Ultimi articoli

  • Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 2. Come trasformare l’accoglienza in detenzione
    Scritto da
    Il decreto sicurezza spiegato in 3 passi: 2. Come trasformare l’accoglienza in detenzione

    «E poi ascoltatevi un po’, mentre vi servite di questa parola, integrazione. Questa parola debole. Come si fa ad essere così maldestri? Guardate com’è rivelatrice di tutta la malafede che c’è in voi. Chiederci di integrarci dopo che siamo qui da due o addirittura da quattro generazioni è una vera presa per il culo. Voi credete che integrandoci riuscirete a domare le periferie, a ridurre la criminalità? Detto fra noi, i francesi amano questa parola, integrazione, perché fa’ credere loro di essere in grado di addomesticarci. Ma noi non siamo animali selvaggi. Lo sapete?… voi avete invertito i ruoli. Non sta a noi fare lo sforzo. È troppo tempo che ci facciamo il culo a spaccare le vostre vecchie strade con il martello pneumatico, ad assemblare i binari dei vostri treni con la fiamma ossidrica o a posare sul cemento le nuove piastrelle del vostro bagno. Non ci integreremo, perché questa parola è ripugnante. Sa di campo di correzione. […] Noi non aspettiamo con finta trepidazione che voi ci accettiate. La vostra integrazione ci fa ridere. È una parola tremenda. Non ci interessa. Noi non ci dobbiamo integrare. Non ci integreremo. Aspetteremo che voi reagiate, che ci vediate come chiunque altro, come uno straniero qualunque, come un francese qualunque.»
    (Ahmed Djouder, Disintegrati. Storia corale di una generazione di immigrati, il Saggiatore, Milano.)

  • Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP
    Scritto da
    Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP

    Pillole dal Giappone #264 – Diplomazia al lavoro sul RCEP

  • La difesa del posto di lavoro e la sconfitta della sinistra
    Scritto da
    La difesa del posto di lavoro e la sconfitta della sinistra

    «Chi combatte rischia di perdere, chi non combatte ha già perso» (Brecht)
    Brizè e Lindon tornano ancora una volta dalla parte degli ultimi con intenti neorealisti

  • Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – II
    Scritto da
    Un'introduzione alle teorie queer all'ex Libreria delle Donne – II

    [continua da qui]

    Insistere sulla criticità delle teorie queer significa anche controbattere alla campagna contro la cosiddetta ideologia gender.

  • La società americana raccontata nei romanzi noir
    Scritto da
    La società americana raccontata nei romanzi noir

    La letteratura di genere per me è il miglior mezzo possibile per descrivere il contesto storico-politico di una società. Certo i saggi politici, storici, economici, sono precisi e profondi nell’analisi e nella riflessione. Essi ci danno informazioni preziose e alla base c’è un grande lavoro fatto di studio, ricerca, tutte cose molto belle. Ma se davvero tu volessi vivere l’odore della notte, una lunga notte delle coscienze, dell’umana pietà, della deriva che ci circonda e della miseria del genere umano, nulla funziona meglio di un ottimo romanzo di genere.

Free Joomla! template by L.THEME

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti.