Il Giovane Marx"

    [Premetto: non sono un’esperta di critica cinematografica, lascio quindi a voi le valutazioni tecniche; qui mi limito a un commento “naïf” sulla trama e sul suo significato] 

    Vedi il trailer qui.

    Di film biografici ne esistono a bizzeffe, su personaggi di ogni sorta, ma - nonostante l’importanza di Karl Marx per la storia del pensiero - quasi nessuno si era ancora cimentato nel trasporre la sua vita sul grande schermo. 

    Il primo non sovietico a tentare quest’impresa fu Rossellini, che però morì prima di terminare la stesura della sceneggiatura. A riprendere in mano quest’impresa e a colmare questa grossa lacuna ci ha pensato il registra Haitiano Raoul Peck, un autore decisamente interessante e dal passato particolare: famoso al grande pubblico per il documentario candidato all’Oscar I Am Not Your Negro, Peck è vissuto tra Zaire, USA, Francia e Berlino e tra il 1995 e il 1997 ha ottenuto l’incarico di ministro della cultura di Haiti sotto il ministro dell’OLP Rosny Smarth. 

    Scritto Giovedì, 19 Aprile 2018 00:00
  • Alcuni spunti per una discussione a sinistra
    Scritto da
    Alcuni spunti per una discussione a sinistra

    Alcuni spunti per una discussione a sinistra

    Dopo tante analisi, dopo tante discussioni, dopo tante accuse alla ricerca di colpevoli senza alcuna autocritica, ci ritroviamo di nuovo a commentare una sconfitta elettorale che sconvolge l'assetto del paese: la sinistra in Italia non esiste nelle testa e nel cuore degli italiani. Se anni fa il problema riguardava la cosiddetta sinistra radicale, oggi coinvolge anche il Partito Democratico.

    Scritto Mercoledì, 18 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1640

    Firenze; 4 giorni in fila per delle sneakers in edizione limitata da 250 euro. E poi vi lamentate dei giovani che restano a casa.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 17 Aprile 2018 00:00
  • Attacco in Siria: il déjà-vu di cui il mondo non aveva bisogno
    Scritto da
    Attacco in Siria: il déjà-vu di cui il mondo non aveva bisogno

    Attacco alla Siria: il déjà-vu di cui il mondo non aveva bisogno

    Dopo due settimane di propaganda di guerra sul presunto utilizzo di armi chimiche in Siria, a cui hanno partecipato esponenti della sinistra parlamentare, è arrivato puntuale il bombardamento "umanitario".
    Nella notte tra venerdì e sabato, statunitensi, francesi e britannici hanno scatenato un bombardamento di missili sul territorio siriano. La promessa di Trump, il suo "arriveranno" (i missili), è stata mantenuta. La Russia invece ha preferito non rispondere, almeno per ora. Vista l'alta densità di eserciti stranieri presenti in Siria il pericolo principale resta il possibile incidente, tanto più che l’amministrazione statunitense potrebbe non essere interessata a fermare l’escalation seguendo la scia di odio e volontà di dominio israeliana.

    Scritto Martedì, 17 Aprile 2018 00:00
  • Di sionismo, ortodossia e terra: la trasformazione di Israele in uno stato confessionale
    Scritto da
    Di sionismo, ortodossia e terra: la trasformazione di Israele in uno stato confessionale

    Di sionismo, ortodossia e terra: la trasformazione di Israele in uno stato confessionale

    L’approccio alla storica questione israeliana e palestinese si è oramai arenato nella partigianeria politica. L’emotività suscitata dalle immagini di Gaza sotto il pesante attacco di queste ultime settimane da parte delle forze israeliane impedisce una analisi lucida sul percorso che ha portato a questo feroce scontro, oramai secolare. Il calderone in ebollizione della politica ha mescolato e ridefinito impropriamente termini storici come sionismo, panarabismo, ebraismo ecc.

    Scritto Lunedì, 16 Aprile 2018 00:00
  • Foodora: la sentenza difende la gig economy ma non i lavoratori
    Scritto da
    Foodora: la sentenza difende la gig economy ma non i lavoratori

    Presi dalla discussione sul reddito di cittadinanza e le dichiarazioni sulla possibilità di formare un governo, il dibattito politico di questi giorni ha ignorato la sentenza emessa dal giudice di Torino lo scorso mercoledì 11 aprile sulla vicenda dei sei fattorini di Foodora che avevano fatto ricorso contro l’allontanamento da parte dell’azienda.

    Scritto Domenica, 15 Aprile 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #233 – Nelle elezioni di Kyoto si conferma l'alleanza “dentro tutti”
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #233 – Nelle elezioni di Kyoto si conferma l'alleanza “dentro tutti”

    Settimana iniziata con un terremoto di magnitudo 6.1 che ha colpito il 9 aprile la Prefettura di Shimane nell'isola di Honshu. Cinque i feriti mentre 100 sono stati gli sfollati. Nessun danno alla centrale nucleare di Shimane. Danni ai beni culturali, in particolare al tempio di Sahimeyama, sono stati segnalati dall'amministrazione comunale di Oda.

    Scritto Domenica, 15 Aprile 2018 00:00
  • Diario di una maestrina – parte II
    Scritto da
    Diario di una maestrina – parte II

    Simonetta Soldani a “Un libro per la vita” [II]

    [continua da qui]

    Altra testimonianza presente nel libro è quella alla scuola elementare di Fonni in cui Maria insegna in una classe composta per lo più da bambine. Le bambine, a quei tempi, erano un costo per le famiglie, perché non potevano essere impiegate nei campi come i maschi e quindi meno utili al sostentamento della famiglia, se non un vero e proprio peso.

    Scritto Sabato, 14 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1639

    Trump to the rockets: “you’re fired!!!”.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 14 Aprile 2018 00:00
  • Il sogno italiano di (Io sono) tempesta si chiama berlusconismo
    Scritto da
    Il sogno italiano di (Io sono) tempesta si chiama berlusconismo

    Il sogno italiano di (Io sono) tempesta si chiama berlusconismo

    Ricordate il film Suburra di Stefano Sollima? Il politico, interpretato da Pierfrancesco Favino, rincorreva l'auto con a bordo il Presidente del Consiglio dimissionario.

    Scritto Sabato, 14 Aprile 2018 00:00
  • Avere 16 anni ed essere fascisti
    Scritto da
    Avere 16 anni ed essere fascisti

    Avere 16 anni ed essere fascisti

    Cuori fascisti battono anche a Firenze. Nella zona di piazza San Jacopino, in via Fontana, da qualche anno ormai, ha aperto una sede CasaPound, di fronte alla scuola media Verdi. La risposta per fortuna non è mancata e la sera di questo mercoledì 11 aprile l’istituto ha avuto il coraggio di tenere un’iniziativa pubblica di denuncia della galassia neofascista. Nel capoluogo toscano, durante la campagna elettorale di inizio 2018, si era accesa la polemica attorno a un altro preside (del Marco Polo), la cui scelta era stata di organizzare un confronto tra le liste candidate, compresa quella della tartaruga littoria.

    Scritto Venerdì, 13 Aprile 2018 00:00
  • Diario di una maestrina – parte I
    Scritto da
    Diario di una maestrina – parte I

    Simonetta Soldani a “Un libro per la vita” [I]

    Un intervento quasi commovente quello di Simonetta Soldani, l’8 aprile, durante il penultimo appuntamento della rassegna “Un libro per la vita”, presso l’Auditorium di Piazzale della Resistenza di Scandicci.

    Scritto Venerdì, 13 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1638

    Ma anziché bombardare un paese straziato Trump e Putin non potrebbero andare in bagno col righello a misurare i rispettivi missili?

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 12 Aprile 2018 00:00
  • Quindici anni di guerra in Iraq. Il paiolo rotto
    Scritto da
    Quindici anni di guerra in Iraq. Il paiolo rotto

    Quindici anni di guerra in Iraq. Il paiolo rotto

    1988, Kurdistan Iracheno. Durante le battute finali della guerra con l'Iran, le forze armate di Saddam Hussein scatenano una campagna genocida contro curdi e assiri nel nord del Paese. La cittadina di Halabja viene attaccata con un gas tossico, forse gas mostarda o un gas al cianuro; l'attacco costa la vita a circa cinquemila persone, che si vanno a sommare ai più di centomila (il numero non verrà mai stabilito con precisione) morti dell'intero parossismo genocida. Nonostante l'evidente responsabilità del governo iracheno la CIA statunitense addossa – in una girandola di versioni – la colpa all'Iran.

    2002, l'amministrazione Bush inizia l'escalation diplomatica che di lì a pochi mesi porterà all'invasione dell'Iraq.

    Scritto Giovedì, 12 Aprile 2018 00:00
  • Scienza e fede
    Scritto da
    Scienza e fede

    Scienza e fede

    Scienza e religione possono convivere? Se sì, come? Domanda molto stuzzicante, non credete?!? Nei miei articoli più volte ho sfiorato l’argomento religioso e quasi sempre come contraltare negativo rispetto al progresso scientifico, visto come inarrestabile. Tant’è che andando oggi a cercare un tema sul quale cimentarmi ho pensato “Ma non è che forse ho un po’ esagerato? Non varrebbe la pena puntualizzare qualche dettaglio?”.

    Scritto Mercoledì, 11 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1637

    Cara Isoardi, con le camicie siamo bravi tutti, se era vero amore a Salvini dovevi stirargli le felpe.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 10 Aprile 2018 00:00
  • Arresto di Lula: l'ombra dell'ex presidente sulla politica brasiliana
    Scritto da
    Arresto di Lula: l'ombra dell'ex presidente sulla politica brasiliana

    Arresto di Lula: l'ombra dell'ex presidente sulla politica brasiliana

    Consegnandosi alla polizia sabato 7 aprile, l’ex presidente brasiliano Lula ha iniziato a scontare la condanna a dodici anni di carcere che, a sei mesi dalle elezioni, pone fine alla sua carriera politica (uscirebbe di prigione a ottantacinque anni).

    Ritardando l’arrivo in carcere di un giorno, trascorso nella propria “casa” politica, il sindacato metallurgico di São Bernardo do Campo, Lula non ha quindi inteso sottrarsi all’esecuzione della sentenza o dare inizio a movimenti di azione extralegale. Chiamando a raccolta i suoi sostenitori, il leader del Partido dos Trabalhadores si è verosimilmente proposto tre obiettivi: un’ultima dimostrazione di forza, per provare a tutto il Paese quanto grande sia ancora il suo consenso presso i ceti popolari; l’invito ai suoi sostenitori a continuare, anche senza la sua guida, la lotta politica contro il ritorno del Brasile a soluzioni autoritarie e conservatrici; gettare i semi di un movimento popolare di resistenza che sarà forse necessario in futuro.

    Scritto Martedì, 10 Aprile 2018 00:00
  • Il Muos è “condonato”: la rabbia delle collettività niscemese (e non solo) aumenta
    Scritto da
    Il Muos è “condonato”: la rabbia delle collettività niscemese (e non solo) aumenta

    Il Muos è “condonato”: la rabbia delle collettività niscemese (e non solo) aumenta

    La notizia è di quelle roboanti, per certi verse inaspettate, senonché contradditoria: Il MUOS, sistema satellitare NATO impiantato nella sughereta di Niscemi è di fatto “condonato”. Una notizia, scaturita dalla sentenza pronunciata dal tribunale monocratico di Caltagirone inequivocabile quanto inattese: “il fatto non sussiste”, frase che riassume lo scagionamento dal procedimento contro un dirigente della Regione Siciliana e tre imprenditori accusati di violazione della legge ambientale a Niscemi in provincia di Caltanissetta.

    Scritto Lunedì, 09 Aprile 2018 00:00
  • Giornalismo di analisi, ergo terrorismo neoliberista
    Scritto da
    Giornalismo di analisi, ergo terrorismo neoliberista

    Giornalismo di analisi, ergo terrorismo neoliberista 

    Davvero impressionante l’articolo di prima pagina “L’analisi – Il confine dello 0,9%” su la Repubblica di pochi giorni fa a firma di Claudio Tito. Riassumo: il fatto che Lega e Movimento 5 Stelle si rifacciano pubblicamente alla possibilità di portare il deficit italiano al 3% (la Lega a ciò aggiunge che, se ritenuto necessario, si potrebbe anche andare oltre), allo scopo di realizzare determinati obiettivi di tipo economico e sociale automaticamente renderebbe queste forze politiche “irresponsabili”.

    Scritto Lunedì, 09 Aprile 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #232 – Altri report delle Forze di Autodifesa sono stati nascosti al parlamento
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #232 – Altri report delle Forze di Autodifesa sono stati nascosti al parlamento

    La popolazione nipponica diminuirà in tutte le aree del Paese, ma a Tokyo ciò accadrà soltanto a partire dal 2045. È quanto emerge da una ricerca dell'Istituto Nazionale di Ricerca su Popolazione e Sicurezza Sociale resa nota la scorsa settimana. Stando alle stime dell'ente la popolazione residente in Giappone nel 2045 sarà pari a 106.420.000 persone (-20 milioni rispetto al 2015) per scendere a 100 milioni nel 2053 ed a 88 milioni nel 2065.

    Scritto Domenica, 08 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1636

    Oggi sono salito al Quirinale a dichiarare la mia indisponibilità a soluzioni non istituzionali, come ho anche detto in conferenza stampa. Dopo la mia uscita Mattarella ha dichiarato: “E quello là chi cazzo era?”.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 07 Aprile 2018 00:00
  • Quel posto (non tanto) tranquillo chiamato Wind River
    Scritto da
    Quel posto (non tanto) tranquillo chiamato Wind River

    Quel posto (non tanto) tranquillo chiamato Wind River

    Da oggi inizia un aprile ricchissimo (e variegato) di titoli importanti, prima di culminare a maggio con il Festival di Cannes. Questa settimana vi parlerò di due thriller molto affascinanti con budget ridotti che parlano del silenzio, delle nostre paure e della claustrofobia: I segreti di Wind River (costato 11 milioni di dollari ) che vede l'esordio alla regia di Taylor Sheridan (sceneggiatore di Sicario), premiato al festival francese nel 2017 nella sezione Un Certain Regard, e la terza prova registica dell'attore John Krasinski (Promised land) che si prende il lusso di dirigere sua moglie Emily Blunt in Un posto tranquillo (costato 20 milioni di dollari). Il cinema di qualità si può fare anche con budget contenuti. A voi le recensioni!

    Scritto Sabato, 07 Aprile 2018 00:00
  • Contro la fabbrica del pop: una conversazione con i False Heads
    Scritto da
    Contro la fabbrica del pop: una conversazione con i False Heads

    Contro la fabbrica del pop: una conversazione con i False Heads

    In un'epoca in cui la scena musicale appare sempre più dominata da talent show di vario genere e dai loro vincitori, che occupano le classifiche con carriere tanto esplosive quanto spesso brevi, è diventata quasi una rarità imbattersi in una band che si fa strada fino ai grandi festival partendo dai locali del proprio quartiere.

    Scritto Venerdì, 06 Aprile 2018 00:00
  • Comunismo e lotta di classe in India: un'intervista a Gopal Chandra Ganguly
    Scritto da
    Comunismo e lotta di classe in India: un'intervista a Gopal Chandra Ganguly

    Comunismo e lotta di classe in India:

    intervista a Gopal Chandra Ganguly, membro storico del partito comunista indiano

    Gopal Chandra Ganguly vive a Calcutta ed è un membro storico del Partito Comunista Indiano (Communist Party of India, CPI). Nato nel 1922 a Dhaka (attualmente in Bangladesh), ha sentito fin da giovanissimo la necessità di lottare per un'India libera e contro la dominazione coloniale britannica. La sua adesione e militanza all'interno del celebre movimento di liberazione nazionale “Quit India”, gli è costata 18 mesi di prigionia. Nel 1946, subito dopo la sua scarcerazione, si è iscritto al Partito Comunista nel quale ha ricoperto varie posizioni. All’età di 95 anni, vive ancora nella speranza che un giorno il mondo sarà un posto migliore, senza classi sociali né oppressione. Nonostante lo stato di salute precario e le difficoltà a scrivere, è stato felice di rispondere per e-mail alle nostre domande.

    Scritto Giovedì, 05 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1635

    Di Maio: “Andremo al governo e niente ci fermerà”. Nemmeno quella cosa là con i numeri.

    di Fdecollibus

    Scritto Mercoledì, 04 Aprile 2018 00:00
  • I giovani salveranno l'Italia?
    Scritto da
    I giovani salveranno l'Italia?

    I giovani salveranno l'Italia?

    Giochiamo a carte scoperte. La proposta avanzata dal libro I giovani salveranno l’Italia non convince chi scrive questo articolo.

    Ogni commento sarà quindi probabilmente influenzato dalla mancata adesione a una sorta di manifesto politico generazionale lanciato da un gruppo di dieci autori e tre autrici, aderenti al movimento Senso Comune.

    Scritto Mercoledì, 04 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1634
    Scritto da

    ‪Lo hanno chiamato smartphone ma dagli effetti prodotti sulla gente avrebbero anche potuto chiamarlo idiotphone.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 03 Aprile 2018 00:00
  • L'ombra del Cremlino si allunga?
    Scritto da
    L'ombra del Cremlino si allunga?

    L'ombra del Cremlino si allunga?

    Il caso legato alla morte di Sergei Skripal è alla base di una non comune serie di espulsioni di personale diplomatico russo (e dalla Russia).

    Sul contesto internazionale le nostre Dieci Mani si sono concentrate recentemente parlando della caduta di Afrin, confermando un ritorno del Cremlino negli scenari politici globali.

    Scritto Martedì, 03 Aprile 2018 00:00
  • Annientamento (delle aspettative)
    Annientamento (delle aspettative)

    Annientamento (delle aspettative) 

    Un misterioso e inquietante “bagliore” ha inglobato un’area di una riserva naturale, impedendo le comunicazioni tra interno ed esterno, e si sta progressivamente allargando. Non si sa cosa ci sia e cosa accada all’interno della zona, soprannominata Area X; ma si sa che, di tutte le squadre inviate ad esplorarla per conto di una missione militare segreta, soltanto un uomo ha fatto ritorno, in circostanze oscure.

    Scritto Lunedì, 02 Aprile 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1633

    Si spende metà della vita ad acquisire una educazione e la restante metà a dimenticarsene.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Domenica, 01 Aprile 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #231 - Nati i "marines" di Tokyo
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #231 - Nati i "marines" di Tokyo

    Nati i "marines" di Tokyo - Pillole dal Giappone #231

    Settimana iniziata con la visita nel Sol Levante dell'ex Presidente USA Obama. Il politico nordamericano, giunto a Tokyo per una conferenza, è intervenuto sulla questione nordcoreana sottolineando come l'isolamento internazionale di quel Paese renda inefficaci le sanzioni.

    Sempre in ambito internazionale è stata confermato dalla vicepremier russa Olga Golodets, in visita ad Osaka per colloqui con il ministro Seko, che Valdimir Putin e Shinzo Abe si incontreranno il prossimo 26 maggio. “Spero che molti progetti che sono sulla carta prendano forma così che il popolo russo possa beneficiarne” ha affermato Golodets la scorsa domenica. Presente ai colloqui anche il ministro dello Sviluppo Econoico di Mosca Maxim Oreshkin. Il Giappone, al fine di non rovinare il filo della cooperazione economica che è stato teso tra i due Paesi ha scelto non aderire al programma di espulsioni di diplomatici russi messo in atto da numerosi Paesi NATO.

    Scritto Domenica, 01 Aprile 2018 00:00
  • Il paradiso nerd anni '80 esiste e si chiama Ready Player One
    Scritto da
    Il paradiso nerd anni '80 esiste e si chiama Ready Player One

    Il paradiso nerd anni '80 esiste e si chiama Ready Player One

    Quando la Warner nel 2010 annunciò l'acquisizione dei diritti del romanzo di Ernest Cline, ho avuto paura.

    Ancora di più ne ho avuta nel momento in cui autori come Nolan, Jackson, Zemeckis (citazioni a go-go), Wright hanno rifiutato la regia di questa trasposizione cinematografica.

    Scritto Sabato, 31 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1632

    Dovrei smetterla di fare battute sulla politica perché non si ride sulle tragedie.‬

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 30 Marzo 2018 00:00
  • Paesaggio o sviluppo?
    Scritto da
    Paesaggio o sviluppo?

    Paesaggio o sviluppo?

    Gli ultimi anni hanno visto, sempre più spesso, la predilezione per le grandi opere piuttosto che per una serie d’interventi mirati ma funzionali. Il nostro territorio ha subito trasformazioni consistenti e i paesaggi sono mutati repentinamente, seguendo l’azione antropica. Nulla di nuovo, dalle epoche più remote la mano dell’uomo ha modellato a suo piacimento il globo secondo scelte diverse: a volte sensate altre volte meno.

    Scritto Venerdì, 30 Marzo 2018 00:00
  • Per una sociologia del capitalismo
    Scritto da
    Per una sociologia del capitalismo

    Per una sociologia del capitalismo.

    Recensione di Sociologia della tecnca e del capitalismo di Lelio Demichelis.

    L’ultimo saggio del professor Demichelis ripercorre le varie forme di organizzazione del lavoro che il capitalismo ha sviluppato fin dalla sua nascita per imbrigliare il lavoro e accrescere la sovrapproduzione di merci e capitali.

    Il punto di partenza è come sempre il fordismo che ha creato la prima razionalizzazione cristallizzatasi nella produzione di massa, ma arriva al toyotismo e alla lean production, alla rete e al capitalismo delle piattaforme di oggi. Tentare di descrivere l’organizzazione del capitalismo di oggi è certamente encomiabile, vista la difficoltà di trovare un filo conduttore a un modo di produzione che si è ramificato ed è divenuto sempre più dispersivo.

    Scritto Giovedì, 29 Marzo 2018 00:00
  • La teoria del tutto
    Scritto da
    La teoria del tutto

    La Teoria del Tutto

    Stephen Hawking ci ha lasciato, ma quello che non potremo mai dimenticare è il suo enorme contributo alla scienza. Ci sono grandi scienziati che, pur senza vincere mai il Nobel, hanno contribuito in maniera sostanziale a rivoluzionare il nostro modo di pensare e di vedere il Mondo e l’Universo: Stephen Hawking è stato sicuramente uno di questi.

    Scritto Mercoledì, 28 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1631

    Zuckerberg compra una pagina dei principali quotidiani per chiedere scusa ai suoi utenti. Nemmeno lui si fida più dei social per mandare un messaggio.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 27 Marzo 2018 00:00
  • Sull'elezione delle presidenze di Camera e Senato
    Scritto da
    Sull'elezione delle presidenze di Camera e Senato

    Sull'elezione delle presidenze di Camera e Senato

    Si consuma in questi giorni la prima fase cruciale della vita istituzionale italiana, con l'elezione dei presidenti dei due rami del parlamento.

    Ad una prima fase confusa, connotata da una girandola di nomi, con Lega e M5S intenti a capire come capitalizzare il successo elettorale e Forza Italia indisponibile a farsi mettere da parte, sembra essere seguito un accordo salomonico, con Fico del M5S alla Camera e una forzista al Senato.

    Scritto Martedì, 27 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1630

    Non capisco la polemica sui finanziamenti di Gheddafi a Sarkozy. Glieli ha pure restituiti in missili di piccolo taglio.

    di Fdecollibus

    Scritto Lunedì, 26 Marzo 2018 00:00
  • Per un antirazzismo di classe
    Scritto da
    Per un antirazzismo di classe

    Per un antirazzismo di classe

    Il razzismo è un fatto economico. L’altro ci inorridisce e spaventa perché non rientra nelle classi dominanti e non rispetta, certo non per una sua volontà quanto per la nostra colpa di sostenitori del capitalismo, le regole sacre del mercato.

    Scritto Lunedì, 26 Marzo 2018 00:00
  • Afrin ci interroga (3 di 3)
    Scritto da
    Afrin ci interroga (3 di 3)

    Afrin ci interroga (3 di 3)

    La prima parte cliccando qui.

    La seconda parte cliccando qui.

    Cronaca della macelleria anticurda novecentesca

    È stata solo la grande dimensione del popolo curdo (40-45 milioni di esseri umani, tanti quanto i polacchi o gli spagnoli) a impedirne la riduzione a infima minoranza o addirittura l’estinzione – a opera prima di tutto turca, ma anche irachena, iraniana, siriana.

    Un complesso di tribù di contadini e di pastori sottoposti a gerarchie ereditarie (ma anche protagonista da secoli di rivolte per l’indipendenza di questa o quella sua realtà) sarà dunque obbligata, a cavallo della prima guerra mondiale, dopo essere stata arruolata nell’esercito ottomano e usata da esso nello sterminio di armeni e assiro-caldei, a un grande balzo verso la Modernità; collateralmente, a creare grandi figure di dirigenti.

    Scritto Lunedì, 26 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1629

    Fake news or new fakes?

    di Fdecollibus

    Scritto Domenica, 25 Marzo 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #230 – Colloqui tra Taro Kono e Sergej Lavrov
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #230 – Colloqui tra Taro Kono e Sergej Lavrov

    Settimana iniziata con il ritorno dagli Stati Uniti del ministro degli Esteri Taro Kono. A Washington il ministro ha avuto colloqui con il vicepresidente Pence, con l'omologo dimissionario Rex Tillerson e con Kang Kyung Wha, ministra degli Esteri della Repubblica di Corea, alla quale ha chiesto di porre il tema dei cittadini nipponici rapiti dalle autorità nordcoreane al tavolo delle trattative bilaterali tra le due parti della Penisola. 

    Scritto Domenica, 25 Marzo 2018 00:00
  • Afrin ci interroga (2 di 3)
    Scritto da
    Afrin ci interroga (2 di 3)

    Afrin ci interroga (2 di 3)

    La prima parte cliccando qui.

    Siamo dentro a qualcosa che tende sempre più a essere una terza guerra mondiale

    Grande è il disordine sotto il cielo; tuttavia, a differenza di quel che tendeva sempre a opinare Mao, la situazione non è per nulla eccellente, è un grande ingestibile disastroso casino. L’umanità rischia grosso, su più piani. Come al solito, cresce il ricorso a ogni forma di guerra.

    Già ciò risultava chiaro a partire dagli interventi esterni sulla crisi siriana. Poi è diventato più netto e preoccupante quando al conflitto di più attori statali fondamentali (Stati Uniti, Regno Unito, Francia, in un secondo momento Russia) contro al-Qaeda/al-Nusra e contro Daesh e alla finzione turca di parteciparvi si è sostituito il conflitto, per interposti stati minori o gruppi armati loro alleati, tra Stati Uniti, loro partner occidentali e mediorientali, da una parte, e Russia, potere siriano, Iran, varie milizie sciite, dall’altra, più la Turchia per così dire in mezzo, più Israele in proprio.

    Scritto Domenica, 25 Marzo 2018 00:00
  • Afrin ci interroga (1 di 3)
    Scritto da
    Afrin ci interroga (1 di 3)

    Afrin ci interroga (1 di 3)

    Die Toten mahnen uns, i morti ci interrogano, recita la stele che a Berlino sovrasta la tomba di Rosa Luxemburg e di Karl Liebknecht assassinati da soldati nazionalisti al servizio di un governo di destra socialdemocratica che aveva posto su di essi una taglia, “rei” di aver appoggiato un’insorgenza operaia.

    Molto altro inoltre nel corso del Novecento e di questo primo scorcio di Duemila ci ha direttamente interrogato. In questo momento a interrogarci sono soprattutto i curdi, vittime storiche speciali della Turchia. Sono essi a sconvolgere le nostre coscienze, a contestarvi incertezze e opportunismi. Non solo i curdi, beninteso: ci interrogano e sconvolgono da gran tempo i palestinesi, abbandonati a un colonialismo israeliano che sta completando la conquista del loro territorio e della loro acqua, come ci sconvolgono i milioni di profughi mediorientali e di povera gente che fugge dall’Africa o dall’Afghanistan, o la persecuzione e massacri a danno di rohingya, mapuche e tante altre popolazioni in tutto il mondo.

    Non è facile capire cosa fare di più adeguato, ma occorre inventarlo anche attraverso approssimazioni. Bisogna riuscire urgentemente a colpire, non solo a manifestare e a scrivere articoli. Ho letto l’appello al boicottaggio economico della Turchia, è una buona idea, si presta anche a iniziative popolari sul piano del turismo, dell’uso della compagnia di bandiera, dell’import di beni di consumo, di tessile, ecc. Bisogna denunciare pubblicamente i gruppi economici che investono (in altre parole, delocalizzano) in Turchia, commerciano con essa, ecc. Soprattutto occorre denunciare la vendita di armi a questo paese, cui prende parte anche l’Italia.

    Scritto Sabato, 24 Marzo 2018 00:00
  • L'ostilità è un sentimento contemporaneo (Hostiles)
    Scritto da
    L'ostilità è un sentimento contemporaneo (Hostiles)

    L'ostilità è un sentimento contemporaneo (Hostiles)

    Il primo motivo per cui scrivo recensioni è perchè il cinema da sempre, meglio di chiunque altro, è capace di fornire mezzi per analizzare e capire i fenomeni.

    Purtroppo oggi tutto questo sembra una ricetta antica e in via di estinzione.

    Nessuno approfondisce più nulla, tutto è considerato vecchio e risaputo, non esistono più riferimenti. Tutto è dato per scontato.

    Scritto Sabato, 24 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1628

    Per quanti sforzi facciamo, l'unica cosa che riusciamo ad apprendere è la precedente estensione della nostra ignoranza.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 24 Marzo 2018 00:00
  • Notturno Alfama in ferie
    Notturno Alfama in ferie

    La rubrica di Notturno Alfama si è presa una pausa. Tornerà presto, speriamo già dal mese di aprile. Intanto un grazie a Daniele Coltrinari per averla creata! Nel frattempo potete rileggere tutte le puntate cliccando qui!


    Immagine di copertina liberamente ripresa da pxhere.com 

    Scritto Sabato, 24 Marzo 2018 00:00
  • Dalla violazione della privacy alla manipolazione del pubblico – appunti sul caso Cambridge Analytica
    Dalla violazione della privacy alla manipolazione del pubblico – appunti sul caso Cambridge Analytica

    Dalla violazione della privacy alla manipolazione del pubblico – appunti sul caso Cambridge Analytica

    Generazioni di bambini hanno imparato dai cartoni animati a non lasciar entrare in casa il primo estraneo che si presenta alla porta: sotto le sembianze di improbabili tecnici della società elettrica potrebbero nascondersi scagnozzi intenzionati a rapire tutti i cuccioli di dalmata.

    Scritto Venerdì, 23 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1627

    Beato il paese che non ha bisogno di antifascisti.

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 23 Marzo 2018 00:00
  • Pari opportunità, perché non si può fare "parti uguali tra disuguali"?
    Scritto da
    Pari opportunità, perché non si può fare "parti uguali tra disuguali"?

    Pari opportunità, perché non si può fare "parti uguali tra disuguali"?

    Un disabile può sperare di vedere realizzati i propri sogni, o almeno di "giocarsela ad armi pari" con gli altri?

    Scritto Venerdì, 23 Marzo 2018 00:00
  • La Rondine al Carlo Felice di Genova
    Scritto da
    La Rondine al Carlo Felice di Genova

    Dopo le scelte di bilancio dello scorso anno che portarono alla sua rimozione dal cartellone ritorna finalmente quest'anno La Rondine di Puccini (libretto di Giuseppe Adami che con il maestro toscano lavorerà poi alla Turandot) con repliche fino al 25 marzo. Opera non rappresentata a Genova dal 1917, cioè quasi nell'immediatezza della sua scrittura (è stata infatti completata nel 1916), non è certamente tra le più note di Puccini ma merita di essere vista per il linguaggio nuovo di cui è portatrice, tanto da un punto di vista compositivo quanto per lo spazio concesso alla recitazione (quasi del tutto assenti infatti i momenti chiusi).
    Spesso associata alla Traviata ha in effetti qualcosa in comune con l'opera verdiana. Anche in questo caso infatti vi è un amore consumato e poi finito ma... non ci sono i morti! Siamo già infatti nell'Europa del liberty, un'Europa nella quale i valori forti si spostano dal piano privato per approdare in quello pubblico.

    Scritto Giovedì, 22 Marzo 2018 07:00
  • Il Becco Affilato #1626

    Ragà facciamo una class action e facciamoci restituire tutto il tempo perso su Facebook.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 22 Marzo 2018 00:00
  • Popolocrazia (Diamanti, Lazar): il populismo ha già vinto?
    Scritto da
    Popolocrazia (Diamanti, Lazar): il populismo ha già vinto?

    Popolocrazia (Diamanti, Lazar): il populismo ha già vinto?

    Ne Gli ultimi Jedi (l’episodio di Guerre Stellari del 2017) il personaggio di Benicio Del Toro tenta di disilludere i “buoni” sulla natura della contesa tra lato oscuro e repubblica. Non conta chi ha ragione, per l’economia è importante il proseguimento del conflitto. I signori della guerra vendono indistintamente alla parte imperiale e a quella della ribellione...

    La fabbrica del populismo produce armi per entrambe le parti della contesa politica apparentemente egemone nel blocco occidentale del globo terrestre. Chi ricopre incarichi nelle istituzioni disegnate nel secondo dopoguerra solitamente si appella alla difesa dai "barbari", sventolando il pericolo di nuovi totalitarismi. I portavoce del cambiamento invocano i panni dell'uomo comune, fregiandosi della medaglia vittimistica che li rende esenti da ogni responsabilità rispetto alla situazione presente.

    Scritto Giovedì, 22 Marzo 2018 00:00
  • Quando il cabaret combatte contro il cancro: un'intervista con Rose Thorne
    Scritto da
    Quando il cabaret combatte contro il cancro: un'intervista con Rose Thorne

    Quando il cabaret combatte contro il cancro: un'intervista con Rose Thorne 

    Tra tutte le forme d'arte, il cabaret è storicamente forse quella più strettamente legata al mondo dell'underground e della controcultura.

    Scritto Mercoledì, 21 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1625

    Putin fondamentalmente è un cattivo di James Bond che ce l'ha fatta.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 20 Marzo 2018 00:00
  • L'offensiva turca contro Afrin
    Scritto da
    L'offensiva turca contro Afrin

    L'offensiva turca contro Afrin

    Una bella illustrazione di Zerocalcare spiega meglio di mille parole il disinteresse generalizzato che avvolge l’operazione militare turca nel distretto di Afrin.

    Se l’eroica resistenza di Kobane contro l’ISIS era stata celebrata ovunque, un silenzio glaciale avvolge la carneficina annunciata di Afrin, contea del Rojava molto vicina al confine turco e oggetto degli interessi strategici di Erdogan, intenzionato a colpire e reprimere con ogni mezzo qualsiasi forma di autoaffermazione del popolo curdo.

    Scritto Martedì, 20 Marzo 2018 00:00
  • La trappola retorica della libertà di parola
    Scritto da
    La trappola retorica della libertà di parola

    Perché è importante non parlare coi fascisti: La trappola retorica della libertà di parola

    In un precedente articolo abbiamo dato una prima nostra opinione sui meccanismi di legittimazione della presenza fascista nel dibattito pubblico. Soggetti che hanno ruoli di guida culturale della società (giornalisti, docenti, dirigenti scolastici, sindaci ecc.), con le motivazioni più varie, hanno ritenuto appropriato consentire a individui che espressamente si richiamano al fascismo storico di esprimere pubblicamente le loro deliranti idee.

    Scritto Lunedì, 19 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilati #1624

    Ieri uno stronzo dalla Russia mi è entrato nell’account di evernote. Per ritorsione ho appena espulso una bottiglia di vodka.

    di Fdecollibus

    Scritto Domenica, 18 Marzo 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #229 – Si allarga lo scandalo di Moritomo Gakuen
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #229 – Si allarga lo scandalo di Moritomo Gakuen

    I documenti circa la svendita di un terreno demaniale all'operatore scolastico Moritomo Gakuen sono stati falsificati. Ad ammetterlo adesso anche il ministro delle Finanze Taro Aso.

    Scritto Domenica, 18 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1623

    Governo di scopo. Senza la di in mezzo era il sogno di Berlusconi.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 17 Marzo 2018 00:00
  • Afghanistan: una guerra e una frontiera dimenticate
    Scritto da
    Afghanistan: una guerra e una frontiera dimenticate

    La guerra dimenticata: Afghanistan frontiera di un nuovo conflitto tra potenze mondiali 

    In questi ultimi mesi, il conflitto ripreso con violenza in Siria ha posizionato i riflettori di tutto il mondo sulla mezzaluna costiera del Medio Oriente.

    Per quanto feroce sia lo scontro in atto tra l’esercito turco e la resistenza curda, il conflitto è ormai segnato: in Siria è stata adottata la politica del laissez-faire nei confronti delle mire espansionistiche della Turchia, uno degli attori principali e responsabili delle vicende nel teatro mediorientale di questi ultimi anni.

    Scritto Sabato, 17 Marzo 2018 00:00
  • Un libro che mette a nudo i cosmetici
    Un libro che mette a nudo i cosmetici

    “«Questa crema farà miracoli sulla tua pelle.» A meno che non si intenda che provocherà delle stimmate, è difficile che una crema possa fare miracoli.”

    Scritto Venerdì, 16 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1622

    Vista la ventata antiscientifica, sarà meglio ricordare Stephen Hawking come pioniere della mobilità sostenibile.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 15 Marzo 2018 00:00
  • Il risultato elettorale: ha vinto l'altra nazione?
    Scritto da
    Il risultato elettorale: ha vinto l'altra nazione?

    Il risultato elettorale: ha vinto l'altra nazione?

    «Ha vinto il partito dell’altra nazione»

     - Claudio Cerasa, 5 marzo, 00:29 

    Il risultato elettorale del 4 marzo è non soltanto tellurico ma, ancor di più, incomprensibile a prima vista.

    Viene duramente punita la coalizione di governo, che si attesta al 23%, mentre sono premiate le forze di opposizione e, tra queste, quelle più antisistema (M5S 33%, Lega 17%).

    Scritto Giovedì, 15 Marzo 2018 00:00
  • "L'Italiana in Algeri" tra stereotipi liberatori e regie discutibili
    Scritto da
    "L'Italiana in Algeri" tra stereotipi liberatori e regie discutibili

    “L’Italiana in Algeri” tra stereotipi liberatori e regie discutibili

    La più recente opera cui il munifico biglietto di cui ho già parlato mi ha dato accesso, che incidentalmente marca anche la chiusura della stagione operistica pisana (sì, è stato breve ma intenso, ok, più breve che intenso, un giorno vivrete anche voi a Pisa e allora capirete) è L’italiana in Algeri (1813) di Gioachino Rossini.

    Scritto Mercoledì, 14 Marzo 2018 00:00
  • Dopo il voto
    Scritto da
    Dopo il voto

    Dopo il voto

    I dati ci danno l’esatta immagine del paese. Basterebbero quindi i numeri per comprendere la volontà del popolo italiano.

    Scritto Mercoledì, 14 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1621

    Renzi, Salvini, Di Maio e Berlusconi hanno tutti fatto il Liceo Classico. Se rinasco mi sa che devo cambiare scuola.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 13 Marzo 2018 00:00
  • Sul reddito di cittadinanza (dopo le elezioni)
    Scritto da
    Sul reddito di cittadinanza (dopo le elezioni)

    Sul reddito di cittadinanza (dopo le elezioni)

    La vittoria del M5S al Sud ha fatto grande scalpore, essendo riuscito a sbaragliare tutte le alternative.

    La maggioranza dei commentatori ha attribuito la capacità di attirare consensi alla promessa di un reddito di cittadinanza. Questa promessa in un territorio dalla disoccupazione altissima e in cui si è tornati all'emigrazione di massa, secondo molti, è risultata determinante per la vittoria.

    Scritto Martedì, 13 Marzo 2018 00:00
  • Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica – parte seconda
    Scritto da
    Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica – parte seconda

    Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica (II)

    [continua da qui]

    Il movimento globale delle donne rimanda ad altri episodi in cui si unisce il protagonismo (o la presenza) femminile alla felicità della politica o, se vogliamo, alla politica della felicità, per ricordare di nuovo il tema della Sis.

    Scritto Lunedì, 12 Marzo 2018 00:00
  • Le porte della percezione
    Scritto da
    Le porte della percezione

    Le porte della percezione

    Dietro alle sensazioni, dalle più belle alle più drammatiche, si nascondono meccanismi biologici, capirli e comprenderli ci può aiutare moltissimo.

    Scritto Lunedì, 12 Marzo 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #228 – Siglato il nuovo TPP
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #228 – Siglato il nuovo TPP

    Indagare su falsificazioni nei documenti che hanno portato alla (s)vendita di un terreno demaniale all'operatore scolastico Moritomo Gakuen è “difficile” ha dichiarato lo scorso lunedì il ministro delle Finanze Taro Aso.
    “Siamo stati sollecitati dalle autorità investigative (la Procura di Osaka nello specifico ndr) affinché sospendessimo qualsiasi indagine specifica in modo che non apparisse l'esistenza di un qualche accordo segreto: condurre una indagine dunque è piuttosto difficile” ha precisato il vicepremier durante i lavori della commissione bilancio della Camera alta. Le parole del ministro sono state una risposta a Shinya Adachi del Partito Democratico che, come da fa da mesi oramai l'opposizione, chiede che sulla vicenda (che lambisce la stessa famiglia del premier) si faccia chiarezza.

    Scritto Domenica, 11 Marzo 2018 00:00
  • Ponte Vespucci, razzismo o non razzismo... questo è il dilemma!
    Scritto da
    Ponte Vespucci, razzismo o non razzismo... questo è il dilemma!

    Ponte Vespucci, razzismo o non razzismo... questo è il dilemma!

    Firenze: tranquilla mattina post-elettorale.

    Un uomo esce di casa coll'intenzione di suicidarsi.

    Cambia idea, e decide di far fuoco "a caso" sulla folla.

    Scritto Sabato, 10 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1620

    Fossi in Mattarella abbinerei l’incarico di governo a un biglietto della lotteria italia.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 10 Marzo 2018 00:00
  • Quel favoloso Anos 60
    Scritto da
    Quel favoloso Anos 60

    Quel favoloso Anos 60

    «Allora entra, dai, poi chiudo e chi c'è dentro, c'è dentro».

    Scritto Sabato, 10 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1619

    Secondo me Pierluigi Bersani voterebbe subito la fiducia a un governo guidato da Vito Crimi.

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 09 Marzo 2018 00:00
  • Oscar n° 90: l'importanza delle donne, dei diversi, degli emarginati e delle minoranze
    Scritto da
    Oscar n° 90: l'importanza delle donne, dei diversi, degli emarginati e delle minoranze

    Gli oscar n° 90 dimostrano l'importanza delle donne, dei diversi, degli emarginati e delle minoranze

    "Messico e nuvole, la faccia triste dell'America" - cantava Enzo Jannacci in una delle sue più note canzoni. Dopo Cuaron e Inarritu, il Messico si dimostra invece un'isola felice e si prende l'ennesima rivincita sugli Stati Uniti. Con tempismo perfetto. 

    Scritto Venerdì, 09 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1618

    Comunque a fuori di tapparsi il naso non so più se sono le elezioni o i campionati mondiali di apnea.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 08 Marzo 2018 00:00
  • Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica – parte prima
    Scritto da
    Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica – parte prima

    Lotte delle donne: una storia di felicità nella politica (I)

    Oggi è l’otto marzo e chi scrive non è particolarmente incline a commemorazioni particolari su quanto la donna debba essere omaggiata: per quel che mi riguarda più che l’omaggio e la retorica di queste commemorazioni è importante la dignità dell’essere umano donna, e quindi i suoi diritti sul piano sociale, economico e politico, così come la dignità di qualsiasi essere umano ancor più “minoritario” e che gode di ancora meno parità socio-politica ed economica.

    Scritto Giovedì, 08 Marzo 2018 00:00
  • Ciao capitano
    Scritto da
    Ciao capitano

    Ciao capitano

    Salgo le scalinate della stazione di Campo di Marte in una serata umida e piovosa appena uscito da lavoro.

    Un percorso fatto tante volte, tantissime domeniche, verso la partita.

    La mia più vecchia sciarpa ormai logora e consumata dai lavaggi, che tenevo in camera come cimelio di un abbonato allo stadio Artemio Franchi dal disastroso 2002.

    Scritto Mercoledì, 07 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1617

    Renzi comunque è morto più volte di Goku in Dragonball

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 06 Marzo 2018 00:00
  • Un primo commento dopo le elezioni
    Scritto da
    Un primo commento dopo le elezioni

    Un primo commento dopo le elezioni

    Il risultato elettorale italiano segnala un generale riassestamento del sistema politico e della sinistra.

    Le forze principali sono costituite ora dalla demagogia M5S e da una coalizione di (centro)destra in cui i partiti moderati sono subalterni a quelli orientati anch’essi alla demagogia.

    Scritto Martedì, 06 Marzo 2018 00:00
  • Agent of Change: la legge che protegge la musica dalla speculazione
    Scritto da
    Agent of Change: la legge che protegge la musica dalla speculazione

    Agent of Change: la legge che protegge la musica dalla speculazione

    'Gentrification' è una parola sinistramente familiare per chi si occupa dei problemi legati alla crescita delle grandi città, e in particolare delle tensioni di classe che le contraddistinguono.

    Scritto Lunedì, 05 Marzo 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #227 – Prosegue la militarizzazione dell'Asia del Nord-Est
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #227 – Prosegue la militarizzazione dell'Asia del Nord-Est

    Cerimonia, lo scorso 24 febbraio, per il dispiegamento dei velivoli F-35A presso la base di Misawa nella Prefettura di Aomori con la presenza del ministro della Difesa Itsunori Onodera.

    Scritto Domenica, 04 Marzo 2018 00:00
  • Tejo Bar, un posto (ancora?) unico
    Scritto da
    Tejo Bar, un posto (ancora?) unico

    Tejo Bar, un posto (ancora?) unico

    «Non si applaude, si strusciano le mani, guarda gli altri!». 

    Il Tejo Bar, di solito, si trova per sbaglio, o almeno una volta era così, forse oggi ne parlano guide turistiche offline e online e blog e blogger. E allora scoprirlo dovrebbe essere molto più facile. In realtà del Tejo Bar se ne parla già da diversi anni, una regista, ora famosa, realizzò un documentario su questo locale, davvero unico e raro. Forse se cercate su You Tube, potreste trovarlo ancora.

    Scritto Sabato, 03 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1616

    Se quello che vediamo da bambini ci influenzasse davvero, io adesso dovrei essere su un gigantesco robot a lanciare attacchi solari.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 03 Marzo 2018 00:00
  • Gli ultraottantenni colpiscono ancora: il ritorno di Roman Polanski
    Scritto da
    Gli ultraottantenni colpiscono ancora: il ritorno di Roman Polanski

    Gli ultraottantenni colpiscono ancora: il ritorno di Roman Polanski

    Al cinema vanno di moda gli over 80. Sarà un caso, ma negli ultimi mesi sono usciti film di Ridley Scott (80 anni), Woody Allen (82), Clint Eastwood (87).

    Senza dimenticare l'inossidabile leone inglese Ken Loach (81 anni e non sentirli) che nel 2016 ha vinto la Palma d'Oro con "Io, Daniel Blake".

    Scritto Sabato, 03 Marzo 2018 00:00
  • Perché è importante non parlare con i fascisti
    Scritto da
    Perché è importante non parlare con i fascisti

    Perché è importante non parlare con i fascisti

    Leonardo Croatto, Dmitrij Palagi

    Si è molto discusso dell’opportunità di far intervenire liste elettorali apertamente fasciste in luoghi pubblici (televisioni, giornali, ma anche scuole, luoghi istituzionali e spazi di proprietà pubblica), così come si è dibattuto dell’utilità di confrontarsi con esponenti di partiti fascisti in dibattiti pubblici.

    A nostro avviso gli argomenti a favore della libertà di espressione di quel tipo sono sbagliati, in via del tutto generale, almeno in due dei loro presupposti. Da una parte si scambiano gli epifenomeni con le cause generatrici, fraintendendo il punto centrale della questione. Dall’altra si fa prevalere un approccio idealistico sul vecchio e caro (seppure talvolta frainteso) materialismo dialettico.

    Proviamo però a mettere un po’ di ordine a un primo confronto, a quattro mani.

    Scritto Venerdì, 02 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1615

    Ma se è tutto fatto in Cina chi ha fatto i cinesi?

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 02 Marzo 2018 00:00
  • Il vangelo di Tesla
    Scritto da
    Il vangelo di Tesla

    Il Vangelo di Tesla

    La sfida allo spazio lanciata da Elon Musk riaccende una corsa verso le stelle lasciata da troppo tempo solo agli addetti ai lavori. Ma apre anche spinosi interrogativi per il futuro.

    Scritto Venerdì, 02 Marzo 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1614

    "Quando un governo non fa ciò che vuole il popolo, va cacciato via con spade e bastoni, o in alternativa anche con coppe e denari".

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 01 Marzo 2018 00:00
  • Il voto tra inconscio e riflessione
    Scritto da
    Il voto tra inconscio e riflessione

    Il voto tra inconscio e riflessione

    Ieri sera devo aver mangiato un po’ più pesante del solito, ho il ricordo di aver sognato molto sul significato del voto in previsione della prossima scadenza elettorale.

    Scritto Giovedì, 01 Marzo 2018 00:00
  • Potrebbe accadere
    Scritto da
    Potrebbe accadere

    Potrebbe accadere – scenari post elettorali

    A pochi giorni dal voto è realistico ipotizzare che nessuno degli schieramenti politici attuali disporrà della maggioranza parlamentare, ed è realistico ipotizzare che quindi avrà luogo, in un modo o nell’altro, un’intesa di governo tra PD renziano e suoi alleati di destra (Lorenzin, Bonino, ecc.) da una parte e dall’altra Forza Italia e suoi alleati di centro, dato che tale intesa ragionevolmente disporrà di tale maggioranza.

    Scritto Mercoledì, 28 Febbraio 2018 00:00
  • Perché anche con i neofascisti si deve parlare
    Scritto da
    Perché anche con i neofascisti si deve parlare

    Perché anche con i neo-fascisti si deve parlare

    Ad infiammare il clima di questa campagna elettorale ci ha pensato il dibattito riguardo l'incontro organizzato all'Istituto Tecnico Marconi con gli esponenti delle liste 'in gara' il 4 marzo. Un'occasione, in teoria, per aiutare i neofiti del voto a farsi un'idea delle posizioni dei vari partiti, così da decidere con maggiore consapevolezza.

    Scritto Mercoledì, 28 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1613

    Roma nel caos. Since 753 BC.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 27 Febbraio 2018 00:00
  • Ombre della sinistra europea in Italia
    Scritto da
    Ombre della sinistra europea in Italia

    Ombre della sinistra europea in Italia

    Mentre si avvicina il voto del 4 marzo, Daniela Preziosi, su il manifesto ha scritto un articolo da titolo «Le figurine della sinistra europea nella sfida italiana». Le elezioni nazionali non hanno chiaramente al centro la dimensione continentale, ma più che in passato c'è un certo imbarazzo - trasversale - a rapportarsi con i vicini dell'Unione (Europea!).

    Le sinistre italiane si confermano contenitore di grande confusione. La visita di Grasso a Corbyn, l'iniziativa di Fratoianni con una esponente della Linke, le relazioni di Potere al Popolo con il GUE appaiono come timidi echi di pratiche del recente passato.


    Proviamo a concentrare le nostre dieci mani a partire da due notizie di attualità.

    A fine gennaio Mélenchon ha chiesto l'esclusione di Syriza dal Partito della sinistra europea, con una dura replica di Tsipars ("noi non siamo una sinistra sola a parole"). L'allarme frattura pare essere rientrato ma certo la tensione rimane e appaiono lontani i tempi dell'asse greco-francese in chiave solidaristica.

    Il PSE non se la passa meglio. Schulz pareva dover rafforzare il vento di Sanders e Corbyn, con una campagna di rilancio della SPD (eletto come candidato con il 100% dei voti del partito) incentrata sul rifiuto delle grandi coalizioni. Ha dovuto fare passi indietro su numerose questioni di principio e infine ritirarsi anche dal ruolo concordato con la CDU di Ministro degli Esteri. Le sue dimissioni dalla presidenza del partito ricordano più la disfatta di Hollande che il successo narrativo del Labour.

    Di tramonto delle sinistre europee abbiamo sempre scritto sul Becco, queste Dieci Mani provano ad aggiornare la riflessione.


    Niccolò Bassanello

    Il nesso tra la concezione occidentale del mutamento sociale radicale (quello che ora chiameremmo “rivoluzione”) e l’escatologia cristiana non è un mistero per nessuno: storicamente le troviamo fuse in più di un’occasione.

    Dall’istante in cui si realizza il fatto della venuta del Regno nulla nel mondo è più ciò che era, tutto è santificato o condannato per sempre. Similmente, si pensa che, conquistato “il potere”, che purtroppo è perlopiù concepito come il controllo dell’apparato statale, una realtà umana come un leader o un partito possa fare tabula rasa del vecchio stato di cose e instaurarne uno nuovo radicalmente diverso. Se ciò non accade è per il tradimento (vecchio refrain stalinista) o per la pusillanimità di chi di dovere, oppure per la malvagità del vecchio mondo che non accetta di perire.

    È facile comprendere come una simile concezione abnorme dell’essere umano non possa non essere frustrata dalla realtà. È infatti un’ovvietà assoluta che la storia vada avanti per processi, e non per salti repentini, così come dovrebbe essere un’ovvietà che qualunque mutamento sociale ed istituzionale, proprio in quanto è oggetto della storia umana, tenda ad essere marcatamente path-dependent: fatti e decisioni del passato vincolano il presente, riducendo il campo del fattibile.

    Ciò non significa che il mutamento, anche radicale, di istituzioni, modelli economici e costrutti socioculturali sia da escludere; significa però che avviare un processo storico di lunghissimo periodo è cruciale, che nel breve e medio periodo è d’uopo darsi obiettivi realistici e non investire gli strumenti del potere di una mistica che non gli appartiene.

    Lo stato sociale non è un’invenzione del Messia Roosevelt o del Messia Attlee, è un punto in un processo storico iniziato quasi un secolo prima in Prussia, a sua volta parte del più ampio processo storico del capitalismo; così come la controrivoluzione thatcherian-reaganiana di fine anni ‘70-inizio anni ‘80 che ha profondamente modificato quel sistema ha radici nell’Europa dilaniata dalla Seconda guerra mondiale, per esempio. Nell’immediato dopoguerra, nei dipartimenti di economia delle università più prestigiose del Vecchio e del Nuovo mondo gli studiosi istituzionalisti o keynesiani erano l’assoluta maggioranza; oggi ciò che non si basa su una matematizzazione estrema ed esasperata e/o sulla fede nel pallido mainstream propinato dai 2-3 manuali di macroeconomia “ufficiali” o nelle teorie neomonetariste rischia di passare per pseudoscienza: l’importanza assoluta di conquistare e tenere casematte. 

    Ultimo a fare le spese della confusione tra storia ed escatologia il premier greco Tsipras. Su SYRIZA la sinistra europea ha investito un enorme carico emotivo, ma purtroppo poche energie intellettuali. L’errore di Tsipras (che comunque nei sondaggi viaggia intorno al 20% stabile, perdendo non contro forze antiausterity ma contro la destra di ND) non sta in qualche fantomatico “tradimento”, vale a dire nell’aver voluto governare una situazione reale, già gravemente compromessa e condizionata da decenni di scelte sbagliate che non si possono realisticamente cancellare con un colpo di spugna, ma nell’aver pensato che bastasse vincere, che il potere potesse destrutturare e ristrutturare a piacimento la realtà, che il vecchio contesto si sarebbe arreso di fronte al nuovo che viene.

    Un errore replicato da tutti coloro che, in giro per l’Europa, continuano a sostenerlo o al contrario lo denigrano, come Mélenchon. “Fare qualcosa” e “cambiamo tutto” continuano ad alimentare investimenti emotivi ed entusiasmi, mentre si trascura completamente la preparazione necessaria per quando il momento di fare qualcosa arriverà davvero e si vive di belle idee astratte e belle intenzioni. Al contrario di molti, ho sempre preso molto seriamente (e in parte condivido) l’idea che al governo non ci si debba andare, che sia meglio costruire contropotere che prendere il potere.

    Se si decide altrimenti, però, al potere è utile arrivarci solo alla fine di un processo consapevole.


    Alex Marsaglia

    Il tradimento verso il popolo greco del governo Syriza-Anel deve aver screditato ciò che resta della sinistra europea se lo stesso Melenchon è arrivato al punto di chiedere l'espulsione di Syriza dal Partito della Sinistra Europea.

    La risposta di Syriza sembra un bieco tentativo di arrampicarsi sugli specchi accusando di antidemocraticità e di irresponsabilità chi si è quantomeno indignato per la macelleria sociale del governo Tsipras.

    L'unica sensata accusa che si sarebbe potuta muovere a chi ora punta l'indice contro Syriza è cosa avrebbero fatto al loro posto, dovendo mantenere l'appartenenza all'Unione Europa.

    Con quale linearità e coerenza si sarebbe potuto mantenere l'ideale di un'altra Europa in un contesto dove è risultato evidente che di Europa ne esiste una sola e non è certamente disposta a farsi riformare da qualsiasi movimento di sinistra alternativa continentale?

    Insomma, Melenchon pensa di avere un Piano B e va in giro con Varoufakis a spiegarcelo da quel maledetto 5 luglio 2015. L'unico pulpito da cui proviene la predica è basato su quello striminzito Piano B che pensa di donarci un'altra Europa dal volto umano.

    L'unica base di una politica economica neokeynesiana per formare un'altra UE è basata su politiche di redistribuzione della ricchezza con creazione di opportunità di lavoro dignitoso e transizione ecologica in opposizione al modello neoliberista su cui è storicamente fondata l'UE.

    La sola partecipazione democratica dovrebbe magicamente donarci questa nuova prospettiva idilliaca, anche se abbiamo già visto il totale fallimento di questo percorso.

    Le perplessità non mancano neanche verso Melenchon e la sua voglia di rilanciare la Sinistra Europea all'interno delle istituzioni ordoliberali.


    Dmitrij Palagi

    La nascita del GUE e del Partito della Sinistra Europea sono una diretta responsabilità della cultura politica italiana. Abbiamo già avuto modo di sottolinearlo sul Becco già qualche anno fa ormai, ma alcuni nodi di fondo dei problemi europei rimangono non affrontati. Certo le analisi devono essere aggiornate ma l'atteggiamento generale pare essere ossessivamente "cerchiamo qualcosa che funzioni per aggrapparci da una zattera all'altra".

    Sabina Guzzanti non è una politica, ma il suo documentario Viva Zapatero!, collegato al recente sostengo per Potere al Popolo (con una convergenza dell'ex socialista Mélenchon) potrebbe interrogarci su quali sono i percorsi di maturazione delle varie narrazioni, spesso estemporanee e prive di processi stratificati, che dovrebbero portare a robuste sedimentazioni organizzative.

    Il livello delle sinistre sul piano continentale è un disastro. È stato Renzi a portare il Partito Democratico nel PSE, mentre questa famiglia continua a registrare numerosi insuccessi, con l'informazione schierata a sostenere il fenomeno Corbyn, il cui profilo non entusiasma i dirigenti dei vari partiti europei.

    L'isolamento della Grecia ben si conferma con l'attenzione di Tsipras a ciò che avviene in Germania (con tanto di invito a creare un nuovo governo di grande coalizione, scavalcando la linea ufficiale di Schulz da destra).

    La replica di Syriza ("noi non siamo di sinistra solo a parole") non è che una ferita già aperta in Italia, se uno ripensa al dibattito interno a Rifondazione per il sostegno all'Unione (intesa come coalizione del "secondo Prodi").

    Quale è la cultura di governo della sinistra socialista? E quale quella della sinistra di alternativa?

    C'è qualcosa di male ad ammettere di non avere ancora elaborato una complessiva capacità di governare ma voler rappresentare la difesa degli interessi di chi subisce questo sistema? Il potere e il governo sono categorie collegate ma distinte, far finta che esista un obbligo storico perché continuino a esistere "destre" e "sinistre" non farà che rafforzare i sostenitori del superamento di queste categorie.

    Per chi è convinto della necessità di una sinistra di classe si tratta di non rassegnarsi ai tempi brevi, alla tattica e allo scoraggiamento, pur insistendo nella ricerca di equilibrio per agire nel presente.


    Jacopo Vannucchi

    La scorsa settimana è stato diffuso il primo sondaggio che evidenzia in Germania un sorpasso di AfD sulla SPD (16% contro 15,5%). Molti sono stati così impegnati ad allarmarsi da non prendersi la briga di ricercare quel sondaggio e consultarlo nella sua interezza. Se lo avessero fatto, avrebbero scoperto che la somma di SPD, Linke (11%) e Grünen (13%) porta la sinistra complessivamente al 39,5: un vantaggio di fatto abissale su AfD e quasi appaiato alla coppia CDU-CSU (32) e FDP (9). Inoltre, la somma di queste somme porta a un oltre 80% per le forze politiche democratiche.

    La crisi della SPD è vecchia di molti anni, ma non è stato possibile sinora affrontarla per la doppia sordità delle sue due anime. La dirigenza e i giovani movimentisti, infatti, condividono la medesima radicalità anticomunista che impedisce l’unità delle sinistre e, sebbene si dichiarino antifascisti, continuano ancora ad accettare, a ventisette anni dall’unificazione, l’assenza di una Costituzione tedesca e la permanenza della provvisoria “Legge fondamentale” creata nel 1949 per la zona occidentale sotto tutela anglo-franco-americana. La disconnessione con la realtà rasenta a tratti l’inverosimile: nei sondaggi Schulz aveva inizialmente agguantato la parità con la CDU, ma che il suo faccione rassicurante non bastasse era diventato noto fin dalle prime occasioni di voto reale (e non demoscopico) per i parlamenti regionali a maggio 2017. Nonostante questo, la SPD ha continuato su una linea politica schizofrenica, che rifiutava la Grosse Koalition e neppure considerava una politica unitaria a sinistra.

    Questa linea suicida è la medesima battuta anche in Francia da Mélenchon e in Italia da alcune sparute forze di sinistra. Il primo, invece di accettare la sfida di Macron sulla «societé du travail», si è limitato a contestarlo sulla memoria storica negando le responsabilità della Francia nei rastrellamenti e deportazioni degli ebrei. In Italia i paradossi sono esemplificati da Fratoianni che invoca il fronte democratico per battere il fascismo (quindi per questo se ne sta fuori dal centrosinistra e inveisce contro il fronte democratico Pd-Forza Italia) e da Rizzo che invece di lottare per un governo comunista europeo vuol far precipitare l’Italia nel baratro dell’isolamento (per la serie: amo così tanto Serbia e Transnistria che voglio essere come loro).

    Nessuno, in tutto questo, si è fermato a riflettere sulla svolta politica post-elettorale di Corbyn, che ha riconosciuto la necessità per i partiti socialisti di essere al centro della società (leggasi: Partito della Nazione). Grasso era troppo occupato a tradurre dall’inglese lo slogan elettorale “For the many, not the few” per documentarsi su cosa è successo dopo.


    Alessandro Zabban

    La sinistra, almeno in Occidente, sta facendo di tutto per rendere il celebre ammonimento reazionario di Margaret Thatcher, "There is no Alternative" (non c'è alternativa al neoliberismo), una vera e propria profezia.

    In crisi di egemonia e di legittimità, la sinistra europea lavora duramente per ottenere un minimo di visibilità, di credibilità e di consenso in un campo dominato dal realismo capitalista. Le poche energie vengono necessariamente mobilitate nel breve periodo: si guarda alle prossime elezioni, ci si organizza come si può per provare a fermare la prossima legge che precarizza (ulteriormente) il mercato del lavoro, e così via. La debolezza cronica della sinistra ha così necessariamente spinto in secondo piano il fondamentale problema del "che fare?" una volta vinte le elezioni e preso il potere politico. 

    Il neoliberismo è un modo di governare l'economia e la società che ha una sua logica intrinseca.

    Esistono ovviamente delle varianti nazionali e geopolitiche nella sua governance ma queste condividono tutte una serie di ricette e di modi di organizzare la realtà specifici.

    Nell'apparante caos dell'ordine globalizzato e post-westfaliano attuale, il neoliberismo segue una sua cinica ma coerente logica.

    Forse ha torto Foucault quando afferma che al socialismo è sempre mancata una sua specifica governamentalità ma è evidente che in questa fase storica, manca un modo coerente e complessivo di pensare l'alternativa politica. Come vogliamo che sia l'economia? Come deve essere la società? Come vogliamo che sia l'individuo all'interno di questa società?

    Il neoliberismo sa benissimo ciò che vuole mentre mi pare che manchi una visione d'insieme a sinistra sulla società del futuro da costruire (non si è nemmeno d'accordo su come deve essere pensata la coppia sovranità/globalizzazione).

    In questa fase storica l'ammonimento di Foucault va dunque preso sul serio: manca un progetto politico reale e ci si appoggia su governamentalità già esistenti: forze come Podemos, Linke, La France Insoumise sembra che facciano molta fatica a proporre qualcosa di più che non sia la solita ricetta socialdemocratica e keynesiana.

    Ma che succede quando queste ricette sono sostanzialmente inapplicabili? Vincoli di bilancio, creditori internazionali, trattati di libero scambio, accordi europei non rendono quasi mai possibile mettere in atto reali misure redistributive (se stai all'interno delle regole del gioco la coperta è sempre cortissima).

    Quello che è accaduto a Syriza in Grecia è paradigmatico. Una volta vinte le elezioni, tutte le promesse elettorali fatte si sono dimostrate immediatamente irrealizzabili. Restavano due strade: una rottura drastica resa proibitiva proprio dalla mancanza di un progetto politico e di una logica di organizzazione dell'economia e della società nuovi e diversi oppure una gestione politica nella cornice delle logiche neoliberiste, non difformemente da quanto fatto da tutte le altre forze politiche.

    Syriza, in mancanza di una realistica alternativa, ha optato fin da subito per la seconda ipotesi e sarebbe ingenuo pensare che se vincesse l'estrema sinistra in Francia, Spagna o Italia sarebbe diverso. Conta poco il potere istituzionale se poi non si ha un' arte di governo in grado di trasformare la realtà.


    Immagine di copertina liberamente ripresa da www.wikipedia.org

    Scritto Martedì, 27 Febbraio 2018 00:00
  • L'inedito moderatismo del M5S: una storia che si ripete
    Scritto da
    L'inedito moderatismo del M5S: una storia che si ripete

    L'inedito moderatismo del M5S: una storia che si ripete

    Al di là della vicenda rimborsi, il dato fondamentale della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle è l’impressionante differenza tra i mezzi sguaiati, beceri ed eversivi del 2013 e l’attuale atteggiamento dimesso.

    Scritto Lunedì, 26 Febbraio 2018 00:00
  • L'odio di classe nei confronti del popolo
    Scritto da
    L'odio di classe nei confronti del popolo

    L'odio di classe nei confronti del popolo

    In questi anni, spesso, si discute circa un probabile scontro tra civiltà. Tematica in grado di accendere gli inamidi un gran numero di persone, ridar linfa ai peggiori nazionalismi, e far credere che il sistema occidentale, nonostante tutti i problemi ed errori, sia comunque il migliore in assoluto.

    Scritto Lunedì, 26 Febbraio 2018 00:00
  • Nuova legge elettorale: alcune riflessioni e un vademecum da un cittadino normale piuttosto stupito
    Scritto da
    Nuova legge elettorale: alcune riflessioni e un vademecum da un cittadino normale piuttosto stupito

    Nuova legge elettorale: alcune riflessioni e un vademecum da un cittadino normale piuttosto stupito

     

    Un cittadino normale di un paese normale, un cittadino magari non troppo educato sulle complessità tecniche dei sistemi di voto ma armato di buon senso e di un’idea piuttosto basilare di cosa si intenda per democrazia, si immagina che il sistema elettorale serva a costruire un parlamento che sia il più possibile rappresentativo delle diverse idee politiche diffuse nel paese.

    Scritto Domenica, 25 Febbraio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #226 - Nella terza economia del mondo ci sono bambini senza scarpe
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #226 - Nella terza economia del mondo ci sono bambini senza scarpe

    Pillole dal Giappone #226 - Nella terza economia del mondo ci sono bambini senza scarpe

    Il 52% dei minori di famiglie a basso reddito non ha abiti e scarpe a sufficienza. A renderlo noto una ricerca dell'associazione USNOVA che si occupa di contrasto alla povertà.

    Scritto Domenica, 25 Febbraio 2018 00:00
  • Le bugie sull'Africa e Thomas Sankara

    Il Becco presenta:

    «Le bugie sull'Africa e Thomas Sankara»
    un'iniziativa con Silvestro Montanaro, giornalista (già conduttore di C'era una volta sulla Rai).
    Introduce l'iniziativa Antonio D'Auria e intervengono Manuela Ciriello e Sandra Carpi Lapi.
    Circolo ARCI Il Progresso, via Vittorio Emanuele II 135, Firenze
    Mercoledì 28 febbraio 2018, ore 21.00 
     
    La proiezione del documentario E quel giorno uccisero la felicità del giornalista Montanaro sarà lo spunto per una riflessione sulle visioni fasulle che vengono diffuse dai media sull'Africa (e sulla questione migratoria, a queste strettamente legate) e sul tentativo di rivoluzionare le cose portato avanti dal presidente rivoluzionario del Burkina Faso Thomas Sankara.

    L'evento su Facebook 
    www.facebook.com/events/846806632172663.

    Scritto Sabato, 24 Febbraio 2018 11:20
  • Miseria e Nobiltà: a Genova la prima assoluta
    Scritto da
    Miseria e Nobiltà: a Genova la prima assoluta

    È una sensazione strana descrivere la prima assoluta di un’opera moderna, scritta e musicata da persone che sono ancora tra noi e non da autori lontani nel tempo. Il Carlo Felice di Genova ha deciso di regalarci questa sensazione (un investimento intellettuale ed economico che andrebbe premiato di per sé) con l’opera “Miseria e nobiltà” (repliche fino al primo marzo), ispirata alla commedia di Scarpetta, ma collocata nel giugno del 1946, è frutto del lavoro compositivo di Marco Tutino mentre libretto e sceneggiatura sono di Luca Rossi e Fabio Ceresa (un trio che ha già lavorato con successo nella trasposizione operistica de "La ciociara").

    Scritto Sabato, 24 Febbraio 2018 07:00
  • La panetteria di Maria
    Scritto da
    La panetteria di Maria

    La panetteria di Maria

    «E già che ci sei, compra anche il pane».

    Mi ero fatto incastrare da Cecilia, cena a casa sua con altri amici, e io che dovevo fare la spesa.

    Scritto Sabato, 24 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1612

    Bella l'idea di Trump di armare gli insegnanti. Già mi vedo i mexican standoff durante le interrogazioni.

    di Fdecollibus

    Scritto Sabato, 24 Febbraio 2018 00:00
  • Il filo nascosto: l'abito perfetto per l'addio al cinema
    Scritto da
    Il filo nascosto: l'abito perfetto per l'addio al cinema

    Paul Thomas Anderson cuce l'abito perfetto per l'addio al cinema di Daniel Day Lewis

    Se amate il cinema, segnatevi questo nome: Paul Thomas Anderson.

    Regista, sceneggiatore, produttore di quasi tutti i suoi film. Stavolta è anche direttore della fotografia.

    Scritto Sabato, 24 Febbraio 2018 00:00
  • Riflessioni su "Principe Libero"
    Scritto da
    Riflessioni su "Principe Libero"

    Riflessioni su "Principe Libero"

    Premessa: da una miniserie TV trasmessa dalla RAI in prima serata su personaggi o vicende reali mi aspetto un prodotto che sappia coniugare in misure accettabili cultura, divulgazione e intrattenimento. Stop.

    Scritto Venerdì, 23 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1611

    Ma se pubblico una fake fake news allora sto pubblicando una notizia vera?

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 22 Febbraio 2018 00:00
  • Italian theory: verso un pensiero militante?
    Scritto da
    Italian theory: verso un pensiero militante?

    Italian theory: se esiste che si sporchi le mani

    In un articolo di qualche tempo fa, pubblicato dal sito Le parole e le cose, Barbara Carnevali lanciava una provocazione contro il «simulacro di filosofia» che ha preso recentemente piede nelle università di tutto il mondo (occidentale), definibile secondo la filosofa con il termine «Theory»: «un amalgama di idee e formule di varia provenienza disciplinare (prevalentemente filosofia, psicanalisi e sociologia), estratte da un canone di autori disparati ma accumunabili in una generica postura radicale (Marx, Nietzsche, Lacan, Foucault, Deleuze, Bourdieu, Agamben, Said, Spivak, Butler, Žižek, l’onnipresente Benjamin, l’uscente Derrida, la new entry Latour…), fuse in un solo crogiolo e ridotte a un’agenda tematica angusta: il potere, il bios, il genere, il desiderio e il godimento, il soggetto e le moltitudini, la coppia dominanti-dominati, il capitale e lo spettacolo, etc»1.

    Scritto Giovedì, 22 Febbraio 2018 00:00
  • Il cambiamento culturale parte dal basso: una conversazione con i Welcome Back Delta
    Scritto da
    Il cambiamento culturale parte dal basso: una conversazione con i Welcome Back Delta

    Il cambiamento culturale parte dal basso: una conversazione con i Welcome Back Delta

    In un certo senso, i Welcome Back Delta sono l'esempio perfetto di quello che viene in mente quando ti viene chiesto di immaginare un progetto musicale interessante e fuori dal mainstream, con l'abilità di dimostrare che non c'è bisogno di una grande label per attrarre un seguito, farsi strada attraverso una serie impressionante di concerti e festival, e ritrovarsi con una consistente produzione di buona musica come prova di tutto questo.

    Scritto Mercoledì, 21 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1610

    Questo è il paese in cui se sbagli una tartare ti umiliano in prima serata e se sbagli una politica economica ti rieleggono.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 20 Febbraio 2018 00:00
  • Verso la conclusione della campagna elettorale: considerazioni sulla situazione
    Scritto da
    Verso la conclusione della campagna elettorale: considerazioni sulla situazione

    Verso la conclusione della campagna elettorale: considerazioni sulla situazione

    Si chiude la stagione dei sondaggi, mentre la campagna elettorale entra nelle ultime settimane. Se si vuole credere alle rilevazioni e all'opinione di commentatori e politici in vena di sincerità ci si avvia – complice la crisi che sembra stia vivendo il Partito Democratico e l'ingombrante presenza del M5S – verso una situazione di stallo, con nessuno dei tre poli principali in grado di conquistare una maggioranza di seggi nei due rami del Parlamento, e quindi o verso grandi coalizioni, che però potrebbero scontrarsi contro i numeri, o verso inevitabili nuove elezioni.

    Scritto Martedì, 20 Febbraio 2018 00:00
  • Di cambiamenti climatici, conflitti e generalizzazioni
    Di cambiamenti climatici, conflitti e generalizzazioni

    Di cambiamenti climatici, conflitti e generalizzazioni

    Numerose ricerche correlano cambiamento climatico e conflitti, ma la prima review mette in discussione la generalizzazione dei loro risultati, sollecitando alcune riflessioni anche sul nostro modo di leggere i fenomeni geograficamente e culturalmente “lontani da noi”.

    Scritto Lunedì, 19 Febbraio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #225 - Timidi segnali di ripresa da Fukushima
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #225 - Timidi segnali di ripresa da Fukushima

    Pillole dal Giappone #225 - Timidi segnali di ripresa da Fukushima

    Critiche da parte giapponese alla politica di dialogo intercoreano promossa dal Presidente della RdC Moon. “Nel passato sia il Giappone che la Corea del Sud hanno portato avanti politiche di conciliazione avanzate dal Nord ma l'unico risultato è stato quello di aver consentito alla Corea del Nord di proseguire nello sviluppo dei suoi programmi missilistici e nucleari” ha commento il ministro della Difesa di Tokyo Itsunori Onodera lo scorso 10 febbraio. “Il dialogo per il dialogo non ha nessun senso” ha detto il premier Abe ai giornalisti dopo un colloquio telefonico con l'omologo statunitense tenutosi lo scorso mercoledì. Intanto il Ministero degli Esteri di Tokyo ha segnalato il 13 febbraio tanto alle autorità del Belize quanto alle Nazioni Unite sospette violazioni da parte di operatori di quel Paese alle sanzioni verso la RPDC.

    Scritto Domenica, 18 Febbraio 2018 00:00
  • Stereotipi di genere nel fumetto: un incontro con Rita Petruccioli e Zerocalcare
    Scritto da
    Stereotipi di genere nel fumetto: un incontro con Rita Petruccioli e Zerocalcare

    Stereotipi di genere nel fumetto: un incontro con Rita Petruccioli e Zerocalcare

    Martedì 6 febbraio presso la Fondazione Stensen di Firenze si è parlato si stereotipi di genere e lo si è fatto con due ospiti di eccezione: l’illustratrice Rita Petruccioli e il fumettista Michele Rech, in arte Zerocalcare.

    Scritto Sabato, 17 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1609
    Scritto da

    Gentiloni da Merkel: "nessun rischio di un governo su posizioni populiste". Renzi: "vedremo, anche con un referendum costituzionale"

    di Medved'

    Scritto Sabato, 17 Febbraio 2018 00:00
  • Al bar con il Pirata
    Scritto da
    Al bar con il Pirata

    Al bar con il Pirata

    Tanti anni fa, quando proprio non pensi sia possibile...

    «José, ma chi è quel tipo con la bandana in testa? Mai visto qui».

    Non lo sapeva neanche José, un turista non sembrava proprio e poi così triste, mentre il giorno era così luminoso e scintillante.

    Scritto Sabato, 17 Febbraio 2018 00:00
  • Pubblicità no profit, tra buone intenzioni e pornografia dei sentimenti
    Scritto da
    Pubblicità no profit, tra buone intenzioni e pornografia dei sentimenti

    Pubblicità no profit, tra buone intenzioni e pornografia dei sentimenti

    "Il tuo aiuto può fare tanto per lui", "dona e aiuta un bambino a diventare grande"... Ogni giorno, più volte al giorno, siamo bombardati da richieste di sostegno alle più svariate cause. Il nostro egoismo è continuamente scosso da messaggi che ci ricordano l'esistenza nel mondo di situazioni disperate a cui serve il nostro urgente aiuto.

    Scritto Venerdì, 16 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1608

    Sul sito Salvinipremier.it il concorso “ Vinci Salvini”. È il primo concorso in cui "Ritenta, sarai più fortunato" esce quando vinci.

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 15 Febbraio 2018 00:00
  • “Orientalismo”, 40 anni dopo
    Scritto da
    “Orientalismo”, 40 anni dopo

    “Orientalismo”, 40 anni dopo

    Nel 1978 usciva il celebre saggio di Edward Said, un ripensamento critico del rapporto fra oriente e occidente

    L’Oriente misterioso, l’Oriente minaccioso, l’Oriente sensuale, l’Oriente dispotico, l’Oriente immutabile.

    Una lunga tradizione di pensiero ci ha portato a plasmare una solida immagine di tutto ciò che abbiamo voluto identificare come altro.

    Scritto Giovedì, 15 Febbraio 2018 00:00
  • Renzi in campagna elettorale a Firenze, una gara a chi è più securitario
    Scritto da
    Renzi in campagna elettorale a Firenze, una gara a chi è più securitario

    Renzi in campagna elettorale a Firenze, una gara a chi è più securitario

    È mancato solo il coro finale dei sindaci “sicurezza, sicurezza, primavera di bellezza”. Per il resto la giornata fiorentina del candidato senatore Matteo Renzi non ha tradito le attese. Con Marco Minniti portato in giro come una madonna pellegrina dai commercianti, dai bottegai e dai primi cittadini piddini del comprensorio. Tutti pronti a spellarsi le mani davanti al nuovo patto “Firenze sicura” - l'ennesimo – che dona alla città tredici ulteriori pattuglie delle forze dell'ordine “già pronte da domani”, da aggiungere a quelle che già oggi battono la città in lungo e in largo.

    Scritto Mercoledì, 14 Febbraio 2018 00:00
  • La forma dell'acqua: fiabe gotiche, politica, amore per il cinema
    Scritto da
    La forma dell'acqua: fiabe gotiche, politica, amore per il cinema

    La forma dell'acqua

    Fiabe gotiche, politica, amore per il cinema: ecco Il leone d'oro Guillermo Del Toro

    Devo ringraziare Guillermo Del Toro.

    Il suo è un atto d'amore unico per il cinema e per i suoi spettatori.

    Dopo quel film incredibile che era Il labirinto del fauno, è riuscito a ripetersi ancora una volta e ad abbattere il clichè del principe azzurro made in Disney.

    Scritto Mercoledì, 14 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1607

    Non capisco la coerenza di allearsi con Berlusconi e poi prendersela con il direttore di un museo egizio.

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 13 Febbraio 2018 00:00
  • Macerata: dopo l'attentato e la manifestazione
    Scritto da
    Macerata: dopo l'attentato e la manifestazione

    Macerata: dopo l'attentato e la manifestazione

    I fatti di Macerata hanno profondamente scosso il dibattito pubblico e acceso i toni di una campagna elettorale già rovente. La polemica imperversa su praticamente ogni aspetto della vicenda.

    La tentata strage da parte di Luca Traini è stata interpretata in modo molto diverso dalle varie forze politiche: per alcuni si è trattato di terrorismo di matrice razzista e neofascista, per altri del gesto isolato di un pazzo, senza alcun mandante morale alle spalle.

    Scritto Martedì, 13 Febbraio 2018 00:00
  • Non c’è scampo dai gamberi
    Scritto da
    Non c’è scampo dai gamberi

    Non c’è scampo dai gamberi

    Una specie invasiva getta luce sull’evoluzione di nuove specie

    Quando nei primi anni ’90 il gambero marmorizzato comparve all’improvviso nei negozi di animali di gran parte della Germania, nessuno ne fu particolarmente sorpreso. Sappiamo che molti crostacei, anche di grandi dimensioni, sono ancora sconosciuti alla scienza: alcune specie di granchio terrestre, popolari da decenni tra gli appassionati, sono state descritte soltanto l’anno scorso1.

    Scritto Lunedì, 12 Febbraio 2018 00:00
  • Il burocrate nero: il fallimento della politica sull'immigrazione del ministro Minniti
    Scritto da
    Il burocrate nero: il fallimento della politica sull'immigrazione del ministro Minniti

    Il burocrate nero: il fallimento della politica sull’immigrazione del ministro Minniti

    In queste ultime settimane di campagna elettorale, Matteo Renzi sta facendo girare come una trottola per l’intera penisola Marco Minniti, per sfoggiare i suoi risultati di Ministro dell’interno del governo Gentiloni. Applicando delle politiche e una chiara strategia voluta dal segretario nazionale del PD per trattenere l’elettorato di destra che, con la rinascita di Berlusconi e Forza Italia, sta tornando alla sua tradizionale collocazione dopo alcuni anni: uno dei tanti flussi elettorali che stanno fuoriuscendo dal Partito Democratico da tutte le direzioni politiche, la cui quantità sarà misurabile solamente dopo il voto. Dopo aver posizionato pedine (al momento) fedeli nei Collegi per reggere l’urto di una possibile sconfitta e schiacciare una minoranza infuriata, Renzi utilizza la ricetta Minniti contro l’incalzante quanto fomentato malcontento della popolazione italiana verso i rifugiati e migranti. Una ricetta basata su due pilastri fondamentali: il decreto sicurezza Minniti-Orlando (l’inserimento del nome del guardasigilli è una chiara mossa politica) e il Minniti Compact sull’immigrazione.

    Scritto Domenica, 11 Febbraio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #224 - Moon il pompiere, Pence ed Abe gli incendiari
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #224 - Moon il pompiere, Pence ed Abe gli incendiari

    Pillole dal Giappone #224 - Moon il pompiere, Pence ed Abe gli incendiari

    La fiaccola olimpica che sta rasserenando il clima tra le due Coree (con tanto di stretta di mano tra Moon e la sorella di Kim) alimenta invece il fuoco delle polemiche con il Giappone. Il governo nipponico ha infatti ufficialmente protestato, con il Portavoce Yoshihide Suga, contro la decisione sudcoreana inserire le isole Dodko (chiamate isole Takeshima dai nipponici) nella bandiera che ha rappresentato la squadra unificata (con atleti cioè sia del Nord che del Sud) di hockey sul ghiaccio.

    Scritto Domenica, 11 Febbraio 2018 00:00
  • Ore 15:17: Eastwood e l'eroe USA tra realismo, cliché e poco equilibro
    Scritto da
    Ore 15:17: Eastwood e l'eroe USA tra realismo, cliché e poco equilibro

    Ore 15:17: Eastwood e l'eroe USA tra realismo, cliché e poco equilibro

    "Il treno è il mondo, noi siamo i sopravvissuti, senza di te l'umanità cesserà di esistere" - diceva il saggio John Hurt a Chris Evans in Snowpiercer.

    Non sono diventato megalomane e non faccio la pubblicità alle ferrovie (sono figlio di ferrovieri).

    Scritto Sabato, 10 Febbraio 2018 00:00
  • Il caffè di José
    Scritto da
    Il caffè di José

    Il caffè di José

    Da José c'è il caffè più buono di Lisbona, o meglio, o melhor café da cidade.

    Da José vanno principalmente i pochi residenti "storici" del quartiere, in maggioranza portoghesi.

    Scritto Sabato, 10 Febbraio 2018 00:00
  • Ai confini (etici) della scienza
    Scritto da
    Ai confini (etici) della scienza

    Ai confini (etici) della scienza

    A distanza di vent’anni dalla pecora Dolly, un team cinese ha clonato due scimmie. Ancora una volta la domanda si ripete: fino a dove ci spingeremo?

    Scritto Venerdì, 09 Febbraio 2018 00:00
  • Tuco in Love – la subdola rivoluzione di un’opera western
    Scritto da
    Tuco in Love – la subdola rivoluzione di un’opera western

    Tuco in Love – la subdola rivoluzione di un’opera western

    Grazie al gradito dono di un abbonamento all’opera da parte di un’anziana amica di famiglia ho avuto la possibilità di andare a vedere una serie di opere di cui per essere del tutto onesto non mi sarei scomodato a pagare il biglietto. La prima è stata l’Iris di Mascagni – e la mia idea che non valga i soldi del biglietto ne esce immutata. Domenica scorsa è stato il turno della Fanciulla del West di Puccini – un autore che per qualche motivo ho sistematicamente sottovalutato, e per quanto la resa sia stata tutto men che perfetta, l’opera è senza dubbio una di quelle che val la pena di vedere, tanto per il suo innegabile valore musicale, quanto per degli interessanti aspetti nella caratterizzazione dei personaggi.

    Scritto Venerdì, 09 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1606

    Antonacci invita a citofonare alle persone che amiamo: "Sono di Enel Energia"

    di Fdecollibus

    Scritto Venerdì, 09 Febbraio 2018 00:00
  • Grecia: un bilancio verso la conclusione del terzo piano di salvataggio
    Scritto da
    Grecia: un bilancio verso la conclusione del terzo piano di salvataggio

    Grecia: un bilancio verso la conclusione del terzo piano di salvataggio

    La Grecia ricomincia a prendere a prestito denaro sui mercati finanziari a un tasso d’interesse non più da strozzinaggio e immediatamente a sinistra si canta vittoria.

    Non si tratta solo di vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso, ma di scambiare una nuova arma di ricatto per la salvezza, un abbaglio clamoroso.

    Scritto Giovedì, 08 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1605

    Sanremo: a giudicare dall'età media il pubblico dovrebbe votare col telegrafo

    di Fdecollibus

    Scritto Giovedì, 08 Febbraio 2018 00:00
  • Macerata: il sonno della ragione
    Scritto da
    Macerata: il sonno della ragione

    Macerata: il sonno della ragione

    Macerata, un fascista prende la pistola ed incomincia a sparare in piazza con un solo obiettivo: uccidere persone di colore. Undici persone ferite e di cui sei ferite gravemente, una strage evitata per pura casualità, un attentato mirato a creare terrore nel vero senso della parola.

    Scritto Giovedì, 08 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1604

    Comunque Macerata è la nuova Ciudad Juarez

    di Fdecollibus

    Scritto Mercoledì, 07 Febbraio 2018 00:00
  • Club del libro su Twitter: tra cultura e nuove tecnologie
    Scritto da
    Club del libro su Twitter: tra cultura e nuove tecnologie

    Club del libro su Twitter: tra cultura e nuove tecnologie

    È uno stereotipo molto comune, specialmente associato a preoccupazioni sul comportamento e la cultura di gruppo delle generazioni più giovani, che internet, e i social media in particolare, rappresentino una forza particolarmente deleteria quando si tratta dello sviluppo di una formazione culturale. Tutti quanti abbiamo a un certo punto letto l'inevitabile articolo di costume in cui si opponeva, come fosse un bivio senza altra possibile uscita, il tempo trascorso su internet a quello trascorso a leggere, giungendo alla conclusione che le interazioni di gruppo sui social media, oltre a essere un pericoloso covo di bullismo e diseducazione, stiano gradualmente accentuando il distacco degli adolescenti e post-adolescenti dalle attività tradizionalmente culturali, prima fra tutte proprio la lettura.

    Scritto Mercoledì, 07 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1603

    Ma quindi Erdogan conduce Sanremo?

    di Fdecollibus

    Scritto Martedì, 06 Febbraio 2018 00:00
  • Cavie umane per i test antismog
    Scritto da
    Cavie umane per i test antismog

    Cavie umane per i test antismog

    Nei tempi postmoderni in cui viviamo la schizofrenia è elevata a sistema di governo, per cui ogni processo diventa un ossimoro di se stesso volto a rivelarsi nella negazione di ciò che formalmente afferma. L’esempio più eclatante ci arriva dall’ecologia.

    La Commissione Europea citerà in giudizio presso la Corte UE gli stati membri colpevoli di aver violato le norme sull’inquinamento atmosferico.

    Scritto Martedì, 06 Febbraio 2018 00:00
  • Privato è peggio? Esternalizzazioni e crisi in Gran Bretagna.
    Scritto da
    Privato è peggio? Esternalizzazioni e crisi in Gran Bretagna.

    Privato è peggio? Esternalizzazioni e crisi in Gran Bretagna.

    Il fenomeno dell'esternalizzazione dei servizi è talmente diffuso ai quattro angoli del mondo Occidentale da non aver bisogno di troppe presentazioni.

    Amministrazioni pubbliche, dalle scuole ai comuni, dalle biblioteche alle università, dalle caserme ai Ministeri, privatizzano parte delle loro funzioni appaltandole ad aziende esterne, che a loro volta spesso e volentieri subappaltano il contatto vinto ad altri soggetti terzi.

    Scritto Lunedì, 05 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1602
    Scritto da

    Per Giorgia Meloni se un fascista spara è colpa della sinistra... Anche per Mussolini il fascismo era necessario per rispondere ai comunisti...

    di Medved

    Scritto Lunedì, 05 Febbraio 2018 00:00
  • Senza pretese: da Macerata
    Scritto da
    Senza pretese: da Macerata

    Senza pretese: da Macerata

    Riceviamo da una persona che vive a Macerata questo contributo arrivatoci sabato, con richiesta di pubblicazione in forma anonima, che rispettiamo.

    Macerata la dormigliona, Macerata “Civitas Mariae”!

    La bianca, la candida, l'insofferente cittadina di quarantamila anime si sveglia tardi col delitto di paese poco più che cominciato.

    Scritto Lunedì, 05 Febbraio 2018 00:00
  • Pillole dal Giappone #223 – Disoccupazione in calo ma ancora fermi i salari
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #223 – Disoccupazione in calo ma ancora fermi i salari

    Pillole dal Giappone #223 – Disoccupazione in calo ma ancora fermi i salari

    Terminata domenica scorsa la breve visita del ministro degli Esteri nipponico Taro Kono in Cina. I due Paesi “hanno la più grande responsabilità nella salvaguardia della pace e della prosperità in Asia e nel mondo” ha affermato Kono stemperando le tensioni di questi mesi con il vicino.

    Scritto Domenica, 04 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1601

    L’infinito spettacolo della stupidità umana offerto da internet ha ormai reso superflua qualsiasi altra forma d’intrattenimento.

    di Fdecollibus

    Scritto Domenica, 04 Febbraio 2018 00:00
  • Se il Duce ritornasse, tra Churchill e Stalin (sul grande schermo)
    Scritto da
    Se il Duce ritornasse, tra Churchill e Stalin (sul grande schermo)

    Se il Duce ritornasse, tra Churchill e Stalin (sul grande schermo)

    Cosa ricercate quando vi rinchiudete in una sala cinematografica? Intrattenimento, riflessione, divertimento, distrazione, commozione? I film a tema storico possono essere di diversi tipi: ci sono quelli con uno sfondo realistico molto sfumato (Il Gladiatore è forse l’esempio più immediato) e pellicole distanti dall’intento dello svago. A questa seconda categoria, indicativamente, possiamo ascrivere molte dei film usciti in questa prima parte del 2018.

    Scritto Domenica, 04 Febbraio 2018 00:00
  • The Post: donne al potere e libertà di stampa
    Scritto da
    The Post: donne al potere e libertà di stampa

    Donne al potere e libertà di stampa: la ricetta del trio Spielberg-Streep-Hanks 

    Il rapporto tra cinema e giornalismo viene da lontano.

    Nel 1941 iniziò Orson Welles con Quinto potere, poi Billy Wilder con Prima pagina e L'asso nella manica, Richard Brooks con L'ultima minaccia (ricordate il famoso «È la stampa bellezza?») fino agli anni '70.

    Ai tempi della presidenza Nixon, anche al cinema il tema è diventato onnipresente grazie all'exploit di Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula.

    Scritto Sabato, 03 Febbraio 2018 00:00
  • Antonio il pescatore e il caffè di José
    Scritto da
    Antonio il pescatore e il caffè di José

    Antonio il pescatore e il caffè di José

    All'ombra dell'ultimo sole
    s'era assopito un pescatore
    e aveva un solco lungo il viso
    come una specie di sorriso.
    (Fabrizio De Andrè, Il Pescatore)

    Antonio è seduto sulla solita panchina, il sole sta tramontando, i turisti girano ancora per Alfama e stasera si fermeranno a mangiare nei vari ristoranti del quartiere.

    Scritto Sabato, 03 Febbraio 2018 00:00
  • Il Becco Affilato #1600
    Scritto da

    Amministrazione Trump: armi chimiche in Siria. Bush jr: almeno i diritti d'autore...

    di Medved

    Scritto Venerdì, 02 Febbraio 2018 00:00
  • Un pasticcio chiamato Scuola del Patrimonio
    Scritto da
    Un pasticcio chiamato Scuola del Patrimonio

    Un pasticcio chiamato Scuola del Patrimonio

    La formazione da un po' di tempo a questa parte, nel nostro Paese, sta assumendo sempre più i connotati di un'eterna esperienza ciclica che pare non voler terminare mai.

    Scritto Venerdì, 02 Febbraio 2018 00:00
  • In nome del decoro: i poveri e il difforme fuori dalle città
    Scritto da
    In nome del decoro: i poveri e il difforme fuori dalle città

    In nome del decoro: i poveri e il difforme fuori dalle città

    Immaginate di potervi rimpicciolire a pochi centimetri e vivere in una realtà miniaturizzata. È l’idea sulla quale si basa il recente film Downsizing, con Matt Damon come protagonista. Città in miniatura perfette e con tutte le comodità, per salvare il pianeta dall’inquinamento, godendosi una improvvisa condizione di ricchezza (i soldi aumentano il loro valore nella realtà ridimensionata).

    Scritto Giovedì, 01 Febbraio 2018 00:00
  • La lotta per il futuro del popolo serbo
    Scritto da